Guanto monouso per uso sanitario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esempi di guanti per uso sanitario. Da sinistra a destra: in vinile, vinile elastico, nitrile e lattice.

Il guanto monouso per uso sanitario (a volte chiamato anche guanto medicale, o guanto a uso medico, o più impropriamente guanto chirurgico) è un tipo di guanto di gomma monouso utilizzato durante gli esami e le procedure sanitarie per aiutare a prevenire la contaminazione incrociata tra operatori sanitari e pazienti.[1]

Possono essere realizzati con materiali polimerici diversi, tra cui lattice, gomma nitrilica, polivinilcloruro e neoprene, polietilene.

Oltre all'ambito sanitario, i guanti medicali possono essere utilizzati nei laboratori chimici e biochimici come protezione di base contro agenti corrosivi e la contaminazione superficiale. Tuttavia sono facilmente penetrabili da solventi e varie sostanze chimiche pericolose, per cui non devono essere utilizzati per il lavaggio di stoviglie o quando l'attività prevede l'immersione della mano guantata nel solvente.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Esistono vari tipi di guanti medicali: da esame e da chirurgia, sterili e non sterili, con o senza radioprotezione, marcati come dispositivo medico (DM) o come dispositivo di protezione individuale (DPI).

I guanti chirurgici hanno una migliore precisione e sensibilità e sono realizzati adottando appositi standard. I guanti da esame sono disponibili sia sterili che non sterili, mentre i guanti chirurgici sono sterili.[2]

Possono essere ricoperti da polvere di amido di mais per lubrificare l'interno dei guanti, in modo da indossarli più facilmente.[3] L'amido di mais ha sostituito la polvere e il talco di Lycopodium, che possono provocare irritazione ai tessuti, sebbene anche l'amido di mais può impedire la guarigione se entra nei tessuti (ad esempio durante un intervento chirurgico).

Le polveri lubrificanti ed alcuni materiale costitutivi il guanto, in particolare il lattice, sono associati a rischio allergico.[4][5] Speciali processi di trattamento delle superfici, come la clorinazione, sono utilizzati per mantenere la scorrevolezza del guanto anche senza polveri lubrificanti. Dal dicembre 2016 la FDA ha definitivamente bandito negli USA l'utilizzo di guanti polverizzati in chirurgia o nella gestione del paziente;[6] pertanto anche nella UE, durante un intervento chirurgico e altre procedure sensibili vengono utilizzati più spesso i guanti non polverizzati.

Normativa[modifica | modifica wikitesto]

La marcatura DM o DPI è esclusiva, non possono essere apposte entrambe e viene decisa dal fabbricante a seconda della funzione principale. Un apposito chiarimento interpretativo delle norme permette nella UE l'utilizzo con duplice funzione sia come DM che come DPI di guanti con una sola marcatura.[7]

Nelle forniture ospedaliere i guanti medicali DPI oltre alla registrazione come D.P.I. di III categoria ex D.Lgs. 475/92[8] e, dunque, la rispondenza alle norme UNI EN 374-1-2-3, devono rispettare i requisiti di Dispositivi Medici ai sensi del D.Lgs. 46/97 e, dunque, avere la rispondenza alle norme UNI EN 455 -1-2-3-4.[9][10][11][12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Medical Gloves and Gowns, FDA. URL consultato il 10 marzo 2010.
    «Medical gloves are disposable gloves used during medical procedures. Medical gloves help prevent contamination between caregivers and patients. Some are designed to prevent contact with certain chemotherapy drugs. Medical gloves include examination gloves, surgical gloves, and medical gloves for handling chemotherapy agents (chemotherapy gloves). These gloves are regulated by the Food and Drug Administration (FDA). FDA makes sure that manufacturers of these devices meet performance criteria such as leak resistance, tear resistance, etc.».
  2. ^ Personal Protective Equipment FAQ, Centers for Disease Control and Prevention. URL consultato l'8 giugno 2013.
  3. ^ Glove manufacturing, Ansell.eu. URL consultato il 14 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2011).
  4. ^ L. Belleri e M. Crippa, Vecchie e nuove tipologie di guanti in commercio e possibili implicazioni clinico-preventive: materiali e patologie, qualcosa è migliorato? / Old and new types of sanitary gloves: what has improved?, in La Medicina del Lavoro | Work, Environment and Health, vol. 99, n. 2, 1º marzo 2008, pp. 80–84. URL consultato il 13 aprile 2020.
  5. ^ (EN) Ray W Russell-Fell, Avoiding problems: evidence-based selection of medical gloves, in British Journal of Nursing, vol. 9, n. 3, 2000-02, pp. 139–146, DOI:10.12968/bjon.2000.9.3.139. URL consultato il 13 aprile 2020.
  6. ^ Banned Devices; Powdered Surgeon's Gloves, Powdered Patient Examination Gloves, and Absorbable Powder for Lubricating a Surgeon's Glove, su Federal Register, 19 dicembre 2016. URL consultato il 13 aprile 2020.
  7. ^ European Commission - Interpretative document on the interpretation of the relation between the revised Directive 93/42/EEC concerning medical devices and Directive 89/686/EEC on personal protective equipment -21 agosto 2009, su ec.europa.eu.
  8. ^ D.Lgs. 475/92 su NORMATTIVA, su www.normattiva.it. URL consultato il 13 aprile 2020.
  9. ^ UNI EN 455-1:2002, su store.uni.com. URL consultato il 13 aprile 2020.
  10. ^ UNI EN 455-2:2015, su store.uni.com. URL consultato il 13 aprile 2020.
  11. ^ UNI EN 455-3:2015, su store.uni.com. URL consultato il 13 aprile 2020.
  12. ^ UNI EN 455-4:2009, su store.uni.com. URL consultato il 13 aprile 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]