Gualberta Alaide Beccari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gualberta Alaide Beccari (Padova, 1842Bologna, 1906) è stata una femminista e scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanissima seguì il padre, fervente patriota mazziniano, in esilio a Torino, dove entrò in contatto con l'ambiente repubblicano, fonte primaria della sua educazione e del desiderio di farsi promotrice di una nuova educazione della donna, che doveva passare principalmente attraverso la lettura.

L'interesse per la scrittura[modifica | modifica wikitesto]

L'interesse di Gualberta per la scrittura e per l'impegno politico emerse fin da giovane nella sua prima pubblicazione: Fidanzati senza saperlo! Primo tentativo drammatico della giovinetta Gualberta Alaide Beccari emigrata veneta (Milano, L. Cioffi, 1860), dove l'epigrafe dedicatoria recita: «A' suoi fratelli di emigrazione ai martiri d'Italia questo tenue lavoro dettato or son due anni nella povera Padova tuttora gemente sotto il giogo straniero l'esule giovinetta Gualberta Alaide Beccari nel dì del suo compleanno consacra. Modena, 12 maggio 1860». Insieme a Francesca Zambusi dal Lago curò un albo commemorativo in onore di Adelaide Cairoli e dei suoi figli: Ad Adelaide Cairoli le donne italiane (Padova, Tipografia alla Minerva, 1873). Fu anche autrice di novelle e commedie, alcune delle quali pubblicate sotto lo pseudonimo di Flaviana Flaviani.

La rivista "La donna" (1868-1891)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1868 la Beccari fondò a Padova il periodico «La donna», che voleva essere «un organo degli interessi femminili […] l'unico scritto da donne»[1]. Scopo principale della rivista era quello informare ed educare le donne in tutti gli ambiti: politico, letterario, scientifico ed artistico; gli articoli non si limitavano alla sfera teorica ma apportavano esempi pratici relativi alle scuole ed al mondo del lavoro, non mancava inoltre uno sguardo internazionale, alle principali espressioni del pensiero femminile.

Il trasferimento a Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un breve soggiorno veneziano, nel 1878 la Beccari si trasferì a Bologna e con lei la redazione della rivista «La donna». In seguito al trasferimento della redazione a Bologna l'impegno politico della rivista si fece più specifico: argomento centrale divenne infatti l'attività delle società operaie di ispirazione mazziniana e di conseguenza l'attenzione alla lotta rivendicativa nel mondo del lavoro.

Attorno alla figura della Beccari e della rivista si creò una fitta rete di amicizie e corrispondenze che implicavano anche un intreccio di rapporti solidali e paritari, una rete di relazioni che si realizzava attraverso le pagine della rivista, ma anche durante le riunioni periodiche che avvenivano nella casa della Beccari, fucina di questo sodalizio intellettuale. Le riunioni della redazione de «La donna» si trasformarono in nuove occasioni di riunioni tra donne, non più confinate all'interno dei salotti, ma sempre più aperte a nuove esperienze e forme di discussione ed incontro.

Le collaboratrici della rivista "La donna"[modifica | modifica wikitesto]

Tra le collaboratrici della rivista si potevano annoverare Anna Maria Mozzoni; Sarina Nathan, Luisa Tosko, Giorgina Saffi, Giulia Cavallari Cantalamessa, Fanny Lewald, Ernesta Napollon, Anna Vertua Gentile, Irma Melany Scodnik, tutte impegnate nelle principali campagne del femminismo ottocentesco per la conquista dei diritti civili e politici delle donne.

Gli ultimi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Malata, morì a Bologna nel settembre del 1906. È sepolta alla Certosa di Bologna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. A. Beccari, Il nostro ottavo anno di vita, «La Donna»10 maggio 1875, n. 255

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Biadene, Solidarietà e amicizia: il gruppo de “La donna” (1870-1880), «Nuova DWF», 1979, n. 10-11
  • B. Pisa, Venticinque anni di emancipazionismo femminile in Italia: Gualberta Alaide Beccari e la rivista “La donna” 1868-1898, Roma, FIAP, 1982
  • M. Schwegman, Gualberta Alaide Beccari emancipazionista e scrittrice, Pisa, Domus mazziniana (Edizioni offset grafica), 1996
  • M.P. Casalena, Scritti storici di donne italiane. Bibliografia 1800-1945, Firenze, Olschki, 2003
  • Maria Teresa Mori, Gualberta Beccari, in Italiane vol. 1, a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le Pari Opportunità, 2004, p. 11-12.
  • R. Martorelli (a cura di), La Certosa di Bologna. Un libro aperto sulla storia, catalogo della mostra, Bologna, Tipografia Moderna, 2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN13106539 · SBN: IT\ICCU\NAPV\000109 · LCCN: (ENn90641092 · GND: (DE118930761
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie