Gruppi universitari fascisti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gruppi Universitari Fascisti)

I Gruppi universitari fascisti (GUF) furono l'articolazione universitaria del Partito Nazionale Fascista.

Nascita[modifica | modifica wikitesto]

Già dal 1919 studenti universitari cominciarono ad aderire al neonato movimento dei Fasci italiani di combattimento, formando in numerose città Squadre d'azione formate da goliardi. Nel 1920 nacquero ufficialmente i Gruppi Universitari Fascisti, che raccoglievano tutti gli universitari che si riconoscevano prima nel programma sansepolcrista e poi nel Partito Nazionale Fascista. Nel 1927, dopo la totalitarizzazione dello Stato, si ebbe una ristrutturazione dei gruppi. Il Partito si dedicherà così con attenzione alla loro organizzazione ed all'educazione di questa gioventù che, secondo Benito Mussolini, dovrà rappresentare "la futura classe dirigente" d'Italia.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Facevano parte dei GUF, gruppi ad iscrizione su base esclusivamente volontaria, i giovani tra i 18 ed i 21 anni che provenivano dalla Gioventù Italiana del Littorio (GIL) iscritti ad una Università, ad un Istituto Superiore, ad un'Accademia Militare o all'Accademia Fascista della GIL[1][2].

I Gruppi Universitari Fascisti erano cooptati in nuclei di almeno 25 fascisti universitari, costituiti in ogni città, sotto il comando di un responsabile nominato dal Segretario Federale, su proposta del Segretario del GUF. I responsabili di ogni nucleo facevano parte dei rispettivi Direttori dei Fasci di Combattimento locali.

Ogni GUF aveva sezioni di laureati e diplomati, una Sezione Studenti Stranieri (dove ve ne fossero stati) ed una Sezione femminile, di cui facevano parte le studentesse universitarie, le laureate e le diplomate fino ai 28 anni.

Compiti[modifica | modifica wikitesto]

Due aderenti al GUF di Addis Abeba in divisa, ritratti col signum, sovrastato dall'aquila romana, recante il nome della sezione ed un ritratto di Mussolini

I GUF erano impegnati in:

  • attività politico-culturali, con l'obiettivo di preparare e selezionare giovani. Esse erano effettuate tramite la Scuola di Mistica Fascista, che organizzava e coordinava corsi di preparazione politica, Prelittoriali e Littoriali di cultura, arte e lavoro, il Teatro sperimentale del GUF, le sezioni cinematografiche, radiofoniche e di stampa universitaria;
  • attività sportive, con l'organizzazione di Agonali, Littoriali dello sport, Settimane Alpinistiche e Marinare;
  • attività assistenziale, effettuata tramite case e mense dello studente ed ambulatori medici.

I Littoriali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1934 vennero organizzati a cadenza annuale degli incontri denominati Littoriali della cultura e dell'arte (organizzati da Giuseppe Bottai ed Alessandro Pavolini) che si affiancarono a quelli dello sport, creati nel 1932.

Interpretazioni[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, questi incontri di confronto tra giovani intellettuali portarono alla nascita dei primi contrasti in seno al Partito Nazionale Fascista. Egli ritiene che il GUF "era in effetti un vero e proprio vivaio di energie intellettuali antifasciste, mascherato e fino a un certo punto tollerato".[3]

Analoga è pure la testimonianza diretta del regista Turi Vasile secondo il quale, grazie anche alla “indulgenza che allora si riservava, per retorica o per eccessiva sicurezza, alla gioventù”, all'interno dei GUF si approfittava di questa situazione “per liberarci di ogni condizionamento ideologico”.[4]

Secondo i pochi storici che se ne siano occupati ed altri testimoni diretti dei GUF (tra i primi, Mirella Serri e Simone Duranti, tra i secondi, Nino Tripodi, Davide Lajolo), gli aderenti ai GUF erano invece fascisti fanatici - spesso antisemiti - che si ponevano alla destra del regime, criticandolo per il suo eccessivo moderatismo e la perdita della spinta rivoluzionaria degli albori.[1][5][6]

Iscritti noti[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù, anche numerose personalità del mondo politico e culturale dell'Italia repubblicana (compresi nomi successivamente legati alla storia dell'antifascismo) fecero parte dei GUF.

[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nino Tripodi, Italia fascista in piedi!, Edizioni Settimo Sigillo, 2006.
  2. ^ Simone Duranti, Lo spirito gregario. I gruppi universitari fascisti tra politica e propaganda (1930-1940), Donzelli, 2008.
  3. ^ Edmondo Berselli, Lord Giorgio d'Italia, L'espresso. URL consultato il 2 aprile 2016.ora nel sito dell'"Associazione amici di Edmondo Berselli"
  4. ^ nell'articolo pubblicato su “Il Tempo” del 17 novembre 1984, riportato anche in Enzo Giudici, Riflessioni sulla cultura del periodo fascista, Ed. Istituto di Studi Corporativi, Roma, 1989, Turi Vasile parla così della vivace attenzione degli universitari negli anni '40 sulla produzione teatrale contemporanea, sia straniera che nazionale: “Approfittammo dell'indulgenza che allora si riservava, per retorica o per eccessiva sicurezza, alla gioventù, per liberarci di ogni condizionamento ideologico e applicarci allo studio e alla rappresentazione della produzione contemporanea straniera, dalla quale per precetto di regime avremmo dovuto tenerci lontano” […] «Furono invece meriti dei teatriguf - al di fuori di ogni impostazione politica - la ricerca di un repertorio nazionale "valido sul piano dell'arte", la vivace polemica contro il teatro cosiddetto borghese o d'evasione, la rispettosa messinscena dei testi degli autori già citati [cioè Pirandello, Bontempelli, Rosso di San Secondo, Ugo Betti, Diego Fabbri], e di altri, come Cesare Vico Lodovici e Stefano Landi, e dei giovani di allora, come Siro Angeli, Giovanni Gigliozzi, Enrico Ribulsi, Tullio Pinelli, Ennio De Concini che la successiva involuzione della scena italiana sembra aver scoraggiato per sempre togliendo loro le occasioni per manifestarsi».
  5. ^ Mirella Serri, I redenti, Corbaccio, 2005.
  6. ^ Simone Duranti, Lo spirito gregario I gruppi universitari fascisti tra politica e propaganda (1930-1940), Donzelli, 2008.http://www.donzelli.it/libro/1783/lo-spirito-gregario
  7. ^ Quasi tutti i nominativi citati in questa sezione sono tratti dalle seguenti fonti: Turi Vasile, articolo su "Il Giornale.it" del 30 gennaio 2010, 07:00 dal titolo "Torna alla luce l'archivio segreto di Ronchi"; dal comunicato stampa ufficiale congiunto della "Casa delle letterature" e dell'Assessorato alle politiche culturali del Comune di Roma, diffuso in occasione della mostra "Generazione in fermento, Arte e vita a fine ventennio", dedicata a tre riviste - ed ai personaggi che vi collaborarono - pubblicate con il sostegno dei GUF tra il 1939 e il 1943, evento riportato tra gli altri anche in "Roma Notizie", Generazione in fermento, Arte e vita a fine ventennio

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Grandi, I Giovani di Mussolini, Baldini Castoldi Dalai, 2003.
  • Luca La Rovere, Storia dei GUF, Bollati Boringhieri, Torino, 2003.
  • Mirella Serri, I redenti, Corbaccio, Milano 2005.
  • Nino Tripodi, Italia fascista in piedi, Settimo Sigillo, Roma, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]