Gruda (tribù)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gruda (montenegrino e serbo cirillico: Груда, albanese: Grudë) è una regione storica tribale nel sud-est del Montenegro, a nord del lago di Scutari, che comprende la cittadina di Tuzi, a Podgorica. È abitata da una maggioranza di etnia albanese.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Gruda deriva dallo slavo, che significa "suolo, piota".

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Gruda è una regione tribale albanese storica all'interno del Montenegro, lungo il confine montuoso con l'Albania, a est di Podgorica.

La regione tribale storica Gruda, come descritto da A. Jovicevic (1923), comprendono i seguenti insediamenti:

  • Insediamenti sulla riva destra del Cijevna:
    • Dinoša / Dinoshë
    • Lovka / Llofkë
    • Pikalj / Pikalë
    • Prifti / Prift
    • Selišta / Selishtë
      • Gornja Selišta / Selishtë e Epërme
      • Donja Selišta / Selishtë e Poshtme
  • Insediamenti sulla riva sinistra del Cijevna:
    • Gurec / Gurrec
    • Kaljaj
    • Krševo / Kshevë
    • Milješ / Milesh
      • Gornji Milješ / Mileshi i Epërm
      • Donji Milješ / Mileshi i Poshtëm
    • Paškala / Passhkallë
    • Vuljevići / Vulaj
      • Gornji Vuljevići / Vulaj i Epërm

Nella parte occidentale di Gruda si trova la piccola catena montuosa di Deçiq, così come il fiume, che attraversa Gruda, separandosi dal villaggio di Suka, oltre a costituire il confine tra le terre della tribù Gruda e quelli di Kuči. Deçiq e Suka sono le più grandi montagne di Gruda.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome è stato registrato per la prima volta nel 1648 come Grudi .[1] La tribù di Gruda è stata determinante per la resistenza ottomana nella regione. Le montagne a nord-est di Tuzi sono ricordati come il luogo di una grande rivolta albanese del 1911 contro i turchi, che è stato tra i primi passi significativi verso l'indipendenza albanese e probabilmente il momento più distintivo della resistenza albanese del nord.

Gruda ha dimostrato di essere un fuoco di conflitto tra l'Impero Ottomano e il Montenegro durante il 1880. Cercarono di non far cedere Dulcigno al Montenegro, e che Gruda fosse lasciata agli albanesi. Nello stesso tempo, il rappresentante, Riza Pasha stava girando un occhio ai preparativi albanesi per la resistenza contro l'imminente occupazione montenegrino.

Secondo il barone Franz Nopcsa, Gruda era una tribù prevalentemente cattolica con una popolazione di circa 7.000 nel 1907.[1]

Nel 1911, sotto la guida di Sokol Baci Ivezaj, guerriglieri albanesi hanno lanciato un importante attacco contro una posizione strategica del Monte Deçiq. La forza si dice che abbia perso circa ottanta vittime, ma alla fine prevalse, e piantarono la bandiera albanese alla cresta della collina (la prima volta la bandiera era stata sollevata nel paese dal 1469).Questo atto simbolico ha rappresentato un segno importante di fatiscente dominio dell'impero ottomano sui Balcani, e cementata la reputazione di Gruda fra le altre tribù di etnia albanese.

La città di Tuzi si trova nella parte orientale di Gruda. Ha 3.789 abitanti, più di 2.000 sono albanesi, che lo rende, secondo il censimento del 2003, la più pesante concentrazione di etnia albanese in Malesië. Negli ultimi 30 anni c'è stato un afflusso minore dai villaggi circostanti di albanesi che stanno cercando di approfittare del maggiore livello di Tuzi di vita e migliore sistema educativo.

Antropologia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

La tribù di Gruda è diviso in due famiglie: Vuksangelaj/Vuksangeljići e la Berishaj/Berišići.

Vuksangelaj/Vuksangeljići[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Andrija Jovicevic, esistono diversi conti per quanto riguarda le origini della famiglia Vuksangelaj, tra i quali si prevedono solo tre:

  • Il primo racconto descrive il fondatore dei Vuksangelaj: Vuksan Gelaj, emigrato a Gruda da un villaggio chiamato Suma vicino a Scutari. Vuksan aveva tre figli: Iveza, Nik e Vuc, da cui discendono i Ivezaj/Ivezić, Nikaj/Nikovići e Vucoki rispettivamente.
  • Il secondo racconto descrive il fondatore dei Vuksangelaj come Grud Suma, emigrato dal villaggio di Suma, vicino Pult. Grud Suma inizialmente si stabilì a Geljina Skala, vicino Pikalj. Grud aveva tre figli - Gjon, Ban e Jun.
    • Gjon Gruda ebbe un figlio, Gel Gjona. Gel Gjona aveva due figli: Vuksan Gela e Vuçin Gela. Vuksan Gela aveva quattro figli: Iveza, Nogza, Nik e Vuc, dei quali scendono i Ivezaj/Ivezić, Sinishtaj/Siništovići, Nikaj/Nikovići e Vucoki. Vuçin Gela ha avuto un figlio, dal quale derivano i Vuçinaj/Vučinići. Diversi membri della famiglia Vuçinaj poi emigrarono a Nikšić.
    • Da Ban Gruda discende la famiglia Lulgjuraj / Ljuljđurovići.
    • Da Jun Gruda discende la famiglia Vulaj / Vuljević.
  • Il terzo racconto descrive il fondatore dei Vuksangelaj come Gjon Suma. Gjon Suma fuggito dal villaggio di Suma a causa di un omicidio precedente (vendetta di sangue), e si stabilì in suddetta Geljina Skala. Gjon Suma aveva tre figli: Gel, Pal e Sokol. Gel rimasto da Geljina Skala. Pal inizialmente spostato con Bregviza vicino al Cijevna, e poi a Lovka. Sokol emigrato a Scutari, dove si è convertito all'Islam. Da Sokol discendono i Sokolli/Sokolovići a Scutari. Gel Suma aveva due figli: Vuksan Gela e Vuçin Gela. Vuksan Gela aveva quattro figli: Iveza, Dok, Nik e Vuk, da cui discendono la Ivezaj/Ivezić, Gjolaj/Đoljevići, Nikaj/Nikovići e Sinishtaj/Siništovići rispettivamente. Da Vuçin Gela discendono i Vuçinaj/Vučinići.

Berishaj/Berišići[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Berishaj discende da un individuo di nome Priftaj. Priftaj era originario di Shalë che emigrato a Gruda, andò a vivere in un villaggio che ora porta il suo nome: Prifti. Dopo l'arrivo in Prifti, ha scoperto numerosi abitanti nativi della famiglia Tihomir. Priftaj era cattolico, mentre i Tihomiri erano ortodossi. La famiglia Tihomir successivamente si trasferì a Orahovo in Kuči, lasciando la famiglia Berishaj come gli unici abitanti del villaggio.

Famiglie[modifica | modifica wikitesto]

Le famiglie della tribù Gruda sono:

  • Beqaj (Bećovići)
  • Berishaj (Berišaj, Berišići)
  • Bojaj (Bojovići)
  • Dukaj
  • Gjokaj (Đokaj, Đokovići)
  • Gjolaj (Đoljaj, Đol(j)evići)
  • Hakshabanaj (Akšabanovići)
  • Ivezaj (Ivezići)
    • Grimaj (Grimović) - discendente di Grim Deda Ivezaj
    • Pepaj (Pepići) - descendente from Pep Gjona Ivezaj
  • Gilaj (Giljaj, Giljići)
  • Hakaj
  • Haxhaj (Adžovići)
  • Kalaj (Kaljevići)
    • Sukaj (Sukovići)
  • Kajoshaj (Kajoševići)
  • Kërnaj (Krnići)
  • Lulanaj (Ljuljanaj, Ljuljanovići)
  • Lulgjuraj (Ljuljđuraj, Ljuljđurovići)
    • Fërluçkaj (Frljučkići)
    • Krkanaj (Krkanović)
    • Pecaj (Pecevići)
  • Neziraj
  • Nikaj (Nikovići)
    • Lekaj (Lekići)
  • Sinishtaj (Siništaj, Siništovići; fra cui Nokë Sinishtaj, 1944, religioso e poeta)
  • Stanaj (Stanović) - Related to Vulaj/Vuljevići
  • Vuçinaj (Vučinići)
  • Vulaj (Vuljaj, Vuljevići) - Related to Stanaj/Stanovići

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Gruda inizialmente era del tutto cattolica romana. A causa della presenza turca ottomana, molte famiglie si convertirono all'Islam. Mentre i cattolici costituiscono una maggioranza nella maggior parte degli insediamenti in Gruda, i musulmani costituiscono la maggioranza in Adžovići, Dinoša e Milješ.

La Chiesa Gruda (Kisha e Grudës), costruita nel 1528, dedicata a San Michele, si trova nel villaggio di Prifti, non solo un punto di riferimento culturale albanese, la sua costruzione fornisce la data di riferimento più concreto dal quale etnia albanese nella traccia zona loro ascendenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Robert Elsie, Historical Dictionary of Albania, Scarecrow Press, 19 marzo 2010, p. 177, ISBN 978-0-8108-7380-3. URL consultato il 13 maggio 2013.