Griselda Siciliani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Griselda Siciliani

Griselda Siciliani (Buenos Aires, 2 aprile 1978) è un'attrice argentina.

Dopo alcuni ruoli in teatro, nel 2005 debutta in televisione nella telenovela Sin código e dopo altri ruoli minori, ottiene una parte protagonista in Il mondo di Patty, Para vestir santos - A proposito di single, nella prima stagione di Los únicos, Farsantes e Educando a Nina. Ha anche preso parte in ruoli di primo piano a rappresentazioni teatrali, tra le quali Quiero Llenarme de Ti, Sweet Charity, La Forma de las Cosas, Corazón idiota, Estás que te pelas, Sputza! e Sugar. Per alcuni dei personaggi interpretati ha ricevuto alcuni riconoscimenti nel paese natale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nel 1978 da Norberto Siciliani e Ida, entrambi docenti[1]. È la seconda di cinque fratelli: Malena, Paulina, Guido, Marilina e Letizia, anch'essa attrice[2][3]. Cresce nel barrio di Villa Luro[1].

Inizia svolgendo alcune attività nel suo quartiere per permettersi l'entrata in alcuni spettacoli comici come quelli di Fito Paez[3], all'età di otto anni inizia ad interessarsi alla danza e due anni dopo si iscrive alla scuola di danza "Escuela Nacional de Danza", in cui studia danza contemporanea insieme a Carlos Casella, Ana Garat, Marina Giancaspro e Liliana Nuño[4]. Successivamente è un'alunna dell'attore Hugo Midón per oltre quattro anni ed inizia a frequentare il "Conservatorio Manuel de Falla", dove studia canto e musica per alcuni anni che continua in un secondo momento con Mariano Moruja[5].

Nel 1997 debutta come attrice nell'opera teatrale Lo mejor de Los Muvis nel Teatro Lasalle[6] e l'anno successivo è assistente coreografa nello spettacolo teatrale La vuelta a la manzana di Hugo Midón, dove sostituisce anche l'attrice Virginia Kaufmann per alcuni spettacoli[5]. Nello stesso periodo prende parte ad alcuni spettacoli di danza contemporanea e altri dedicati ai bambini[7] come quello in cui era ospite insieme a Virginia Kaufmann nello show comico di Pipo Pescador[5].

Negli anni successivi non risultano altre attività in campo teatrale.

Anni duemila: il debutto televisivo, i ruoli in teatro e Il mondo di Patty[modifica | modifica wikitesto]

Prende parte allo spettacolo umoristico La danza cansa, nel 2003 e l'anno successivo nel musical De Protesta[8]. Tra il 2004 e il 2006[5] è regista, creatrice e protagonista insieme a Virginia Kaufmann della rappresentazione teatrale Tan modositas sempre, prodotto con l'aiuto della sorella della Siciliani, Marilina[9].

Nel 2005 recita in teatro in Revista Nacional dove conosce Adrián Suar, produttore dello spettacolo e suo futuro fidanzato. La recitazione della Siciliani viene apprezzata dalla critica insieme a quella di Nicolás Scarpino[10]. L'attrice è stata scelta per questo ruolo grazie allo spettacolo ideato insieme alla Kaufmann, infatti, la Siciliani si è presentata ai casting per far parte del corpo di ballo, per poi essere riconosciuta per il ruolo da protagonista in Tan modositas e scelta successivamente (alla quarta parte del provino) per una parte come attrice[11]. Nello stesso anno è la cantante per El rebenque show fino al 2006, sempre apprezzata dai quotidiani[5][12]. Inoltre, appare nel primo numero della versione argentina di Playboy con Charly García[13]. La stessa Siciliani rivela, in seguito, di non essere soddisfatta dell'operato[14]. Nello stesso periodo, debutta sul piccolo schermo nella seconda stagione della telenovela Sin código dove partecipa con il personaggio di Flor fino agli inizi del 2006. Grazie a questo ruolo vince due premi come rivelazione dell'anno al Premio Martín Fierro[15] e al Premio Clarín; oltre che a ricevere la considerazione da parte della critica locale[16]. Per questa interpretazione, è stata convocata sempre da Suar[7].

L'anno dopo è Débora Quesada in Sos mi vida[17]. Nello stesso anno è in teatro con la versione locale di Sweet Charity, dove interpreta la parte principale di Nickie e in Hermosura del gruppo El Descueve, rimpiazzando il ruolo dell'attrice Mayra Bonard per alcuni spettacoli, vista la gravidanza di quest'ultima[18][19]. Alla fine del 2006 viene scelta per la parte protagonista di Carmen Castro per la telenovela Il mondo di Patty (in patria Patito feo)[20], madre della protagonista, tra il 2007 e il 2008 per entrambe le stagioni. Il personaggio viene ripreso dalla stessa attrice nei vari musical svoltosi tra il 2007 e il 2009. Nella serie l'attrice ha potuto cantare due canzoni dal titolo Tarde de Otono[21] e Fruta preferida[22], contenute in alcuni album pubblicati dalla serie tra il 2007 e il 2010. Per questo ruolo ha ricevuto due nomination al Premio Martín Fierro nel 2008 e nel 2009[23][24]. Durante le riprese di questa serie soffre di attacchi nervosi, dovuto all'operazione di rinoplastica di cui inizialmente non era soddisfatta[25], salvo poi ammettere di essere soddisfatta di questo cambiamento[26]. Inoltre, nel 2007 fa un cameo nel lungometraggio La antena, apparendo come una ballerina. Nello stesso periodo e fino al 2009 dirige ed interpreta una parte nel musical Quiero llenarme de ti insieme alla Kaufmann e Diego Bros, sostituita nel 2008 da Natalia Cociuffo[18], ritornando nel 2009 per lo spettacolo conclusivo.

Protagonista dell'opera teatrale Corazón idiota nel 2009 insieme a Carla Peterson[27]. In quest'anno fa anche una partecipazione speciale come Denise nella serie televisiva Tratame bien ed ha un ruolo principale in La forma de las cosas, spettacolo con Fernán Mirás[28], dove interpreta Evelyn, un'artista particolare.

2010-2016: altri ruoli da protagonista e la gravidanza[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2009 viene scelta insime a Celeste Cid e Gabriela Toscano per le registrazione della serie Para vestir santos - A proposito di single, le cui riprese iniziano all'inizio del 2010[29] e in cui interpreta Virginia San Juan. L'anno successivo è nel cast protagonista della prima stagione della telenovela Los únicos come María Soledad Marini e nella trasposizione teatrale dello stesso, dove, però, viene sostituita dopo alcune tappe da Gimena Accardi, vista la gravidanza della Siciliani[30]. Il ruolo non viene ripreso neanche nella seconda stagione, visto che la serie viene dedicata ad un pubblico più giovanile rispetto alla prima parte[31].

Dopo una piccola pausa dalle scene tra la fine del 2011 e il 2012, dovuta alla maternità[32], nel 2012 esce il suo film El último Elvis in cui interpreta Alejandra Olemberg, registrato qualche anno prima, quando era in tour con Corazón Idiota e mentre filmava la serie Para vestir santos. Il provino dell'attrice per questo film risale al 2007[33]. Nel gennaio del 2012 è ospite del Sundance Film Festival per la presentazione del lungometraggio[34]. Questa produzione segna il suo primo ruolo da protagonista al cinema[35]. Ritorna nelle scene nel 2013 in Farsantes[36], impersonando Gabriela Soria. Nel 2014, dopo essere stata parte di alcune produzioni per Pol-ka Producciones per Canal 13, realizza una partecipazione speciale nella serie Viudas e hijos del Rock & Roll per Underground Producciones come Susana Bartolotti[37]. Nello stesso anno è ospite nella puntata 22 del reality show Tu cara me suena dove interpreta la cantante statunitense Madonna[38] e dirige e interpreta assieme a Carlos Casella il musical Estas que te pelas, per cui riceve e/o vince riconoscimenti al Premio Ace[39][40]. Lo spettacolo viene anche presentato nel dicembre del 2014 a Madrid, sempre alla presenza del cast originario[41].

Nel 2015 è giurata di puntata nel reality show Elegidos (La música en tus manos)[42] ed è protagonista (oltre che ideatrice sempre insime a Casella) dell'opera teatrale Sputza![43], le cui rappresentazioni aumentano con il passare dei mesi visto il successo di pubblico[44].

2016-presente: Educando a Nina e Sugar[modifica | modifica wikitesto]

Continuando le repliche di Sputza! (oltre che in Argentina anche in Uruguay[45]), nel 2016 interpreta Nina Peralta, Mara Brunetta e Luisa Peralta nella commedia televisiva Educando a Nina e registrata nello stesso anno. Per questi ruoli riceve due premi, rispettivamente uno al Premio Martín Fierro[46] e al Premio Tato[47]. Fa un cameo nel film Me casé con un boludo. Inoltre, insieme ad altri sessanta attori, recita nel cortometraggio Libro de la memoria, progetto per dare voce ad alcuni autori argentini ormai deceduti[48].

Nel 2017 partecipa a due puntate della dodicesima edizione di Bailando por un sueño, rimpiazzando Moria Casán e Carolina Ardohain[49]. Inoltre, prende parte al video musicale Juira! del gruppo argentino Ciro y los Persas[50] ed è nel cast della prima produzione interamente dedicata al web del canale argentino TV Pública dal titolo De otro planeta[51]. Tra questo anno e fino all'aprile del 2018 interpreta Kane nella rappresentazione teatrale Sugar[52], quando si ritira e viene sostituita da Laurita Fernández. Infatti, la Siciliani non può rinnovare il contratto per altri impegni già presi, visto che lo spettacolo era previsto per il solo 2017[53].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2008 è fidanzata con il collega Adriàn Suar, da cui nasce la sua prima figlia, Margarita, nel 2012[54]. Sempre nel 2008, fa un intervento di rinoplastica alla narice, cambiamento già visibile nelle puntate della seconda stagione de Il mondo di Patty[25].

La relazione tra la Siciliani e Suar si conclude nel 2016.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Griselda Siciliani

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo mejor de Los Muvis, diretto da Javier Zentner (1997)
  • La danza cansa, diretto da Paula Solarz (2003)
  • De Protesta, diretto da Alejandro Tantanián (2004)
  • Tan modositas, diretto insieme a Virginia Kaufmann (2004-2006)
  • Revista Nacional, diretto da Manuel Gonzalez Gil (2005)
  • El Rebenque Show, diretto da Vivi Tellas (2005-2006)
  • Hermosura, diretto da Carlos Casella, Ana Frenkel (2006)
  • Sweet Charity, diretto da Larry Raven (2006-2007)
  • Patito Feo - La historia más linda en el Teatro, regia di Ricky Pashkus (2007)
  • Quiero llenarme de ti, diretto da Diego Bros, Virginia Kaufmann e Griselda Siciliani (2007-2009)
  • Patito Feo, La gira más linda, regia di Ricky Pashkus (2008-2009)
  • Corazón Idiota, diretto da Carlos Casella, Daniel Cúparo e Ana Frenkel (2009)
  • La Forma de Las Cosas, diretto da Daniel Veronese (2009)
  • Los únicos, diretto da Marcos Carnevale (2011)
  • Estas que te pelas, diretto dalla Siciliani e Carlos Casella (2014)
  • Sputza, diretto da Pedro Onetto (2015-2016)
  • Sugar, diretto da Gerardo Gardelín (2017-2018)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Griselda Siciliani è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ES) Griselda Siciliani: "Soy una chica brava", mdzol.com, 26 dicembre 2009. URL consultato il 12 marzo 2018.
  2. ^ (ES) Veronica Guerman, Griselda Siciliani, de paseo con la hija que tuvo con Adrián Suar, infobae.com, 6 dicembre 2012. URL consultato il 12 marzo 2018.
  3. ^ a b (ES) La actriz que pasó de baldear veredas en Villa Luro a diva de tevé, paparazzi.com.ar. URL consultato il 12 marzo 2018.
  4. ^ (ES) El increíble antes y después de Griselda Siciliani, miafm.cienradios.com. URL consultato il 12 marzo 2018.
  5. ^ a b c d e (ES) Moira Soto, Las artes del camaleón, pagina12.com.ar, 10 febbraio 2006. URL consultato il 12 marzo 2018.
  6. ^ (ES) Griselda Siciliani, eltrecetv.com. URL consultato il 12 marzo 2018.
  7. ^ a b (ES) La preferida del jefe, in Clarín, clarin.com, 9 ottobre 2005. URL consultato il 12 marzo 2018.
  8. ^ (ES) Griselda Siciliani, nuestrosactores.com.ar. URL consultato il 12 marzo 2018.
  9. ^ (ES) Pablo Gorlero, "Tan modositas", una atractiva propuesta, in La Nación, lanacion.com.ar, 9 agosto 2004. URL consultato il 12 marzo 2018.
  10. ^ (ES) "Revista nacional", un show sin magia, in La Nación, lanacion.com.ar, 20 maggio 2005. URL consultato il 12 marzo 2018.
  11. ^ (ES) Emanuel Respighi, “No tengo miedo a hacer el ridículo”, pagina12.com.ar, 5 dicembre 2005. URL consultato il 12 marzo 2018.
  12. ^ (ES) Alejandro Cruz, Cabaret en dos idiomas, in La Nación, lanacion.com.ar, 4 maggio 2005. URL consultato il 12 marzo 2018.
  13. ^ (ES) Dolores Fonzi se desnudará en Playboy, infobae.com, 23 novembre 2005.
  14. ^ (ES) Soy muy fantasiosa, in Clarín, clarin.com. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  15. ^ (ES) Griselda Siciliani vs. Eugenia Tobal: ¿a cuál preferís?, in La Nación, lanacion.com.ar. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  16. ^ (ES) El oro de "Mujeres asesinas" puso primero a Canal 13, rionegro.com.ar, 31 maggio 2006. URL consultato il 12 marzo 2018.
  17. ^ (ES) María Ana Rago, Carla Peterson & Griselda Siciliani: las chicas van por mas, in Clarin, clarin.com, 16 luglio 2007. URL consultato il 13 marzo 2018.
  18. ^ a b (ES) Pablo Gorlero, Bambalinas, in La Nacion, lanacion.com.ar, 12 marzo 2008. URL consultato il 13 marzo 2018.
  19. ^ (ES) Hermosura, imaginacionatrapada.com.ar. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  20. ^ (ES) Ideas del Sur convoca a casting para unitario infantil, minutouno.com, 31 ottobre 2006. URL consultato il 13 marzo 2018.
  21. ^ Kika, Griselda Siciliani: Carmen canta “Tarde de Otono”, video!, ilmondodipatty.it, 26 marzo 2011. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2012).
  22. ^ Kika, Fruta Preferida: testo, traduzione e karaoke di Patty 2!, ilmondodipatty.it, 10 febbraio 2010. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2014).
  23. ^ a b (ES) Martín Fierro de Aire 2007, aptra.org.ar. URL consultato il 13 marzo 2018.
  24. ^ a b (ES) Martín Fierro de Aire 2008, aptra.org.ar. URL consultato il 13 marzo 2018.
  25. ^ a b (ES) Siciliani sufrió ataque de nervios en la grabación de Patito Feo, minutouno.com, 3 ottobre 2008. URL consultato il 13 marzo 2018.
  26. ^ (ES) Griselda y su "polémica" nariz, infobae.com, 15 ottobre 2008. URL consultato il 13 marzo 2018.
  27. ^ (ES) Corazón idiota: Carla Peterson y Griselda Siciliani juntas, revistaohlala. URL consultato il 13 marzo 2018.
  28. ^ (ES) Fernán Mirás y Griselda Siciliani, perros.metro951.com, 6 febbraio 2009. URL consultato il 13 marzo 2018.
  29. ^ (ES) Para vestir santos: La vuelta de Celeste Cid, tvycable.com, 12 dicembre 2009. URL consultato il 13 marzo 2018.
  30. ^ (ES) Reemplazo confirmado para Griselda Siciliani en Los Únicos, haceinstantes.net. URL consultato il 13 marzo 2018.
  31. ^ (ES) Llegó el final para “Los únicos”, in Clarin, clarin.com, 11 aprile 2018. URL consultato il 13 marzo 2018.
  32. ^ (ES) Griselda Siciliani embarazada y con reposo, infobae.com, 18 ottobre 2011. URL consultato il 13 marzo 2018.
  33. ^ (ES) Natalia Trzenko, Griselda Siciliani: en nuevos territorios, in La Nación, lanacion.com.ar, 22 aprile 2012. URL consultato il 13 marzo 2018.
  34. ^ (ES) Griselda Siciliani y los nervios de una primera vez, in La Nación, lanacion.com.ar, 25 gennaio 2012. URL consultato il 13 marzo 2018.
  35. ^ (ES) Griselda Siciliani debuto en "El Último Elvis", haceinstantes.net, 1 dicembre 2011. URL consultato il 13 marzo 2018.
  36. ^ (ES) Griselda Siciliani se puso pelirroja para Farsantes, elliberal.com.ar, 22 marzo 2013. URL consultato il 3 aprile 2013.
  37. ^ (ES) ¿Griselda Siciliani se va a Telefe?: "A Adrián no le molesta para nada", ciudad.com.ar, 8 febbraio 2014. URL consultato il 27 giugno 2014.
  38. ^ (ES) Griselda Siciliani la rompió como Madonna en "Tu cara me suena", lacapital.com.ar, 15 settembre 2014. URL consultato il 14 marzo 2018.
  39. ^ a b c d (ES) Juan Pablo Godino, Susana Giménez arrasa en las nominaciones a los premios ACE 2015, primiciasya.com, 29 giugno 2015. URL consultato il 13 marzo 2018.
  40. ^ a b c d (ES) Premios ACE 2015: todos los ganadores, in La Nacion, lanacion.com.ar, 26 agosto 2015. URL consultato il 13 marzo 2018.
  41. ^ (ES) Griselda Siciliani a la española, ratingcero.com, 22 ottobre 2014. URL consultato il 14 marzo 2018.
  42. ^ (ES) Griselda Siciliani, jurado en Elegidos: desopilante situación con un concursante, ratingcero.com, 1 ottobre 2015. URL consultato il 13 marzo 2018.
  43. ^ (ES) Griselda Siciliani y Carlos Casella: intimidades de la dupla, la pasión en el escenario y por qué tienen tanta química, ratingcero.com, 7 ottobre 2015. URL consultato il 13 marzo 2018.
  44. ^ (ES) Gustavo De Cèsare, “Sputza!” sigue agotando funciones y agrega nuevas fechas en “La Trastienda Club” para sus fans., noticias1440.com.ar, 22 novembre 2015. URL consultato il 14 marzo 2018.
  45. ^ (ES) Griselda Siciliani, más tana que nunca, tvshow.com.uy, 31 luglio 2016. URL consultato il 13 marzo 2018.
  46. ^ a b (ES) Martín Fierro 2017: todos los ganadores, in La Nación, lanacion.com.ar, 18 giugno 2017. URL consultato il 13 marzo 2018.
  47. ^ a b (ES) Todos los ganadores de los Premios Tato 2016, minutouno.com, 2 dicembre 2016. URL consultato il 13 marzo 2018.
  48. ^ (ES) En "El libro de la memoria", decenas de artistas le ponen la voz a escritores argentinos, telam.com.ar, 5 luglio 2017. URL consultato il 14 marzo 2018.
  49. ^ (ES) "Bailando": Griselda Siciliani, la elegida para evaluar a Moria Casán y "Pampita" en la "salsa de a tres", infobae.com, 12 luglio 2017. URL consultato il 14 marzo 2018.
  50. ^ (ES) Ciro y Los Persas, con Griselda Sicialiani, en su nuevo video, publicadord7.diaadia.com.ar, 8 marzo 2017. URL consultato il 13 marzo 2018.
  51. ^ (ES) Eugenia Mastropablo, Griselda Siciliani será "De otro planeta", in Pronto, pronto.com.ar, 13 settembre 2017. URL consultato il 14 marzo 2018.
  52. ^ (ES) Daniel Falcone, “Sugar” Jueves a Domingo Teatro Lola Membrives, musicalesbaires.com.ar, 1 febbraio 2018. URL consultato il 14 marzo 2018.
  53. ^ (ES) Cecilia Martínez, Griselda Siciliani se aleja de Sugar y será reemplazada por Laurita Fernández, in La Nación, lanacion.com.ar, 6 marzo 2018. URL consultato il 14 marzo 2018.
  54. ^ (ES) Nació Margarita, la hija de Adrián Suar y Griselda Siciliani, ciudad.com.ar, 15 giugno 2012. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  55. ^ (ES) Silvina Lamazares, Maradona y Alcón, los dos grandes de la noche, clarin.com, 20 dicembre 2005. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  56. ^ a b (ES) Martín Fierro de Aire 2005, aptra.org.ar. URL consultato il 13 marzo 2018.
  57. ^ (ES) Martín Fierro de Aire 2010, aptra.org.ar. URL consultato il 13 marzo 2018.
  58. ^ (ES) Martín Fierro de Aire 2011, aptra.org.ar. URL consultato il 13 marzo 2018.
  59. ^ (ES) Nominaciones, academiadecine.org.ar. URL consultato il 13 marzo 2018.
  60. ^ (ES) Ganadores Premio Sur 2012, academiadecine.org.ar. URL consultato il 13 marzo 2018.
  61. ^ a b (ES) Premiaron a los famosos mejor vestidos, exitoina.perfil.com, 27 novembre 2013. URL consultato il 13 marzo 2018.
  62. ^ (ES) Premios Imagen a la Moda 2013, magazinetv.com, 24 dicembre 2013. URL consultato l'8 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2013).
  63. ^ (ES) Anunciaron las nominaciones para los premios Cóndor de Plata 2012-2013, telam.com.ar, 13 marzo 2013. URL consultato il 13 marzo 2018.
  64. ^ (ES) Pachi Larino, Cóndor de Plata 2013: Todos los ganadores, visiondelcine.com, 8 ottobre 2013. URL consultato il 13 marzo 2018.
  65. ^ (ES) Premios Tato 2013: todos los ganadores, todos los nominados, ciudad.com.ar, 3 dicembre 2013. URL consultato il 13 marzo 2018.
  66. ^ (ES) Martín Fierro de Aire 2014, aptra.org.ar. URL consultato il 13 marzo 2018.
  67. ^ (ES) Todos los ganadores de Los Más Clickeados 2016: ¡Pampita se llevó el Oro!, ciudad.com.ar, 30 dicembre 2016. URL consultato il 13 marzo 2018.
  68. ^ (ES) Todos los ganadores de Los Más Clickeados 2017: Jimena Barón se llevó el Oro, ciudad.com.ar, 24 ottobre 2017. URL consultato il 13 marzo 2018.
  69. ^ (ES) Todos los ganadores de los Premios Hugo, a lo mejor del teatro musical, infobae.com, 12 settembre 2017. URL consultato il 13 marzo 2018.
  70. ^ (ES) Agus Rey, La lista completa de ganadores de los Premios Notirey 2017: Flor Vigna ganó el Oro, notirey.com.ar, 9 novembre 2017. URL consultato il 13 marzo 2018.
  71. ^ Griselda Siciliani, antoniogenna.net. URL consultato il 12 febbraio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN309564042 · LCCN (ENno2014072953