Grimes (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grimes
Grimes 2012 by Jared Eberhardt.jpg
Grimes durante un concerto ad Austin nel 2012
Nazionalità Canada Canada
Genere Indietronica
Darkwave
Dream pop
Musica sperimentale
Periodo di attività musicale 2009 – in attività
Strumento Voce, tastiera, sintetizzatore
Album pubblicati 4
Studio 4
Sito web grimesmusic.com

Claire Elise Boucher, meglio nota con il nome d'arte di Grimes (Vancouver, 17 marzo 1988), è una musicista e cantante canadese.

Attiva anche come regista di videoclip musicali, ha pubblicato il suo album in studio d'esordio Geidi Primes nel 2010.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta a Vancouver, è di origini ucraine ed inglesi.[1][2][3][4][5] Nella città della British Columbia per 11 anni si dedica alla danza classica, mentre all'età di 18 anni si trasferisce a Montréal, dove frequenta la McGill University e inizia ad approcciarsi alla musica sperimentale.[6]

Inizia a comporre fin dagli esordi e a registrare del materiale con il nome Grimes, in omaggio a Ken Grimes, artista noto soprattutto per i suoi dipinti rappresentanti gli alieni, e al genere musicale del grime, che ha conosciuto grazie al profilo MySpace.[7][8] Il progetto le arreca fortuna e Claire comincia a concentrarsi su questa attività, iniziando a saltare alcune lezioni di università, la quale, da parte sua, decide di espellerla. Inizia quindi ad organizzare concerti e radunare diversi musicisti sperimentali con cui collabora per la fondazione di una sala prove chiamata Lab Synthèse.[6]

Il debutto ufficiale di Grimes avviene nel 2010, quando viene pubblicato l'album Geidi Primes, edito dalla Arbutus Records, etichetta che si occuperà anche delle successive uscite discografiche. Il disco vuole offrirsi come un concept ispiratosi all'insieme di romanzi di fantascienza del Ciclo di Dune.

Verso la fine dello stesso anno viene pubblicato anche il secondo album, dal titolo di Halfaxa.

Nel 2011 Grimes pubblica uno split album 12" realizzato con un altro artista canadese, d'Eon, ed intitolato Darkbloom. Nel maggio dello stesso anno ha aperto i concerti della lega nordamericana del tour di Lykke Li, mentre in agosto il suo disco d'esordio, viste le buone recensioni ricevute, è stato ristampato dalla No Pain in Pop Records sia in formato CD che in vinile.[9] Ha inoltre collaborato con Majical Cloudz nel singolo Dream World e con il DJ e produttore Blood Diamonds.[10][11]

Nel gennaio 2012 ha firmato un contratto con l'etichetta discografica indipendente 4AD, che pubblica il suo terzo LP dal titolo Visions nel periodo intercorrente tra i mesi di febbraio e marzo, mentre in Canada viene distribuito dalla Arbutus. Il singolo che la consacra è Oblivion, il quale ha ricevuto un forte apprezzamento da parte della critica specializzata.[12] L'album è stato registrato nella sua camera a Montreal, dopo aver passato nove giorni in totale isolamento. L'artista ha poi dichiarato al The Guardian che durante quel periodo iniziava a non avere più stimoli, si sentiva come se stesse evocando degli spiriti e come se la sua musica fosse un regalo di Dio.

Nel 2013 ha trionfato nella categoria di artista dell'anno ai Webby Awards, mentre il suo disco Visions è stato proclamato come miglior album di musica elettronica in occasione dei Juno Awards.[6]

Nel marzo 2015 pubblica il video di un vecchio brano scritto in precedenza, REALiTi, per poi collaborare con i Bleachers in Entropy. Nell'estate dello stesso anno è stata selezionata per aprire i concerti del The Endless Summer Tour della collega Lana Del Rey.

Il 6 novembre 2015 pubblica l'album Art Angels, considerato da Pitchfork Media uno dei migliori progetti discografici dell'anno. Il suono dell'artista in questo disco è nettamente diverso da quello dei predecessori, poiché risulta meno etereo e molto più definito, con testi mirati a particolari messaggi.

Inoltre, incide il brano Medieval Warfare, tratto dall'omonima colonna sonora del film Suicide Squad, pubblicata il 5 agosto 2016.

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il suo stile musicale è molto variegato: comprende una combinazione atipica di elementi vocali ed influenze sonore, dall'industrial all'elettronica, passando per il pop, l'RnB e anche la musica medievale. Tra le artiste a cui è stata maggiormente accostata vi sono Björk ed Enya. Gli strumenti principali con cui lavora sono tastiere e sintetizzatore, talvolta accompagnati da batteria e occasionalmente dalla chitarra. Grimes utilizza spesso tecniche di loop e di stratificazione, che danno alla sua musica un effetto ethereal.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sound says most to Grimes, straight.com. URL consultato il 7 giugno 2014.
  2. ^ (EN) Lisa Christiansen, Today on Appetite for Distraction: Grimes, BBC Radio 3.
  3. ^ (EN) Grimes on Sur Le Vif, interviewed by Fanny Lefort ('oldish'), YouTube, 5 maggio 2012.
  4. ^ (EN) Glassberg, Rachel, Six Questions for... Grimes, Exberliner, 18 maggio 2012.
  5. ^ (FR) Grimes ou l'anti pop / Tout Le Monde En Parle, YouTube, 1º dicembre 2015.
  6. ^ a b c GRIMES, L'ARTISTA CHE STA CONQUISTANDO ANCHE L'ITALIA, su la Repubblica XL, 9 agosto 2013.
  7. ^ (EN) Sean Michaels, Grimes admits lifting moniker from grime genre option on Myspace, su The Guardian.
  8. ^ (EN) Grimes' MySpace profile, MySpace.
  9. ^ (EN) Brian Riewer, Grimes Set To Re-Release Debut Album Geidi Primes, archive.is.
  10. ^ (EN) Andrew Weatherall, DUMMY MIX 79 // BLOOD DIAMONDS, in Dummy Magazine, 7 luglio 2011.
  11. ^ (EN) Siren Seduction: Q&A With Electronic Musician Grimes, su The Creator's Profect, 1º febbraio 2012.
  12. ^ (EN) Jon Caramanica, Reviews of Albums From Grimes, Galactic and Tyga, in The New York Times, The New York Times Company, 20 febbraio 2012. URL consultato il 21 febbraio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN186934815 · LCCN: (ENno2011181141 · GND: (DE1033775290