Grigia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grigia
Musil, Robert – Grigia, 1923 – BEIC 3279160.jpg
Frontespizio dell'edizione del 1923
AutoreRobert Musil
1ª ed. originale1921
Generenovella
Sottogenerememoriale
Lingua originale tedesco
AmbientazionePalù del Fersina, 1915
ProtagonistiHomo, Grigia
Robert Musil 1900

Grigia è una novella, in parte autobiografica, scritta da Robert Musil sulla base delle annotazioni raccolte nei Diari durante il suo soggiorno del 1915 in Trentino, precisamente nella Valle del Fersina detta anche Valle dei Mocheni, in occasione del primo conflitto mondiale.[1]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Musil ha scritto Grigia fra ottobre e inizio novembre 1921. La novella è stata pubblicata la prima volta nella rivista Der Neue Merkur. Nel 1923 è stata ripubblicata da Müller & Co, con l'aggiunta di alcune acqueforti dell'artista Alfred Zangerl. Nel 1924 è stata pubblicata nel volume Tre donne (Drei Frauen), assieme a La portoghese (Die Portugiesin) e Tonka.[2][3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'opera narra la storia di Homo, geologo che, a metà della sua vita, viene chiamato dall'imprenditore Mozart Amadeo Hofflingot a intraprendere una spedizione per la ricerca dell'oro nelle antiche miniere situate nei pressi di Palù del Fersina.

Questo viaggio non avviene solo nello spazio geografico, ma anche nell'anima: è infatti un itinerario emotivo. Incontra Grigia, una contadina del luogo, di cui diventa l'amante. Con lei vive varie esperienze estatiche, nelle quali sembra ritrovare se stesso, creando un distacco dalla solitudine e dalla monotonia della sua vita quotidiana. La contadina lo incatena ancor più al suo destino di dissoluzione e morte imminente. In un pomeriggio di autunno Homo si lascia morire dopo l'ultimo incontro con l'amante.

La morte dell'uomo si accompagna e segna anche il mancato raggiungimento dell'obiettivo dell'impresa.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Homo: protagonista della novella, è un geologo sposato
  • Grigia: contadina, abitante della Valle del Fersina, caratterizzata da una certa passività
  • Mozart Amadeo Hofflingot: imprenditore, vecchio amico del protagonista

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

Guerra[modifica | modifica wikitesto]

La guerra in questa novella è solo un elemento di sfondo. Musil infatti nelle Annotazioni, che stanno alla base del testo, racconta le sue esperienze durante le quali si trova ad operare in un settore del fronte in cui non ci sono combattimenti di rilievo, ma solo scontri di pattuglie. La guerra è vista dall'autore, così come la spedizione mineraria di Homo, il protagonista della novella, come una via di fuga e una liberazione dalla vita borghese. Questa tematica, pur non particolarmente approfondita, emerge come interessante chiave di lettura da varie parti del testo.

Amore[modifica | modifica wikitesto]

L'amore è un tema che ricorre in tutta l'opera. Homo si lascia trasportare da questo sentimento vivendolo in due modi differenti. Da una parte vi è l'amore nascente per Grigia, con la quale prova esperienze che cambiano profondamente il suo modo di vivere e di pensare. Tale relazione è il centro del racconto nel quale viene descritta l'esperienza estatica che i due condividono.

«Tu: tu che carichi lo spazio attorno a te sempre più fortemente della tua presenza. La differenza tra immaginazione e vissuto diventa una felicità che percepisco. Una quantità di grazie, profumo, di ordine buono che mi avvolge. Nel tuo corpo distinto entro come un contadino. Sono beato di chiacchierare con te. Camerata. Unico essere umano che amo. Con il quale mi capisco. Mi perdo andando, mi perdo giacendo.»

(Robert Musil, Grigia[4])


Dall'altra parte troviamo il sentimento d'amore per la moglie lontana; paradossalmente esso si rafforza grazie al rapporto erotico con l'altra, Grigia.

«Egli ama una donna e non può resistere a provarne un'altra.»

(Robert Musil, Grigia[5])

Natura[modifica | modifica wikitesto]

Valle dei Mocheni - Panorama

Descrizioni di boschi, montagne, paesaggi e fiori costituiscono lo scenario incantato del racconto.

«Un bosco incantato di vecchi tronchi di larice, gli aghi teneri, su un pendio verde. Il ruscello a un certo punto cade su di una roccia come un pettine d'argento.»

(Robert Musil, Grigia[6])

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver compiuto il suo viaggio, Homo si abbandona ad un destino di dissoluzione e di morte. Essa non suscita in lui più alcun terrore, ma un senso di liberazione, un modo per ricongiungersi alla moglie lontana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «Il canto della morte» - Robert Musil e la Grande Guerra, Schloss Tirol / Castel Tirolo, 2014, p. 44, ISBN 978-88-95523-07-1.
  2. ^ Robert Musil, Musil en Bernstol, Palù del Fersina, Istituto culturale mocheno, 2012, p. 13, ISBN 978-88-900656-9-9.
  3. ^ Alessandro Fontanari e Massimo Libardi, Musil en Bersntol. La grande esperienza della guerra in Valle dei Mòcheni, Palù del Fersina, Istituto culturale mocheno, 2012, p. 70, ISBN 978-8890689536.
  4. ^ Grigia, p. 49
  5. ^ Grigia, p. 50
  6. ^ Grigia, p. 47

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Musil, Grigia, Scurelle, Silvy, 2012, ISBN 978-88-97634-16-4.
  • Robert Musil, 1915-1916 nell'incanto dei monti del Lagorai, Robert Musil, paesaggio dell'anima, 1915-1916 in den Bergen der Lagorai: eine innere Landschaft, Trento, Euroedit, 2010.
  • Alessandro Fontanari e Massimo Libardi, Musil en Bersntol: la grande esperienza della guerra in Valle dei Mocheni, Palù del Fersina, Istituto Culturale Mocheno, 2012, ISBN 9788890689536.
  • Robert Musil, La Valle incantata, Trento, Tipografia Alcione, 1986, ISBN 8834201523.
  • Robert Musil, Diari: 1899-1941, Torino, Einaudi, 1980, ISBN 8806511106.
  • Karl Corino, Robert Musil: eine Biographie, Rowohlt, Reinbek bei Hamburg, 2003, ISBN 3498008919.
  • Roberta Groff, Jole Piva e Luciano Dellai, Pergine e la prima guerra mondiale, Pergine Valsugana, Associazione amici della storia, 1985.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]