Grido d'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grido d'amore
ArtistaMatia Bazar
Tipo albumSingolo
Pubblicazionefebbraio 2005
Album di provenienzaProfili svelati
GenereMusica leggera
Pop
EtichettaBazar Music
Sony Music Italy
ProduttorePiero Cassano
Giancarlo Golzi
ArrangiamentiFabio Perversi
Registrazionestudio Hyde Park (Vimodrone, MI)
FormatiCD singolo
Matia Bazar - cronologia
Singolo precedente
(2002)
Singolo successivo
Gli occhi caldi di Silvie
(2010)

Grido d'amore è il trentaquattresimo singolo dei Matia Bazar, pubblicato su CD nel 2005 dall'etichetta discografica Bazar Music di proprietà del gruppo e distribuito da Sony Music Italy, in contemporanea con l'album Profili svelati[1][2].

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta del primo singolo con Roberta Faccani come solista, dopo l'uscita dal gruppo di Silvia Mezzanotte.

Successo e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Si classifica terzo nella categoria "Gruppi" al Festival di Sanremo 2005.

Raggiunge la 12ª posizione nella classifica delle vendite dei singoli italiani del 2005, dopo due settimane di permanenza[3].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD singolo (BZR 997 6 75764 2) Edizioni musicali Radiomatia, Unalira.

  1. Grido d'amore – 3:33 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  2. Grido d'amore (instrumental version) – 3:33 (musica: Piero Cassano)
  3. Matia Bazar con Sergio MúñizGrido d'amore (latin version) – 3:34 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  4. Grido d'amore (instrumental latin version) – 3:34 (musica: Piero Cassano)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Discografia singoli, Matia Bazar, sito ufficiale. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  2. ^ Scheda singolo, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 21 marzo 2014.
  3. ^ (EN) Classifiche singolo e formati, ItalianCharts. URL consultato il 21 marzo 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]