Gribaudi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gribaudi
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione1966 a Torino[1]
Fondata daPiero Gribaudi
Sede principaleMilano
SettoreEditoria
Prodottilibri
Sito web

La Piero Gribaudi Editore, meglio nota come Gribaudi, è una casa editrice italiana specializzata inizialmente in libri religiosi e di cultura religiosa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La casa editrice fu fondata a Torino da Piero Gribaudi, scrittore ed editore di ispirazione cattolica. Il primo libro, pubblicato l'11 maggio 1966, è una raccolta di testi (tra gli autori Quoist, Lebret, C. Lopez, Lelotte, Charles de Foucauld) con il titolo: Tutti i figli di Dio hanno le ali. Raccolta di preghiere per la gioventù. Il secondo è di Giovanni Barra su Mazzolari, un profeta obbediente, il terzo di Luigi Rosadoni su La violenza dei disarmati, una raccolta di documenti e testimonianze sulla non-violenza cristiana. Il quarto libro è di Divo Barsotti su La Chiesa e Israele. E poi libri di David Maria Turoldo, Pierre Benoit, la comunità monastica di Bose, molti altri.[2]

Cinque le collane: "Biblioteca della gioventù", "Profeti nuovi", "Rosso di sera" (documenti e testimonianze), "Il chicco di senape" (problematiche postconciliari), "La Parola di Dio".[2]

Nel 1993 fu venduta e la sede fu spostata a Milano[1]. La casa editrice mantiene il nome del fondatore pur non essendo più di proprietà della famiglia Gribaudi. E oltre ai libri religiosi, allarga il campo ad altri settori tra cui il business. Si è qualificata come grande editore dal 1998 al 2006 pubblicando oltre 50 titoli l'anno.[3]

Nel 2009 Piero Gribaudi, il fondatore, ha redatto ("Conoscendo a fondo la pesante inefficienza e insufficienza in Italia in campo bibliografico") il catalogo storico della casa editrice negli anni da lui diretta (1966-1993) con l'aggiunta di aneddoti editoriali.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Chi Siamo, su gribaudi.it. URL consultato il 20 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2016).
  2. ^ a b c Catalogo storico (1966-1993) e aneddoti editoriali (PDF), su pierogribaudi.it. URL consultato il 20 marzo 2018.
  3. ^ Ricerca OPAC SBN, su opac.sbn.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria