Gremio dei pastori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gremio dei Pastori
Faradda di li candareri
Contadini schiarita.JPG
Bandiera
Fabbri autoferrotranvieri.jpg
ColoreRosso
Festività
PatronoSanto Stefano, successivamente San Rocco prima dell'estinzione
Festa grandeprobabilmente 26 dicembre
Candeliere
Chiesa della cappellaCappella di Santo Stefano, Convento di Santa Maria di Betlem, successivamente è probabile nella chiesa del collegio dei Gesuiti oggi sede universitaria
Attività
AmmissioneUfficialmente 1531
Scioglimentofine del XIX secolo
Cappella di san Giuseppe, chiesa di Santa Maria di Betlem in Sassari. Assegnata oggi al gremio dei falegnami era in origine dei Pastori.

Il gremio dei Pastori è stata un'antica corporazione di Arti e Mestieri della città di Sassari.

Notizie Storiche[modifica | modifica wikitesto]

Il Gremio si è sciolto in coincidenza con il calo dell'attività allevatoria nell'agro sassarese. Nell'ordinanza del 1531 il gremio è presente nell'ordine di discesa e di entrata in chiesa. Era il sesto candeliere su otto ad entrare a Santa Maria. Verso la fine del '600 un memoriale redatto per il Viceré il gremio viene segnalato come primo a scendere a Santa Maria (dunque ultimo a entrare in chiesa). Il gremio si sciolse al termine del XIX secolo tuttavia il suo candeliere e la sua cappella non sono andati perduti.

Cappella[modifica | modifica wikitesto]

  • La cappella di San Giuseppe da Copertino è stata assegnata al Gremio dei falegnami. In documenti del 'Settecento, però, troviamo che questa cappella nello stesso sito era titolata a S. Stefano e non a S. Giuseppe da Copertino. Dopo i restauri e trasformazione della stessa chiesa eseguiti dall'architetto Padre Antonio Cano negli anni 1829-1834, i pastori riottennero la cappella nello stesso luogo dove si trova oggi quella della Mercede.
  • Altre versioni invece vogliono la cappella del gremio dedicata a Santo Stefano nel chiostro del convento si Santa Maria, Successivamente spostata all' interno della chiesa dove si trovava la cappella della Mercede e infine trasferita nel collegio dei Gesuiti insieme al cambio del patrono che è diventato San Rocco.[1]

Candeliere[modifica | modifica wikitesto]

Come quello dei carradori anche il candeliere dei pastori è stato riassegnato, è infatti oggi portato in processione dal Gremio dei contadini ed è uno dei più antichi a scendere.

Patrono[modifica | modifica wikitesto]

È verosimile che i Pastori in momenti diversi abbiano avuto due patroni:

  • Santo Stefano era l'originario.
  • San Rocco dopo i rimaneggiamenti del periodo 1829-1834 a Santa Maria di Betlem

Bandiera[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera del gremio era di colore rosso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Antero Sanna, Storia dei Gremi e dei candelieri; ACS 1992

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Antero Sanna: Sassari, candelieri e i gremi nella storia; Edizioni A.C.S. Sassari 2003

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]