Greatest Hits II (Queen)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Greatest Hits II
ArtistaQueen
Tipo albumCompilation
Pubblicazione28 ottobre 1991
Durata75:57
Dischi1
Tracce17
GenereHard rock
Glam rock
Pop rock
EtichettaParlophone, Island/Universal
ProduttoreQueen
Registrazione1981-1991
FormatiCD, LP, MC
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania (9)[1]
(vendite: 2 250 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (8)[2]
(vendite: 560 000+)
Austria Austria (4)[3]
(vendite: 200 000+)
Brasile Brasile (2)[4]
(vendite: 500 000+)
Finlandia Finlandia (2)[5]
(vendite: 149 622[6])
Italia Italia[7]
(vendite: 50 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (10)[8]
(vendite: 150 000+)
Regno Unito Regno Unito (13)[9]
(vendite: 3 900 000+)
Svezia Svezia[10]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera (5)[11]
(vendite: 250 000+)
Dischi di diamanteArgentina Argentina[12]
(vendite: 500 000+)
Francia Francia[13]
(vendite: 1 000 000+)
Queen - cronologia
Album precedente
(1991)
Album successivo
(1992)

Greatest Hits II è la seconda raccolta del gruppo musicale britannico Queen, pubblicata il 28 ottobre 1991 dalla Parlophone.

Si tratta dell'ultima pubblicazione complessiva del gruppo prima della morte del cantante Freddie Mercury, avvenuta circa un mese più tardi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il disco contiene una selezione dei principali singoli pubblicati dal gruppo nel periodo compreso tra il 1981 il 1991, appartenenti quindi agli album Hot Space, The Works, A Kind of Magic, The Miracle ed Innuendo.

Nel marzo 1992 la raccolta è stata pubblicata anche in America con una lista tracce differente e con il titolo Classic Queen. Due anni più tardi la Parlophone ha ripubblicato Greatest Hits II nel box set The Gold Collection (Greatest Hits I e II) e in seguito nel 2000 nel cofanetto The Platinum Collection.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Queen, eccetto dove indicato.

  1. A Kind of Magic – 4:23 (Roger Taylor)
  2. Under Pressure – 3:57 (Queen, David Bowie) – versione ridotta
  3. Radio Ga Ga – 5:43 (Roger Taylor)
  4. I Want It All – 4:02 – versione ridotta
  5. I Want to Break Free – 4:19 (John Deacon) – versione remix
  6. Innuendo – 6:28
  7. It's a Hard Life – 4:10 (Freddie Mercury)
  8. Breakthru – 4:09
  9. Who Wants to Live Forever – 4:57 (Brian May) – versione ridotta
  10. Headlong – 4:33 – versione ridotta
  11. The Miracle – 4:55
  12. I'm Going Slightly Mad – 4:08 – versione ridotta
  13. The Invisible Man – 3:59
  14. Hammer to Fall – 3:41 (Brian May) – versione ridotta
  15. Friends Will Be Friends – 4:09 (John Deacon, Freddie Mercury)
  16. The Show Must Go On – 4:24 – versione ridotta
  17. One Vision – 4:03 – versione ridotta

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  2. ^ (EN) Gavin Ryan, Australia's Music Charts 1988-2010, Mt. Martha, VIC, Australia, Moonlight Publishing, 2011.
  3. ^ (DE) Austrian album certifications, IFPI Austria. URL consultato il 10 dicembre 2015. Digitare "Queen" in "Interpret", dunque premere "Suchen".
  4. ^ (PT) Associação Brasileira dos Produtores de Discos, Certificados, su abpd.org.br. URL consultato il 20 settembre 2014.
  5. ^ Kultalevyjen myöntämisrajat, Musiikkituottajat. URL consultato il 5 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2015).
  6. ^ Queen, Musiikkituottajat. URL consultato il 21 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2013).
  7. ^ Greatest Hits II (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 20 gennaio 2019.
  8. ^ Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  9. ^ (EN) Queen, Greatest Hits II, British Phonographic Industry. URL consultato il 1º gennaio 2019.
  10. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 12 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  11. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 1º gennaio 2019.
  12. ^ (ES) Discos de oro y platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 16 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  13. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 31 agosto 2014. Inserire "Queen" e premere il tasto "OK".

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]