Greatest Hits III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Greatest Hits III
ArtistaQueen
Tipo albumRaccolta
Pubblicazione8 novembre 1999
Durata73:41
Dischi1
Tracce17
GenereHard rock[1]
Pop rock[1]
Dance rock[1]
Glam rock[1]
Art rock[1]
Arena rock[1]
EtichettaParlophone
ProduttoreQueen
Registrazione1982-1999
FormatiLP, CD, MC
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[2]
(vendite: 25 000+)
Germania Germania[3]
(vendite: 150 000+)
Spagna Spagna[4]
(vendite: 50 000+)
Svezia Svezia[5]
(vendite: 40 000+)
Svizzera Svizzera[6]
(vendite: 25 000+)
Dischi di platinoArgentina Argentina[7]
(vendite: 60 000+)
Europa Europa[8]
(vendite: 1 000 000+)
Norvegia Norvegia[9]
(vendite: 50 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[10]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[11]
(vendite: 600 000+)
Queen - cronologia
Album precedente
(1998)
Album successivo
(2000)

Greatest Hits III è una raccolta del gruppo musicale britannico Queen, pubblicata l'8 novembre 1999.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

La raccolta, come intuibile dal titolo, completa la trilogia iniziata con il primo Greatest Hits del 1981 e proseguita con il secondo Greatest Hits II del 1991.

L'album contiene alcuni brani dal vivo eseguiti dalla band con altri artisti internazionali come Elton John e George Michael (quest'ultimo eseguì il brano Somebody to Love al Freddie Mercury Tribute Concert del 1992, concerto dedicato alla memoria dell'artista scomparso), altri brani solisti di Freddie Mercury e Brian May, vari remix e per la prima volta quattro brani estratti dall'ultimo album del 1995, Made in Heaven.

I brani Las Palabras de Amor (The Words of Love), Princes of the Universe e These Are the Days of Our Lives erano destinati ad essere inseriti nella raccolta Greatest Hits II ma vennero esclusi per motivi di spazio.

Inoltre il disco include altri due brani, No-One but You (Only the Good Die Young), inserito nella precedente raccolta Queen Rocks del 1997 e pubblicato come ultimo singolo della band e la canzone natalizia Thank God It's Christmas, quest'ultima mai pubblicata fino ad ora in nessun album dei Queen e apparsa soltanto nell'EP Complete Vision (1985) del box The Complete Works.

Il disco è stato incluso nel cofanetto The Platinum Collection del 2000 che comprende anche i primi due greatest hits. Nel 2011, in occasione del 40º anniversario della band, il disco è stato rimasterizzato assieme all'intero catalogo della discografia del gruppo.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Queen – The Show Must Go On (feat. Elton John) (Live) – 4:35 (testo: Queen)registrata live il 17 gennaio 1997 al Théâtre National de Chaillot (Parigi)
  2. Queen – Under Pressure (feat. David Bowie) (Rah Mix) – 4:08 (testo: Queen, Bowie)
  3. Freddie MercuryBarcelona (feat. Montserrat Caballé) (Single Version) – 4:25 (testo: Mercury, Caballé)
  4. Queen – Too Much Love Will Kill You – 4:18 (testo: May, Musker, Lamers)
  5. Queen – Somebody to Love (feat. George Michael) – 5:07 (testo: Mercury)registrata live il 20 aprile 1992 al Wembley Stadium (Londra), al Freddie Mercury Tribute Concert
  6. Queen – You Don't Fool Me – 5:22 (testo: Queen)
  7. Queen – Heaven for Everyone (Single Version) – 4:37 (testo: Taylor)
  8. Queen – Las Palabras de Amor (The Words of Love) – 4:29 (testo: May)
  9. Brian MayDriven By You – 4:09 (testo: May)
  10. Freddie Mercury – Living on My Own (Julian Raymond Mix) – 3:37 (testo: Mercury)
  11. Queen – Let Me Live – 4:45 (testo: Queen)
  12. Freddie Mercury – The Great Pretender (Original 1987 Single Version) – 3:26 (testo: Ram)
  13. Queen – Princes of the Universe – 3:31 (testo: Mercury)
  14. Queen – Another One Bites the Dust (feat. Wyclef Jean) (1998 Remix) – 4:20 (testo: Deacon)
  15. Queen – No-One but You (Only the Good Die Young) – 4:11 (testo: Queen)
  16. Queen – These Are the Days of Our Lives – 4:22 (testo: Queen)
  17. Queen – Thank God It's Christmas – 4:19 (testo: May, Taylor)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Greatest Hits III, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 12 settembre 2015.
  2. ^ (DE) Austrian album certifications, IFPI Austria. URL consultato il 10 dicembre 2015. Digitare "Queen" in "Interpret", dunque premere "Suchen".
  3. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  4. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1996–1999, prima edizione, ISBN 84-8048-639-2.
  5. ^ (SV) "Guld- och Platinacertifikat − År 1999" (PDF), su IFPI Sweden. URL consultato il 12 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2016).
  6. ^ Hung Medien, The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Queen; 'Greatest Hits III'), su swisscharts.com. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  7. ^ (ES) Discos de oro y platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 16 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  8. ^ IFPI Platinum Europe Awards – 1997, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 2 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2013).
  9. ^ (NO) IFPI Norsk Platebransje, IFPI. URL consultato il 10 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2012).
  10. ^ Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  11. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. Digitare "Queen" in "Keywords", dunque premere "Search".