Graziella Mascia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Graziella Mascia

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIV Legislatura; XV Legislatura
Gruppo
parlamentare
Rifondazione Comunista - Sinistra Europea
Coalizione L'Unione
Circoscrizione Lombardia 1
Incarichi parlamentari
Vicecapogruppo;
Componente - I Commissione (Affari Costituzionali della Presidenza del Consiglio e degli Interni)

Dati generali
Partito politico PRC
Titolo di studio Laurea scienze politiche
Professione Impiegata

Graziella Mascia (Magenta, 4 settembre 1953) è una politica italiana di Rifondazione Comunista.

Si è iscritta al Partito Comunista Italiano nel 1972, dal 1979 al 1983 ha anche fatto parte del Comitato Centrale. In seguito allo scioglimento del Partito, ha aderito a Rifondazione Comunista, ricoprendo per cinque anni la carica di segretaria della Federazione di Milano, per poi passare al coordinamento della Segreteria nazionale. È stata anche consigliera comunale di Milano e dal 1995 consigliera regionale della Lombardia.

Alle elezioni politiche del 2001 è stata eletta alla Camera dei deputati nella circoscrizione X (Liguria).

A partire dal giugno del 2001, ha fatto parte della Commissione speciale per l'esame di disegni di legge di conversione e di decreti-legge e della I Commissione permanente Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni. È stata vicepresidente del gruppo parlamentare del Partito della Rifondazione Comunista insieme a Giovanni Russo Spena. In seguito ai fatti del G8 di Genova del luglio 2001, è stata membro del Comitato parlamentare d'indagine sul G8, presieduto da Donato Bruno.

Nella tornata elettorale del 2006 è stata rieletta al Parlamento italiano come deputata nella circoscrizione di Lombardia 1, e poco dopo viene nominata vicepresidente del gruppo del PRC alla Camera dei deputati. Il suo impegno politico si manifesta nell'attenzione verso i temi della giustizia, della legalità, del lavoro e dei diritti sindacali.

Dopo le Elezioni politiche del 2008 non viene rieletta in Parlamento a causa del cattivo risultato elettorale della sinistra.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]