Graziano Piazza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Graziano Piazza

Graziano Piazza (Domodossola, 15 giugno 1964) è un attore, regista teatrale e scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore e regista prevalentemente teatrale, nato a Domodossola, cresciuto a Torino, si avvicina al teatro da bambino grazie al mimo Marcel Marceau con il quale partecipa a un seminario sulla maschera neutra. Quando è ancora al liceo, viene scelto da Ugo Gregoretti come giovane attore per lo sceneggiato televisivo Il Conte di Carmagnola, con Vittorio Gassman. Inizia a lavorare al Teatro Stabile di Torino prima ne Il mio regno per un cavallo, di Franco Passatore, poi nel 1985 con Mario Missiroli nello Zio Vanja[1] con attori esordienti. Dal 1987 entra a far parte della compagnia di Giancarlo Sepe a La Comunità. Da lì intraprende una carriera prevalentemente teatrale incontrando grandi maestri della scena nazionale e internazionale come, Peter Stein nel 1989, Benno Besson nel 1991 e Luca Ronconi nel 1996, con i quali parteciperà a diverse produzioni nel corso del tempo.

Nel 2000 è protagonista al Teatro greco di Siracusa, con Oreste[2] per la regia di Piero Maccarinelli e nel 2005 è Achille nella Pentesilea[3] di Peter Stein a Epidauro in Grecia.

Alterna spettacoli classici a una ricerca di personaggi con forte connotazione contemporanea e sociale, come nel monologo Schifo[4] di Robert Schneider, per la regia di Cesare Lievi in prima nazionale in Italia. Questa ricerca si sviluppa anche da un punto di vista musicale, in diversi melologhi, con musicisti del calibro di Michele Campanella (Enoch Arden), Salvatore Sciarrino per il Ravenna Festival curato da Cristina Muti, Fabio Vacchi (In prima mondiale: Lo stesso mare[5] di Amos Oz).

Lavora anche con registi emergenti del panorama italiano come Daniele Salvo, con cui è Re Lear[6] al Silvano Toti Globe Theatre, Roma.

Come regista s'interessa principalmente alla drammaturgia contemporanea mettendo in scena, tra gli altri, autori come Jane Cox (Il desiderio di conoscere), Copi (La donna seduta) e Theo Van Gogh nello spettacolo Intervista[7] tratto dall'omonimo film, con cui Viola Graziosi vince il Premio Adelaide Ristori come miglior attrice del Mittelfest 2013. Per il Ravenna Festival cura la regia di Gerusalemme perduta[8] dai testi di Paolo Rumiz, con musiche di Sasha Karlic, rappresentato anche al Piccolo Teatro di Milano. Nel 2015 partecipa al Napoli teatro festival Italia con Diario di sé di Luca Cedrola e cura la regia dell'Aiace[9] di Jannis Ritsos.

Da anni porta avanti anche un'attività di scultore partecipando alla Biennale degli Artisti del Mediterraneo di Bologna nel 1989, e allestendo mostre a Roma[10] e Prato[11]. Una sua scultura è visibile alla Villa Piccolomini di Roma, sede dell'associazione ApTI-Associazione per il Teatro Italiano.

Svolge anche attività pedagogica.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Attività radiofoniche e concerti[modifica | modifica wikitesto]

Regie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zio Vanja, regia di Mario Missiroli
  2. ^ Spettacoli classici al Teatro Greco di Siracusa
  3. ^ Pentesilea, regia di Peter Stein
  4. ^ Trailer dello spettacolo "Schifo" di C. Lievi
  5. ^ La Prima de "Lo stesso mare" di Amos Oz
  6. ^ Graziano Piazza è Re Lear al Silvano Toti Globe
  7. ^ Intervista regia di Graziano Piazza, Premio Adelaide Ristori
  8. ^ La "Gerusalemme perduta" di Graziano Piazza
  9. ^ L'Aiace di Ritsos alla Villa Romana di Patti
  10. ^ ART'S MOMENT presenta: Sbalzi-Lo Spazio Vuoto
  11. ^ Le sculture aeree di Graziano Piazza
  12. ^ Sopra e sotto il ponte, regia di Alberto Bassetti
  13. ^ Il mio regno per un cavallo, da William Shakespeare
  14. ^ Buon compleanno Samuel Beckett, recensione di Rodolfo Di Giammarco
  15. ^ Itala Film - Torino, regia di Giancarlo Sepe
  16. ^ Mardi 14, rien, regia di Franco Gervasio
  17. ^ Tito Andronico, regia di Peter Stein
  18. ^ Il Gabbiano secondo Vassiliev - articolo di Franco Quadri
  19. ^ Mille franchi di ricompensa, regia di Benno Besson
  20. ^ Tuttosà e Chebestia, regia di Benno Besson
  21. ^ Venezia Salva di Luca Ronconi[collegamento interrotto]
  22. ^ Medea di Grillparzer
  23. ^ Esuli, regia Nanni Garella
  24. ^ La donna del mare di Ibsen
  25. ^ Il benessere, regia di Mauro Avogadro
  26. ^ Macbeth di William Shakespeare, regia Valter Malosti
  27. ^ Odissea: doppio ritorno, di Luca Ronconi Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive.
  28. ^ Passaggio in India, regia di Federico Tiezzi
  29. ^ Lo stesso mare, regia di Federico Tiezzi Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive.
  30. ^ I Demoni, regia di Peter Stein
  31. ^ Il misantropo, regia di Massimo Castri
  32. ^ La fine dell'inizio al CSS di Udine
  33. ^ I pilastri della società, regia di Gabriele Lavia
  34. ^ Diario di sé con Vanessa Gravina per il Napoli Teatro Festival
  35. ^ Der Park di Botho Strauss
  36. ^ Debutto in prima nazionale di Aiace al Fontanone di Roma Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive.
  37. ^ Pugnani: Werther melologo

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4248958 · LCCN (ENn98060946