Graveyard of Honor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Graveyard of Honor
Graveyard Of Honor.jpg
Titolo originaleShin jingi no hakaba
Lingua originaleGiapponese
Paese di produzioneGiappone
Anno2002
Durata131 min
Genereazione, thriller
RegiaTakashi Miike
SoggettoGoro Fujita (romanzo), Kinji Fukasaku (film)
SceneggiaturaShigenori Takechi
ProduttoreKazuyuki Yokoyama
Produttore esecutivoMitsuru Kurosawa, Tsutomu Tsuchikawa
Casa di produzioneDaiei Motion Picture Company, Excellent Film, Toei Video Company
FotografiaHideo Yamamoto
MontaggioYasushi Shimamura
MusicheKôji Endô
ScenografiaTatsuo Ozeki
Interpreti e personaggi
Premi

Graveyard of Honor è un film yakuza del 2002 diretto da Takashi Miike, rifacimento del film del 1975 La tomba dell'onore di Kinji Fukasaku. La pellicola è stato distribuita in Giappone il 22 giugno 2002, mentre in Italia è ancora inedita.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si incentra sulle vicende del giovane Rikuo Ishimatsu, un lavapiatti che grazie al salvataggio di un boss locale, entra a tutti gli effetti a far parte nel clan Sawada. Ma la sua indole grezza, incontenibile e violenta, non lo rende degno di fiducia presso gli altri membri. Senza un vero seguito, si trova a stringere amicizia in carcere con l'esponente di una gang rivale.

L'amore malato per la sua donna, i continui sospetti, i personaggi che lo circondano con sguardi sinistri, tutto confluisce nel tremendo e disperato finale.

Accoglienza e critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato ben accolto dalla critica nonostante ai botteghini si è rivelato un medio successo. Ai Japanese Professional Movie Awards del 2003 è stato premiato sotto la categoria Migliore attore Goro Kishitani, che nel film interpreta Rikuo Ishimatsu.

Analisi del film[modifica | modifica wikitesto]

Una scena del film

Il film tratta apertamente l'argomento Yakuza e il suo ruolo nella società giapponese. I protagonisti sono tipici del genere Ninkyo-eiga, dove i personaggi principali hanno tra le tante caratteristiche, l'onore e il rispetto al primo posto, ma anche ricchi di virtù.

Viene anche trattato il tema della "disumanità", Takashi Miike si sofferma sul film di Kinji Fukasaku, dove l'uomo modello dell'epoca moderna viene descritto come violento, crudele e disonorevole.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema