Grande marcia nel ghiaccio siberiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'esercito di Vladimir Kappel, 1919.

La Grande marcia nel ghiaccio siberiano in russo: Великий Сибирский Ледяной поход, Velikij sibirskij ledjanoj pochod? fu la ritirata invernale delle truppe dell'Armata Bianca di Vladimir Kappel nel corso della Guerra civile russa, tra il gennaio e il febbraio del 1920.

Dopo che l'esercito Bianco, comandato dall'ammiraglio Aleksandr Vasil'evič Kolčak, abbandonò Tomsk e Omsk e fuggì verso est lungo la ferrovia Transiberiana, si stanziò sulle rive del Lago Baikal, nei pressi di Irkutsk. Con l'Armata Rossa che l'incalzava, i Bianchi furono costretti a fuggire verso la Cina, attraversando il lago ghiacciato con temperature sottozero. All'incirca 30.000 soldati dell'Armata Bianca (metà dei quali malati o feriti), le loro famiglie e tutto quello che possedevano, insieme all'oro dello zar che custodivano, si diressero allora sulla superficie ghiacciata verso la Transbaikalia[1].

Poiché i venti artici soffiavano ininterrottamente sopra il lago, molti dei soldati e delle loro famiglie morirono congelati. I loro corpi rimasero in tale stato per tutto l'inverno finché, con l'avvento della primavera, scomparvero nelle profondità del Baikal.

La marcia non terminò sul Baikal e lo stesso generale Kappel condusse i sopravvissuti verso Irkutsk. Nel vano tentativo di salvare dalla fucilazione l'ammiraglio Kolčak, imprigionato a Irkutsk il 14 gennaio 1920, Kappel tentò la rischiosa attraversata del fiume Kan, il cui ghiaccio è molto sottile in inverno a causa delle sorgenti d'acqua calda. In quell'occasione, il cavallo di Kappel cadde nelle acque ghiacciate, trascinando il generale con lui. Riscosso dai suoi, Kappel ebbe entrambe le gambe irrimediabilmente gelate e gli vengono amputati il piede sinistro e le dita della mano destra con un coltello. A seguito, contrasse la polmonite[2] e morì il 26 gennaio[3], dopo aver continuato la marcia alla testa delle sue truppe, legato al proprio cavallo per non cadere[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) Бринюк Н. Ю. titolo= Крах армии А. В. Колчака и её «Ледяной поход» под руководством генерала В. О. Каппеля (I resti dell'esercito di AV Kolchak e la sua "campagna nel ghiaccio" guidata dal generale VO Kappel), Военно-исторический журнал (rivista di storia militare), nº 1, 2013.
  2. ^ (EN) Valentina Antonievna Seletzky, Mosaic: A Child's Recollections of the Russian Revolution, iUniverse, 2003, p. 95.
  3. ^ (EN) Evan Mawdsley, The Russian Civil War, Pegasus Books, 2007, p. 211. URL consultato il 18 aprile 2010.
  4. ^ (EN) Alexander Riaboff, Gatchina Days: Reminiscences of a Russian Pilot, Von Hardesty, Smithsonian Institution Press, 1986, p. 16.