Grande Romanzo Americano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La capanna dello zio Tom (1852) di Harriet Beecher Stowe è comunemente citato come più celebre esempio di GAN, tanto che De Forest lo considerava il romanzo più vicino possibile.

Il Grande Romanzo Americano (dall'inglese Great American Novel, GAN) è un romanzo canonico che si pensa incarni l'essenza dell'America, generalmente scritto da un americano e che tratta in qualche modo la questione del carattere nazionale americano. Il termine fu coniato da John William De Forest in un saggio del 1868. Sebbene De Forest abbia menzionato La capanna dello zio Tom (1852) di Harriet Beecher Stowe come possibile esempio, ha notato che molto probabilmente il Great American Novel non era stato ancora scritto. Lo scrittore Henry James ha poi abbreviato il termine in GAN nel 1880.

L'idea si è evoluta ed è continuata nell'era moderna, sebbene lo sviluppo nazionale americano l'abbia respinta da alcuni come non più applicabile. Nei primi anni del 1900 alcuni esperti hanno considerato l'idea "estinta come il dodo ". È stato riscoperto lentamente dagli anni '20 in poi. Clyde Brion Davis e Philip Roth hanno entrambi scritto romanzi sul GAN negli anni '70, un periodo di prosperità per il concetto.

Dalla creazione del concept è stato dichiarato il GAN un assortimento di romanzi, che vanno daL'ultimo dei Mohicani (1826), a L'uomo invisibile (1952), a Telegraph Avenue (2012). Sono emerse anche interpretazioni proprie del GAN: scrittori e accademici hanno commentato lapragmatica del termine, i diversi tipi di GAN e la sua relazione con razza e genere. Sono stati proposti equivalenti al GAN, come la pittura e la poesia Great American.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Contesto ed etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene la narrativa letteraria sia stata scritta e pubblicata nelle tredici colonie già nel XVII secolo, è stato solo nel XVIII che si è sviluppata una propria identità degli Stati Uniti che sono apparse per la prima volta opere considerate appartenenti alla letteratura statunitense. L'identità degli Stati Uniti come nazione si rifletteva parallelamente allo sviluppo della sua letteratura.[1] Verso la metà del secolo, iniziò a prendere forma l'idea di una letteratura americana che superasse le sue controparti europee.[2] Secondo Grant Shreve di JSTOR Daily, "il sogno di un libro nazionale unificante era in circolazione fin dai primi giorni della Repubblica, ma il Grande Romanzo Americano non si è completamente consolidato come concetto fino alla fine della Guerra Civile."[3] Lawrence Buell vide gli anni 1840 come l'inizio della scrittura di romanzi che in seguito sarebbero stati considerati il Grande Romanzo Americano.[4]

Il termine Great American Novel ha avuto origine in un saggio del 1868 del romanziere della guerra civile americana John William De Forest.[5] De Forest lo vedeva come un "tableau" della società americana a lui contemporanea;Daniel Pierce Thompson ha detto che doveva essere "incarnare lo spirito dell'America".[5][6] De Forest ha criticato L'ultimo dei Mohicani di James Fenimore Cooper (1826) e ha osservato che non meritava di essere chiamato il Grande Romanzo Americano. Ha espresso la sua ammirazione per le opere di Washington Irving e Nathaniel Hawthorne, ma ha anche affermato che non erano adatte a ricevere il titolo.[7] Alla fine concluse che il Great American Novel doveva ancora essere scritto.[3] Nel 1880, lo scrittore Henry James semplificò il termine con l'iniziale "GAN".[8]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il termine divenne presto popolare, ma la sua ubiquità considerata un cliché e denigrata dai critici letterari.[9] Buell ha affermato che il concetto è stato visto come parte di un più ampio consolidamento nazionale, culturale e politico.[5] Secondo Shreve, man mano che il concetto cresceva, sono emersi diversi criteri per definire il GAN:

  • "Deve comprendere l'intera nazione e non essere troppo focalizzato su una particolare regione.
  • Deve essere democratico nello spirito e nella forma.
  • Il suo autore deve essere nato negli Stati Uniti o aver adottato il paese come proprio.
  • Il suo vero valore culturale non deve essere riconosciuto al momento della sua pubblicazione."[3]

L'articolo di George Knox del 1969 sull'American Quarterly affermava che all'inizio del secolo molti critici erano riluttanti a sostenere l'idea del GAN a causa di essere considerati ridicoli.[10] Ciò continuò fino alla metà del ventesimo secolo, quando le accademie iniziarono a liquidare il GAN come "un'utopia, sogno irrealizzabile dell'era del realismo ingenuamente amatoriale".[5] Bernard F. Rogers nel 1974 nota che "Il "GAN" appartiene davvero al diciannovesimo secolo, non al ventesimo", ritenendolo pertanto anacronistico con i tempi e non più espressione della società dell'epoca.[2]

Scrittori come William Dean Howells e Mark Twain erano ugualmente indifferenti. Invece Frank Norris proclamò nel 1901 che "Il GAN è estinto come il Dodo o lontano nel futuro come l'aereo pratico... la cosa da cercare non è il grande romanziere americano, ma il grande romanziere che sarà anche un Americano".[10] Edith Wharton lamentò, nel 1927, che il concetto del Grande romanzo americano avesse assunto ormai una visione ristretta e riguardava "sempreMain Street, geograficamente, socialmente e intellettualmente". Riteneva anche che le affermazioni del GAN fossero fatte troppo spesso, una volta inventando ironicamente il grande romanzo americano del mese.[10] In questo momento, è diventato anche associato ai valori maschili.[11]

Nonostante questo disprezzo critico, molti scrittori, secondo Maxine Hong Kingston, volevano scrivere il prossimo GAN; Upton Sinclair e Sinclair Lewis hanno entrambi cercato di creare il GAN, rispettivamente con The Jungle (1906) e Babbit (1924). A questo proposito, modelli e "ricette" per il GAN sono stati creati nella speranza di aiutare gli scrittori.[3] Nel 1938, Clyde Brion Davis pubblicò The Great American Novel, un'esplorazione satirica e immaginaria del concetto.[10] Rogers ha affermato che " l'intera carriera di Kurt Vonnegut potrebbe essere caratterizzata come un tentativo di produrre qualcosa come 'il GAN', ma del suo tempo".[2]

Un'opera satirica simile a quella di Davis sul concetto è stata pubblicata da Philip Roth nel 1973, che la intitola Il grande romanzo americano. Gli anni '70 hanno visto una rinascita generale del concetto, con il New York Times che ha usato la frase più volte che nella loro storia, per un totale di 71.[12] Tom Perrin, nel lioedel 202018 American Literature in Transition, 1970-1980, ha ipotizzato che questo risveglio fosse dovuto alle "notevoli ansie del decennio[13]". Il concetto è stato nuovamente allineato con la mascolinità e secondo Perrin ha cercato di "neturalizzare la tensione tra esso, l' individualismo e gli sconvolgimenti sociali che li hanno sfidati".[12]

Nel 21° secolo, il concetto ha assunto una nuova forma più estesa; superando, in primo luogo, la preoccupazione degli studiosi e verso un atteggiamento più populista.[14][15] Shreve lo definì "erba gatta per un Internet ossessionato"; la sua pertinenza e realizzabilità è spesso dibattuta.[3][16] Adam Kirsch ha affermato nel 2013 che "Di questi tempi quasi nessuno parla del Grande Romanzo Americano senza una sfumatura di ironia".[17] Tuttavia, Kirsch ha ammesso che libri come Pastorale americana (1997) di Roth indicano che gli scrittori sono ancora interessati a creare il GAN. Commentando il ruolo del GAN nel 21° secolo, Stephens Shapiro ha affermato che "Forse il termine è una tematica complessa che aumenta di interesse quando il sistema mondiale esistente è in fase di trasformazione, poiché la grandezza dell'America di tutti i tipi svanisce rapidamente".[4] Quando è stato chiesto in un'intervista del 2004 se il GAN potesse essere scritto, Norman Mailer- a lungo interessato all'idea[18] ha detto che non poteva, perché l'America era diventata una nazione troppo sviluppata.[19] Allo stesso modo Tony Tulathimutte lo ha liquidato come "un confortante mito romantico, che presuppone erroneamente che la comunanza sia più significativa dell'individualità".[20]

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Commentario razziale e di genere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo scrittore britannico Martin Amis, gli immigrati o "non americani" sono stati fondamentali nell'evoluzione del GAN. Ha sottolineato il fatto che molti autori del GAN erano nati all'estero o di origine immigrata, come Vladimir Nabokov. Secondo Lucy Scholes, in un articolo per BBC Cultura, l'evoluzione del GAN è stata largamente influenzata dalle "varie ondate di immigrazione che hanno lambito le coste americane".[16][21]

Annika Barranti Klein ha detto in un articolo di Book Riot che "Il problema lampante con il concetto di De Forest è il suo insopportabile candore".[22] Rigoberto González ha osservato che "Il GAN considera grandi le vite di quelle persone che la letteratura americana ha emarginato".[23] Kirsch ha affermato che i candidati del GAN hanno spesso cercato di "colmare il divario razziale". Commentando gli aspetti razziali e la presenza dell'idea nella coscienza popolare, Hugh Kenner scrisse in un numero di Perspective del 1953 che:

Perrin, Andrew Hoberek e Barbara Probst Solomon hanno notato che negli anni '70 hanno visto perfino gli ebrei interessati, tanto che Perrin poi ha detto che è stato un decennio di boom per quello che Hoberek chiamava il "GAN ebraico". Solomon nel 1972 era stufo di "bravi figli ebrei che stanno scrivendo il GAN". Aaron Latham, in un articolo del 1971, ha evidenziato Roth e Mailer come ebrei che volevano scrivere rispettivamente il prossimo GJN e GAN.[12]

La relazione del GAN con la virilità è stata vista come un problema dalle scrittrici. Gertrude Stein una volta si lamentò che, in quanto donna ebrea gay, non sarebbe stata in grado di comporre il GAN. Joyce Carol Oates sentiva allo stesso modo che "una donna potrebbe scriverlo, ma poi non sarebbe il GAN".[11] Viet Thanh Nguyen ha affermato che "uno dei silenzi non detti del Great American Novel è il presupposto che possa essere scritto solo da uomini bianchi".[24] Laura Miller ha scritto, in un articolo del Salon, che "La presunzione e la belligeranza incarnate in questo ideale hanno scoraggiato molte scrittrici americane". Ha anche notato che molti personaggi nei candidati GAN sono maschi: "l'idea che una figura femminile possa servire allo stesso scopo mina il concetto stesso del Great American Novel".[18] Emily Temple di Literary Hub ha suggerito che se il protagonista di The Bell Jar (1963) di Sylvia Plath fosse stato maschio sarebbe probabilmente considerato come un contendente GAN.[25]

Interpretazioni[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse interpretazioni di ciò che rende un GAN. Alcuni dicono che ritrae un gruppo eterogeneo che affronta problemi rappresentativi di "eventi o crisi pubbliche che definiscono l'epoca".[8] John Scalzi credeva che per essere definito GAN un romanzo doveva essere onnipresente, notevole e analizzare l'America attraverso un contesto morale.[26] Lo stesso De Forest vedeva il GAN come qualcosa che dovesse catturare "l'essenza" dell'America, la sua qualità irrilevante.[27]

La scrittrice A.M. Homes ha affermato che l'uso specifico di "grande" non dovrebbe essere una dichiarazione di qualità, ma piuttosto di estensione; in questo contesto, sentiva di aver scritto un GAN con Potremmo essere dimenticati (2012).[11] Norris ha condiviso sentimenti simili, dicendo che "tutto questo dipende da cosa s'intenda per Great, cosa s'intenda per americano". Pensava che le riflessioni su cosa fosse o non si qualificasse come "Grande" o come "americano" mostrassero l'insicurezza patriottica.[10] Mohsin Hamid ha scritto che "il problema è nella frase stessa. "Grande" e "Romanzo" vanno abbastanza bene. Ma "il" è inutilmente esclusivo, e "americano" è sfortunatamente parrocchiale. L'insieme, in maiuscolo, sembra parlare di una profonda e costante insicurezza, forse un retaggio coloniale».[28]

I critici hanno affermato che il concetto è di natura esclusivamente americana.[27] Il giornalista John Walsh ha offerto un pari nazionale sotto forma di Guerra e pace del russo Lev Tolstoj (1869); Buell riteneva che l'Australia fosse l'unico paese a replicare la ricerca americana del fantomatico romanzo.[4][16] Scholes ha affermato che il GAN è sempre stato penso atcomadiacenteto alla letteratura eopeap.[16] David Vann era convinto chgli scrittori e dovessero essere" antiamericani.".[29] Rogers sentiva che non era necessario avere protagonisti americani o essere ambientato in America e non doveva sposarnecessariamente e patriottismo o nazionalis. .[2]

Buell identifica più tipi di GAN. Il primo è colui che è soggetto al misticismo e resiste alla prova del tempo.[30] Il secondo è "il romanticismo del divario", che immagina le spaccature nazionali nella "forma di una storia familiare e/o di una storia d'amore eterosessuale", in cui la razza spesso gioca un ruolo.[3][30] In terzo luogo, uno che incapsula il sogno americano e vede il suo protagonista sorgere dall'oscurità.[12] Successivamente, i romanzi che sono composti da un insieme diversificato di personaggi "immaginati come microcosmi sociali o avanguardie" e che sono posti con eventi e crisi che servono a "costituire un'immagine di promessa o disfunzione "democratica". Buell ha anche affermato che la fantascienza speculativa potrebbe essere la base per un possibile quinto archetipo.[4]

Kasia Boddy ha scritto che, "dalla sua formulazione iniziale, il concetto è sempre stato più ispirato all'ispirazione che al successo; il fatto stesso che sia stato tentato ma rimane 'non scritto' fornisce uno sprone al futuro impegno con la nazione e letteratura nazionale”.[11] Speculando sulle intenzioni di De Forest durante l'ideazione dell'idea GAN e commentando il suo sviluppo, Cheryl Strayed ha scritto che:

Per quanto riguarda la mancanza di consenso, il critico A.O. Scott lo ha paragonato allo Yeti, al mostro di Loch Ness e al Bigfoot, in quanto molte persone, alcune delle quali si vantano di "documentazione impressionante", hanno "affermato di averlo visto".[31]

In altri campi[modifica | modifica wikitesto]

Nighthawks di Edward Hopper (1942) è stato citato da Kelly Grovier come un dipinto incluso in una breve lista di potenziali candidati per "Il Grande Dipinto Americano".[32]

Sono stati proposti equivalenti al GAN in altri campi. Per esempio:

"Il Grande Dipinto Americano" [32]
"Il Grande Programma TV Americano"
"Il Grande Film Americano" [36]
"Il Grande Poema Americano" [37]

DeForest ha affermato che "il grande poema americano" poteva essere creato solo dopo che gli Stati Uniti avessero sperimentato centinaia di anni di democrazia; tuttavia, credeva che il GAN potesse anche essere scritto molto prima.[8] Mark Binelli del New York Times ha definito il documentarista Frederick Wiseman il "Grande romanziere americano" e ha affermato che la sua intera filmografia di 50 anni è stata una manifestazione del GAN.[38] Jess Zafariss ha suggerito che i fumetti Marvel di Jack Kirby e Stan Lee meritassero il titolo.[7]

Possibili candidati[modifica | modifica wikitesto]

Anno Copertina o frontespizio Romanzo Immagine Autore Motivazione Rif.
1826 The Last of the Mohicans 1826.jpg L'ultimo dei Mohicani James Fenimore Cooper by Brady.jpg Anche se De Forest criticò la scrittura di Cooper come noiosa, molti considerano L'ultimo dei Mohicani il primo esempio di GAN. È stato influente nel definire la letteratura americana tanto da essere diventato un cult ed affronta temi comuni nelle successive opere americane, tra cui l'aspro individualismo e la libertà. [39][40]
1850 Title page for The Scarlet Letter.jpg La lettera scarlatta Nathaniel Hawthorne by Brady, 1860-64.jpg Sebbene De Forest abbia specificamente etichettato La lettera scarlatta come "non degno del nome" di GAN, è ora ampiamente incluso nella maggior parte delle liste. Buell l'ha riconosciuto come un "testo maestro" - il primo scritto GAN.[41] [42][43]
1851 Moby-Dick FE title page.jpg Moby Dick Herman Melville 1860.jpg Secondo Hester Blum della Penn State University, "Ciò che rende Moby Dick il più grande romanzo americano, in altre parole, è che Melville può invocare l'immagine assurda di un'alce singhiozzante e straziata e noi pensiamo, sì, sono arrivato a sapere esattamente come suona, e so quale mondo di significato è contenuto in quel fantastico suono".[44] [45][46]
1852 UncleTomsCabinCover.jpg La capanna dello zio Tom Beecher-Stowe.jpg Buell, affermò che era il primo romanzo a ricevere plauso di GAN e che era ampiamente accettato che fosse "l'approccio più vicino al fenomeno desiderato". De Forest lo indicò come l'unico concorrente possibile poiché riusciva a mostrare "un quadro perfetto della vita americana".[47] [48]
1884 Huckleberry Finn book.JPG Le avventure di Huckleberry Finn Mark Twain by AF Bradley.jpg Le avventure di Huckleberry Finnfu uno dei primi romanzi americani a focalizzarsi su un vernacolo regionale.[49] Nel 1935, Ernest Hemingway affermò che "Tutta la moderna letteratura americana deriva da un libro di Mark Twain chiamato 'Huckleberry Finn'". William van O'Connor scrisse, in un numero del 1955 di College English, che "abbiamo notato, confrontando diverse posizioni critiche, che esso è il vero romanzo americano".[50] [44][51][52]
1895 TheRedBadgeOfCourage.jpg La borsa rossa del coraggio SCrane2.JPG Stephen Crane Crane fu tra la prima generazione di romanzieri americani ad essere influenzata dal De Forest e si sforzò nello scrivere un "romanzo nazionale". Il critico Robert Barr lo aveva indicato come "il più probabile produttore del grande romanzo americano" solo due anni prima che Crane morisse improvvisamente all'età di 28 anni. Secondo il professore di letteratura di Yale Jay Martin, "il romanzo bellicoso di Crane, ambientato durante la guerra civile, segna il culmine del grande romanzo americano". [53]
1899
McTeague; a story of San Francisco (IA mcteaguestorysan00norrrich).pdf
McTeague Picture of F. Norris.jpg McTeague fu dichiarato GAN già nel 1899, sebbene diversi ne abbiano messo in dubbio lo status.[54] Inoltre, il romanzo di Norris The Octopus è stato dichiarato uno dei tre GAN da Bill Kauffman.[55] [56]
1925 The Great Gatsby cover 1925 (1).jpg Il grande Gatsby F. Scott Fitzgerald Publicity Photograph circa 1920.jpg Emory Elliott, nel 1991, scrisse che "è ancora frequentemente nominato come il GAN"; Kirsch, nel 2013, disse che fosse "uno dei primi titoli che vengono in mente quando si parla di Grande Romanzo Americano". Deirdre Donahue di USA Today e lo studioso di Fitzgerald James L. W. West III hanno ritenuto che la sua "incarnazione dello spirito americano", l'attualità e la prosa sono le ragioni per cui è il GAN.[57] [58][59][60]
1925 Gentlemen Prefer Blondes Cover 1926 Restored.jpg Gli uomini preferiscono le bionde Anita Loos - Dec 1917 EH.jpg Edith Wharton e Frank Crowninshield evidenziarono come il romanzo fosse GAN.[61][62] [61][62]
1936 Absalom, Absalom! (1936 1st ed cover).jpg Assalemme, Assalemme! Carl Van Vechten - William Faulkner.jpg Secondo Buell, Assalemme, Assalemme! ha costituito la "divisione tra prima e dopo"[46] [46][63]
1939 The Grapes of Wrath (1939 1st ed cover).jpg Furore John Steinbeck 1962.jpg Jay Parini lo ha identificato come "un grande romanzo americano" a causa della sua attenzione sull'America durante una crisi e la rappresentazione eclettica della vita americana. Richard Rodriguez, allo stesso modo, ha ritenuto che fosse "il grande romanzo americano che tutti continuavano ad aspettare" per come ha mostrato "i perdenti in America". Bill Kauffman lo ha inserito nella sua lista in uno dei tre possibili candidati per il GAN.[64] [65][66]
1951 The Catcher in the Rye (1951, first edition cover).jpg Il giovane Holden J. D. Salinger (Catcher in the Rye portrait).jpg "Mai uno scrittore ricevette per un romanzo tante lodi" [67] [67][68]
1952 Invisible Man (1952 1st ed jacket cover).jpg Uomo invisibile Ralph Ellison photo portrait seated.jpg Joseph Fruscione ha sostenuto che l'Uomo Invisibile fosse il GAN perché "può essere molte cose per molti lettori".[44] [69][70]
1953 The Adventures of Augie March Cover.jpg Le avventure di Augie March Saul Bellow 1953.jpg Amis riteneva che Le avventure di Augie March fosse il GAN per la sua "fantastica inclusività, il suo pluralismo, la sua promiscuità senza qualità".[71] [72][73]
1955 Lolita 1955.JPG Lolita Vladimir Nabokov 1973.jpg Mary Elizabeth Williams ha chiamato Lolita il GAN per via della sua "mirabolante" prosa.[44] [44][74]
1960 To Kill a Mockingbird (first edition cover).jpg Il buio oltre la siepe Photo portrait of Harper Lee (To Kill a Mockingbird dust jacket, 1960).jpg Scalzi lo definisce un GAN in quanto è un'opera notevole e onnipresente che tratta anche di moralità e dell'esperienza americana. Oprah Winfrey lo ha descritto come "il nostro romanzo nazionale".[75] [76][77]
1973 The silhouette of a row of buildings is situated at the bottom of this bright orange cover. "Gravity's Rainbow, Thomas Pynchon" is printed in bold text in the center. L'arcobaleno della gravità Thomas Pynchon, Navy Sailor.jpg Il romanzo postmoderno di Pynchon sulla seconda guerra mondiale è comunemente citato come "il più importante romanzo americano" del dopoguerra.[78] Si è detto che è conforme al quarto tipo di GAN di Buell.[79] [80][81][82]
1985 Blood Meridian (1985 1st ed half title page).jpg Meridiano di sangue Cormac McCarthy (Child of God author portrait - high-res).jpg Vann sentiva che Blood Meridian era un GAN perché esplorava il passato genocidastatunitense.[44] [83][84]
1987 Beloved (1987 1st ed dust jacket cover).jpg Amatissima Toni Morrison (The Bluest Eye author portrait).jpg Il romanzo è noto per la sua rappresentazione degli effetti psicologici della schiavitù e del razzismo. Quando ha vinto ad un sondaggio su "la migliore opera singola della narrativa americana" pubblicata dal 1980 al 2005, A. O. Scott ha osservato che "Qualsiasi altro risultato sarebbe stato sorprendente, poiché il romanzo della Morrison si è inserito nel canone americano più completamente di qualsiasi suo potenziale rivale". Amatissima si allinea con il terzo tipo di GAN di Buell.[79] [85][86]
1991 American Psycho Title.jpg American Psycho Ellis.jpg Julia Keller ha visto "un romanzo di marche, sesso e ansia sociale" come parte della ragione per cui è GAN.[87] [87][88]
1996 Infinite Jest 2.jpg Infinite Jest David Foster Wallace (cropped).jpg Buell ha notato che "Per un numero apprezzabile di lettori del ventunesimo secolo...Infinite Jest è il GAN dei nostri giorni". [71]
1997 Underworld 4.jpg Underworld Don delillo nyc 02-cropped.jpg Secondo Robert McCrum, quasi immediatamente dopo la sua pubblicazione avrebbe sviluppato "una fama da GAN".[89] [72][89][90]
2010 Freedom (2010 title page, signed by Jonathan Franzen).jpg Libertà Jonathan Franzen 2011 Shankbone 2.JPG Buell l'ha descritto come "il più acclamato concorrente GAN...dopo l'11 settembre". [72][91]
2012 Telegraph Avenue 2.jpg Telegraph

Avenue

Michael Chabon by Gage Skidmore.jpg John Freeman del Boston Globe ha elogiato Chabon per "aver immaginato il grande romanzo americano con un cast multirazziale".[92] [93][94]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Baym, Nina, ed. The Norton Anthology of American Literature. New York: W.W. Norton & Company, 2007. Print.
  2. ^ a b c d Bernard F. Rodgers Jr, The Great American Novel and "The Great American Joke", in Critique: Studies in Contemporary Fiction, vol. 16, n. 2, 1º dicembre 1974, pp. 12–29, DOI:10.1080/00111619.1974.10690080, ISSN 0011-1619 (WC · ACNP).
  3. ^ a b c d e f (EN) JSTOR Daily, https://daily.jstor.org/the-great-american-game-of-picking-the-great-american-novel/. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  4. ^ a b c d Stephen Shapiro, Review: The Dream of the Great American Novel, in Nineteenth-Century Literature, vol. 69, n. 4, 2015, pp. 539–543, DOI:10.1525/ncl.2015.69.4.539, ISSN 0891-9356 (WC · ACNP).
  5. ^ a b c d Lawrence Buell, The Unkillable Dream of the Great American Novel: Moby-Dick as Test Case, in American Literary History, vol. 20, 1–2, 2008, pp. 132–155, DOI:10.1093/alh/ajn005.
  6. ^ Herbert R. Brown, The Great American Novel, in American Literature, vol. 7, n. 1, 1935, pp. 1–14, DOI:10.2307/2920328, ISSN 0002-9831 (WC · ACNP). URL consultato il 4 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2021).
  7. ^ a b Jess Zafarris, The First Book to Ever Be Dubbed the "Great American Novel" Might Not Be the One You'd Guess, in Writer's Digest, 4 luglio 2018. URL consultato il 15 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2020).
  8. ^ a b c Elaine Showalter, Can the Great American Novel survive?, in Prospect, 20 febbraio 2014. URL consultato il 15 giugno 2020.
  9. ^ Lawrence Buell, The Dream of the Great American Novel, Cambridge, Massachusetts, Harvard University Press, 2014, ISBN 978-0-674-05115-7, OCLC 871257583.
  10. ^ a b c d e George Knox, The Great American Novel: Final Chapter, in American Quarterly, vol. 21, n. 4, 1969, pp. 667–682, DOI:10.2307/2711602, ISSN 0003-0678 (WC · ACNP). URL consultato il 16 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2021).
  11. ^ a b c d Kasia Boddy, Making it long: men, women, and the great American novel now, in Textual Practice, vol. 33, n. 2, 7 febbraio 2019, pp. 318–337, DOI:10.1080/0950236X.2018.1509268, ISSN 0950-236X (WC · ACNP). URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2021).
  12. ^ a b c d Tom Perrin, Chapter 12 - The Great American Novel in the 1970s, in Curnutt (a cura di), American Literature in Transition, 1970–1980, American Literature in Transition, Cambridge, Cambridge University Press, febbraio 2018, ISBN 978-1-107-15076-8.
  13. ^ (EN) Kirk Curnutt, American Literature in Transition, 1970–1980, Cambridge University Press, 22 marzo 2018, ISBN 978-1-108-55159-5. URL consultato il 17 luglio 2021.
  14. ^ Judith McCulloh, Kazee, Buell, in Oxford Music Online, Oxford University Press, 1º luglio 2014. URL consultato il 17 luglio 2021.
  15. ^ Secondo Buell, il concetto è sempre stato "più campanilista dell'entusiasmo accademico".
  16. ^ a b c d (EN) BBC, https://www.bbc.com/culture/article/20140512-great-american-novel-in-french. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  17. ^ (EN) Adam Kirsch, Made in the U.S.A., su Harvard Magazine, 16 dicembre 2013. URL consultato il 17 luglio 2021.
  18. ^ a b (EN) Salon, https://www.salon.com/2013/06/05/rachel_kushners_ambitious_new_novel_scares_male_critics/. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  19. ^ (EN) Poynter, https://www.poynter.org/reporting-editing/2004/norman-mailer-on-the-media-and-the-message/. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  20. ^ (EN) Tony Tulathimutte, Why There's No 'Millennial' Novel (Published 2016), in The New York Times, 7 dicembre 2016, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 19 gennaio 2021.
  21. ^ (EN) The Millions, https://themillions.com/2013/07/the-greatest-american-novel-9-experts-share-their-opinions.html. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  22. ^ (EN) Book Riot, https://bookriot.com/what-is-the-great-american-novel/. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  23. ^ (EN) Los Angeles Times, https://www.latimes.com/books/jacketcopy/la-ca-jc-great-american-novel-oscar-wao-20160622-snap-story.html. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  24. ^ (EN) Los Angeles Times, https://www.latimes.com/books/jacketcopy/la-ca-jc-great-american-novel-woman-warrior-20160623-snap-story.html. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  25. ^ (EN) Literary Hub, https://lithub.com/a-brief-survey-of-great-american-novels/. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  26. ^ John Scalzi, The Great American Novel is 'To Kill a Mockingbird', in The Los Angeles Times, Los Angeles, 30 giugno 2016. URL consultato il 14 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2020).
  27. ^ a b (EN) Slate, https://slate.com/culture/2012/06/the-great-american-novel-fitzgerald-wharton-morrison-on-the-search.html. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  28. ^ (EN) Mohsin Hamid, Where Is the Great American Novel by a Woman?, in The New York Times, 15 ottobre 2013, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 21 gennaio 2021.
  29. ^ (EN) David Vann, David Vann on Cormac McCarthy's Blood Meridian | Rereading, in The Guardian, 14 novembre 2009, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 17 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2020).
  30. ^ a b Nina Baym, Review of The Dream of the Great American Novel, in The New England Quarterly, vol. 87, n. 3, 2014, pp. 538–540, DOI:10.1162/TNEQ_r_00397, ISSN 0028-4866 (WC · ACNP).
  31. ^ The New York Times, https://www.nytimes.com/2006/05/21/books/review/scott-essay.html. URL consultato il 2 luglio 2020.
  32. ^ a b (EN) BBC Online, https://www.bbc.com/culture/article/20201002-blinding-light-the-great-american-painting. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  33. ^ Red, White, and Blue is an intentional allusion to the concept of the Great American Painting.
  34. ^ Randall Griffin, In praise of ... Georgia O'Keeffe's patriotic palette | art | Phaidon, su Phaidon, 7 ottobre 2014. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  35. ^ (EN) Far Out Magazine, https://faroutmagazine.co.uk/the-sopranos-monumental-legacy-history/. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  36. ^ (EN) Life, https://www.life.com/arts-entertainment/gone-with-the-wind-the-great-american-movie/. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  37. ^ (EN) James M. McPherson, Lincoln Off His Pedestal, in The New York Review of Books, 24 settembre 2009, ISSN 0028-7504 (WC · ACNP). URL consultato il 22 gennaio 2021.
  38. ^ (EN) Mark Binelli, What if the Great American Novelist Doesn't Write Novels?, in The New York Times, 15 dicembre 2020, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 21 gennaio 2021.
  39. ^ Hillel Italie, 'Last of the Mohicans' was first great American novel, su news.google.com. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  40. ^ Randy Lewis, Writer's Wit Found Target in 'Mohicans', in The Los Angeles Times, 3 ottobre 1992. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2020).
  41. ^ Nina Baym, Review of The Dream of the Great American Novel, in The New England Quarterly, vol. 87, n. 3, 2014, pp. 538–540, DOI:10.1162/TNEQ_r_00397, ISSN 0028-4866 (WC · ACNP), JSTOR 43285103.
  42. ^ Peter Messent, The Dream of the Great American Novel, by Lawrence Buell, in Times Higher Education. URL consultato il 14 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2016).
    «There are, Buell says, four main types of potential Great American Novels. Nathaniel Hawthorne's The Scarlet Letter epitomises the first – a cultural 'master narrative', identified as such by the number of reinterpretations and imitations that follow in its wake.».
  43. ^ Jennifer Latson, Why The Scarlet Letter Was a Mixed Blessing for Its Author, in Time, 16 marzo 2015. URL consultato il 17 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2020).
  44. ^ a b c d e f (EN) Kevin Harrnett, The Greatest American Novel? 9 Experts Share Their Opinions, su The Millions, 10 luglio 2013. URL consultato il 17 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2020).
  45. ^ Lawrence Buell, The Unkillable Dream of the Great American Novel: Moby-Dick as Test Case, in American Literary History, vol. 20, 1–2, 2008, pp. 132–155, DOI:10.1093/alh/ajn005.
  46. ^ a b c Adam Kirsch, Made in the U.S.A., in Harvard Magazine, gennaio–February 2014. URL consultato il 23 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2020).
  47. ^ Jess Zafarris, The First Book to Ever Be Dubbed the "Great American Novel" Might Not Be the One You'd Guess, in Writer's Digest, 4 luglio 2018. URL consultato il 15 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2020).
  48. ^ Randall Fuller, The First Great American Novel, in National Endowment for the Humanities, maggio 2013. URL consultato il 15 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2020).
  49. ^ Henry Nash Smith, The Publication of "Huckleberry Finn": A Centennial Retrospect, in Bulletin of the American Academy of Arts and Sciences, vol. 37, n. 5, 1984, pp. 18–40, DOI:10.2307/3823856, JSTOR 3823856.
  50. ^ William van O'Connor, Why Huckleberry Finn Is Not the Great American Novel, in College English, vol. 17, n. 1, 1955, pp. 6–10, DOI:10.2307/495715, ISSN 0010-0994 (WC · ACNP), JSTOR 495715. URL consultato il 16 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2021).
  51. ^ Robert B. Brown, One Hundred Years of Huck Finn, American Heritage Publishing, giugno–July 1984. URL consultato il 10 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2011).
    «It was called the 'great American novel' as early as 1891 by the English writer Andrew Lang ...».
  52. ^ Norman Mailer, Huckleberry Finn, Alive at 100, in The New York Times, 9 dicembre 1985. URL consultato il 15 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2020).
  53. ^ Lawrence Buell e Jay Martin, Harvests of Change: American Literature, 1865-1914, in The New England Quarterly, vol. 40, n. 4, 1967-12, pp. 568, DOI:10.2307/363561. URL consultato il 21 luglio 2021.
  54. ^ Faith Lee, Friday Reads: McTeague: a story of San Francisco by Frank Norris, Falmouth Public Library. URL consultato il 24 marzo 2021.
    «It is a great American novel. No doubt about it. And if you haven’t read it, Karl Bridges and I recommend that you do. Bridges describes Norris’ novel as being similar to Émile Zola’s realistic tone and style, but “distinctive in its American voice”.».
  55. ^ Bill Kauffman, CounterPunch's Favorite Novels (in English), CounterPunch, 21 giugno 2003. URL consultato il 24 marzo 2021.
    «The Octopus by Frank Norris, Giants in the Earth by Ole Rolvaag, and The Grapes of Wrath by John Steinbeck–(The great American novel: take your pick.)».
  56. ^ A Great American Novel (PDF), in New York Times, 1899. URL consultato il 24 marzo 2021.
  57. ^ (EN) Deirdre Donahue, Five reasons 'Gatsby' is the great American novel, su USA Today, 7 maggio 2013. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  58. ^ Joel Achenbach, Why 'The Great Gatsby' is the Great American Novel, in The Washington Post, 20 marzo 2015. URL consultato il 17 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2020).
  59. ^ (EN) John Williams, The 'Great Gatsby' Glut, in The New York Times, 14 gennaio 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 21 gennaio 2021.
  60. ^ Annabel Gutterman, What 'The Great Gatsby' Copyright Expiration Means for Its Legacy, su Time, 24 dicembre 2020. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  61. ^ a b Maria Konnikova, The Great American Novel, in Slate, 29 giugno 2012. URL consultato il 24 marzo 2021.
  62. ^ a b "One of the few books that doesn't stink': The Intellectuals, the Masses and Gentlemen Prefer Blondes" by Faye Hammill. Critical Survey. Vol. 17, No. 3. 2005. Accessed March 24, 2021.
  63. ^ Arthur Hirsch, The real great American Novel: 'Absalom, Absalom!' Faulkner: His ninth novel, for its span, its revelation, its American essence, stands above all others in reaching for this literary absolute., in The Baltimore Sun, Baltimore, Maryland, 16 novembre 1997. URL consultato il 21 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2011).
  64. ^ {{cite web|url=https://www.counterpunch.org/2003/06/21/counterpunch-s-favorite-novels-in-english/%7Ctitle=CounterPunch’s Favorite Novels (in English)|last=Kauffman|first=Bill|date=June 21, 2003|publisher=CounterPunch|access-date=March 24, 2021|quote=The Octopus by Frank Norris, Giants in the Earth by Ole Rolvaag, and The Grapes of Wrath by John Steinbeck–(The great American novel: take your pick.)|
  65. ^ Dana Gioia, The Grapes of Wrath Radio Show (interview with Richard Rodriguez) – Transcript, in The Big Read, The National Endowment for the Arts. URL consultato il 22 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2010).
    «There hasn't been anything like this novel since it was written. And this is the great American novel that everyone keeps waiting for but it has been written now.».
  66. ^ Rob Nixon, The Grapes of Wrath, in This Month Spotlight, Turner Classic Movies. URL consultato il 22 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2013). Nixon quotes John Springer, author of The Fondas (Citadel, 1973), a book about Henry Fonda and his role in film version of The Grapes of Wrath: "The Great American Novel made one of the few enduring Great American Motion Pictures."
  67. ^ a b Declan Burke, Sixty years and 65m copies on: Holden Caulfield and the great American novel, in The Irish Times, 13 luglio 2011. URL consultato il 15 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2020).
  68. ^ Charles McGrath, J. D. Salinger, Literary Recluse, Dies at 91, in New York Times, 28 gennaio 2010. URL consultato il 24 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2017).
  69. ^ Patrick Giles, The Great American Novel, in Los Angeles Times, 15 settembre 2002. URL consultato il 1º aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2011).
  70. ^ Paul Gambaccini, Book of a Lifetime by Paul Gambaccini - Invisible Man by Ralph Ellison, in The Independent, 7 ottobre 2015. URL consultato il 23 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2021).
  71. ^ a b (EN) Emily Temple, A Brief Survey of the Great American Novel(s), su Literary Hub, 9 gennaio 2017. URL consultato il 17 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2021).
  72. ^ a b c (EN) Lucy Scholes, Can a 'Great American Novel' be written in French?, su BBC, 21 ottobre 2014. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  73. ^ (EN) Rachel Shteir, A New Adventure for 'Augie March': A Chicago Stage (Published 2019), in The New York Times, 7 maggio 2019, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 28 gennaio 2021.
  74. ^ (EN) Mary Elizabeth Williams, Personal Best: Lolita, su Salon, 30 settembre 1996. URL consultato il 17 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2020).
  75. ^ 'Mockingbird' Moments: 'Scout, Atticus And Boo', in NPR, 8 luglio 2010. URL consultato il 18 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2020).
  76. ^ Maria Puente, 'To Kill a Mockingbird': Endearing, enduring at 50 years, in USA Today, 8 luglio 2010. URL consultato il 29 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2011).
    «It is Lee's only book and one of the handful that could earn the title of Great American Novel.».
    (Lee has since published a sequel, Go Set a Watchman.)
  77. ^ John Scalzi, The Great American Novel is 'To Kill a Mockingbird', in The Los Angeles Times, Los Angeles, 30 giugno 2016. URL consultato il 14 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2020).
  78. ^ Buell,  pp. 426
  79. ^ a b Tom Perrin, Chapter 12 - The Great American Novel in the 1970s, in Curnutt (a cura di), American Literature in Transition, 1970–1980, American Literature in Transition, Cambridge, Cambridge University Press, febbraio 2018, ISBN 978-1-107-15076-8.
  80. ^ Buell,  pp. 426–427
  81. ^ Steven C. Weisenburger, A Gravity's Rainbow Companion: Sources and Contexts for Pynchon's Novel, University of Georgia, 2006, pp. 1–2, ISBN 978-0-8203-2811-9.
  82. ^ William Deresiewicz, How the Novel Made the Modern World, in The Atlantic, giugno 2014. URL consultato il 2 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2020).
  83. ^ William Dalrymple, Blood Meridian is the Great American Novel, Reader's Digest. URL consultato il 10 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2020).
    «McCarthy's descriptive powers make him the best prose stylist working today, and this book the Great American Novel.».
  84. ^ (EN) David Vann, David Vann on Cormac McCarthy's Blood Meridian | Rereading, in The Guardian, 14 novembre 2009, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 17 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2020).
  85. ^ A. O. Scott, In Search of the Best, in The New York Times, 21 maggio 2006. URL consultato il 2 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2020).
  86. ^ Buell,  pp. 317–348
  87. ^ a b (EN) Julia Keller, The Great American Novel was written by, su The Chicago Tribune, 1º luglio 2007. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  88. ^ (EN) Charlie Burton, How the Great American Novel made it to the movies, su GQ, 5 giugno 2019. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  89. ^ a b (EN) Robert McCrum, The 100 best novels: No 98 – Underworld by Don DeLillo (1997), in The Guardian, 3 agosto 2015, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 28 gennaio 2021.
  90. ^ (EN) David Wiegand, We Are What We Waste / Don DeLillo's masterpiece fits a half-century of experience inside a baseball, su San Francisco Chronicle, 21 settembre 1997. URL consultato il 28 gennaio 2021.
  91. ^ Secher, Benjamin, Jonathan Franzen: One of America's Greatest Living Novelists, in The Telegraph, 20 agosto 2010. URL consultato il 21 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2014).
  92. ^ (EN) John Freeman, 'Telegraph Avenue' by Michael Chabon, in Boston Globe, 1º settembre 2012. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  93. ^ (EN) Kathryn Schulz, Michael Chabon May Just Be the Perfect Writer for the Obama Age, su New York Magazine, 16 settembre 2012. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  94. ^ (EN) Joyce Kessel, Telegraph Avenue, su Library Journal, 1º agosto 2012. URL consultato il 4 febbraio 2021.