Grande Persia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Grande Persia.
Carta del V secolo.

La Grande Persia è un termine che serve ad indicare la regione in cui vennero parlate le lingue iraniche, come le regioni che facevano parte della Persia e/o dell'impero persiano. L'Encyclopædia Iranica utilizza il termine continente culturale iraniano[1], e altre definizioni come Grande Persia o continente culturale persiano, particolarmente per riferirsi all'Afghanistan e al Tagikistan.

Tradizionalmente, fino a poco tempo addietro, l'etnia non era mai stata un criterio di separazione in queste regioni. Richard N. Frye ha detto:

«Ho spesso sottolineato che i popoli attuali dell'Asia centrale, parlano una lingua iranica o il turco, hanno una cultura, una religione e dei valori sociali comuni, e solo la lingua li separa.»

È solo in tempi moderni che l'intervento coloniale occidentale e l'origine etnica sono diventati un fattore di separazione tra le province di tutto il mondo iraniano. Ma il "mondo iraniano" è stato più un super-stato culturale, piuttosto che uno Stato politico.

Molto chiaramente, il mondo iranico "non ha mai avuto confini fissi, e neppure una definizione precisa. Mentre alcune fonti definiscono il mondo iranico includendo le repubbliche attuali di Iran, Afghanistan, Azerbaigian e le Repubbliche dell'Asia centrale, d'altra parte storici come Richard Nelson Frye danno una definizione ben più ampia e lo definiscono come il raggruppamento de "la maggior parte del Caucaso, dell'Afghanistan e dell'Asia centrale, con influenze culturali che si estendono alla Cina, all'India e ad altri paesi che parlano una lingua semitica"." Secondo Frye, "Per Iran si intendono tutte le terre e i popoli le cui lingue iraniche sono o sono state parlate, e dove, in passato, esistevano multiformi culture iraniche." (p.xi, Greater Iran).

Carta topografica francese del 1748 di Le Rouge, intitolata L'impero di Persia.

Nell'opera Nuzhat al-Qolub (نزهه القلوب), il geografo medievale Hamdallah Mustawfi, scrisse:

چند شهر است اندر ایران مرتفع تر از همه
Quante città dell'Iran sono migliori di tutte le altre,
بهتر و سازنده تر از خوشی آب و هوا
con il loro clima piacevole e pieno di promesse,
گنجه پر گنج در اران صفاهان در عراق
La ricca Gandja d'Arran, ed Esfahan,
در خراسان مرو و طوس در روم باشد اقسرا
Merv e Tus o Khorasan, e Konya (Aqsara).

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Carta del XIX secolo rappresentante il mondo iranico.
Una carta britannica della Persia del 1808.

In lingua persiana, il mondo iranico viene chiamato Iranzamin (ایران‌زمین), che significa "terra dell'Iran". Iranzamin è stato, in tempi mitici, opposto a Turanzamin, la "terre dei Tur", che si trovava nella parte nord dell'Asia centrale.

Durante il periodo pre-islamico, gli iraniani distinguevano due principali regioni del territorio da loro governato; una era chiamata Iran e l'altra Aniran. Per Iran, intendevano tutte le regioni abitate da popoli antichi iranici. Questa zona era molto più grande di quanto lo sia oggi. La nozione di Iran come territorio (al contrario di Aniran) può essere visto come l'origine di questo antico concetto del mondo iranico. Più tardi, intervennero molti cambiamenti nei confini e territori in cui vivevano gli iranici, ma le lingue e le culture rimasero un mezzo di comunicazione in molte parti del mondo persiano.

Per spiegare con un esempio, la lingua persiana era la lingua letteraria principale e la lingua della corrispondenza in Asia centrale e nel Caucaso, prima dell'occupazione russa. L'Asia centrale è il luogo di nascita della Persia moderna. Inoltre, secondo la governo britannico il persiano era utilizzato nel Kurdistan iracheno prima dell'indipendenza dell'Iraq del Regno Unito tra il 1918 e il 1932.[2]

Con l'impero russo che avanzava regolarmente verso sud nelle guerre contro la Persia, i trattati di Turkmenchay e Golestan sui confini occidentali, la morte inaspettata di Abbas Mirza nel 1823 e l'uccisione del visir di Persia (Mirza AbolQasem Qa'im Maqam), molti khanati dell'Asia centrale cominciarono perdere la speranza del sostegno della Persia contro le armate dello Zar.[3] Le armate russe occuparono le coste del Lago Aral nel 1849, Tashkent nel 1864, Bukhara nel 1867, Samarcanda nel 1868 e Khiva e Amu Darya nel 1873.

Trattati[modifica | modifica wikitesto]

Province del mondo iranico[modifica | modifica wikitesto]

Carta dell'Asia centrale nel 1719.

Asia centrale[modifica | modifica wikitesto]

"Khwarezm è una delle regioni di Iran-Zamin, ed è il luogo di nascita degli antichi iraniani, Airyanem Vaejah, secondo l'antico libro dell'Avestā[4]."

Tagikistan[modifica | modifica wikitesto]

L'inno nazionale del Tagikistan, "Surudi milli", attesta l'identità perso-tagiche, che hanno avuto una rinascita dopo il distacco dall'URSS. La lingua tagica è praticamente identica a quella parlata in Afghanistan e in Iran, e le città portano dei nomi persiani, ad esempio Doushanbe, Isfara (Esfarayen), e Kolyab.

Afghanistan[modifica | modifica wikitesto]

Gli afgani sono orgogliosi di essere vicini discendenti degli ariani o, per essere più precisi: Ariana - la pronuncia greca di Airyanem Vaejah in Avestā o "Aryavarta" in sanscrito, che significa terra di ariani. Oggi questa espressione in antico persiano o Avesta è conservata nel nome della compagnia di bandiera afgana, Ariana Airlines. Il termine 'Ariana Afghanistan' è ancora popolare tra molte persone nel paese.

L'Afghanistan faceva parte del Khorasan, ed era quindi noto come Khorasan (con le regioni situate attorno a Merv e Nishapur), che in lingua pahlavi significa "la terra orientale" (خاور زمین in persiano)[5]

L'Afghanistan è dove si trova Balkh, luogo di nascita di Rumi, di Abd Allah Ansari di Herat e di molte altre figure della letteratura persiana. La lingua dari, parlata in Afghanistan, è un dialetto molto vicino al persiano ed è ampiamente parlata in Afghanistan[6].

Nasseredin Shah perse il controllo di Herat, a favore dei britannici, nel 1857.

ززابل به کابل رسید آن زمان
È arrivato da Zabol a Kabul in quei giorni,
گرازان و خندان و دل شادمان
insolente, gioioso ed ilare
---Firdusi in Shāh-Nāmeh

Turkmenistan[modifica | modifica wikitesto]

Luogo di origine dell'impero parto (Nysa). Merv è anche il luogo dove il Califfo, metà persiano, al-Maʾmūn trasferì la capitale per spostare il centro del Califfato in una zona più remota della terra in cui si parlava arabo. La città di Eshgh Abad (Ashgabat) ha un nome persiano che significa "città dell'amore", e come l'Iran, l'Afghanistan e l'Uzbekistan, una volta era parte dell'Airyanem Vaejah.

Uzbekistan[modifica | modifica wikitesto]

Le celebri città di Afrasiab, Bukhara, Samarcanda sono in Uzbekistan. Molti esperti si riferiscono a queste città come il luogo di nascita del persiano moderno. I Samanidi, che rivendicarono l'eredità dei sassanidi costruirono qui la loro capitale.

ای بخارا شاد باش و دیر زی
Oh Bukhara! Gioia e lunga vita a te!
شاه زی تو میهمان آید همی
Il tuo re, viene verso te.
---Rudaki

Cina occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Le regioni del Xinjiang e della Cina accolsero delle popolazioni persiane e la loro cultura[7].

Regioni curde[modifica | modifica wikitesto]

Le regioni curde in Iraq e in Turchia sono mescolate con la cultura e la storia del resto del mondo iranico. I curdi e i Lor dell'Iran sono suddivisi nelle numerose regioni e sono discendenti delle tribù ariane dell'antichità. Ardashir I di Persia era di madre curda, originaria della tribù Shabankareh della regione del Fars.

Nord-ovest del Pakistan[modifica | modifica wikitesto]

Numerose vestigia dell'architettura iraniana si trovano ancora in questa regione (ad esempio Mosquée Wazir Khan) e più di un milione di locutori di lingua persiana orientale vicono in questa regione[8]

Muhammad Iqbal, di Lahore, è considerato un peso massimo della letteratura persiana.

Tuttavia, queste regioni sono considerate più terre persianofone che direttamente connesse con il mondo iraniano.

Regioni del Caucaso[modifica | modifica wikitesto]

Vestigia Sassanidi si trovano nel nord, fino a Darband, oggi in Russia del sud. (i termini Daghestan e Darband sono entrambi di origine persiana). Queste regioni vennero annesse dalla Russia imperiale nel XVIII e XIX secolo. Ancora oggi, queste regioni mantengono la loro identità iraniana, come si può vedere nelle loro tradizioni e costumi (ad esempio Norouz)[9].

Azerbaigian[modifica | modifica wikitesto]

Si separò dall'Iran alla metà del XIX secolo, a seguito del trattato di Golestan e Turkmanchai. La città di Baku (Bād-kubeh) è un'altra città di origini persiane. Il termine Azerbaigian deriva dal vecchio persiano "Azar-Padegan" (Atropatan).

Malgrado l'annessione di questa regione da parte della Russia imperiale, la maggior parte dell'Azerbaigian è oggi territorio iraniano.

گزیده هر چه در ایران بزرگان

زآذربایگان و ری و گرگان

Tutti i nobili e grandi d'Iran

venivano dall'Azerbaigian, di Rey e di Gorgan.

--Vis e Rāmin

Armenia[modifica | modifica wikitesto]

L'Armenia è stata una provincia del mondo iranico dai tempi degli Achemenidi[10][11]. L'Iran possiede ancora oggi una minoranza armena non indifferente.

Naxçıvan[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio nell'antichità, Narseh di Persia fece costruire delle fortificazioni in questa regione. Molto più tardi, le figure intellettuali e letterarie di punta del periodo Qajar erano originarie di questa regione. Il Naxçıvan si separò dall'Iran alla metà del XIX secolo, a seguito dei trattati di Golestan e Turkmanchai.

که تا جایگه یافتی نخچوان
Oh Naxçıvan, tu hai ottenuto rispetto,
بدین شاه شد بخت پیرت جوان
Che la tua fortuna prosegue con questo re.
---Nizami

Georgia e Ossezia[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Muhammad-Beik di Georgia, 1620. Dipinto di Reza Abbasi. Conservata al Museum Für Islamische Kunst di Berlino.

La Georgia, o "Gorjestan" era una provincia persiana, nell'epoca sasanide (soprattutto ai tempi di Ormisda IV). All'epoca safavide, i vincoli della Georgia con l'impero persiano divennero così stretti che i georgiani sostituirono quasi i Kizilbash nei tribunali safavidi. Il persiano era anche la lingua amministrativa ufficiale in Georgia, all'epoca di Shah Tahmasp e Allah-verdi Khan, tanto che il famoso ponte chiamato "Si-o-se pol" ad Esfahan faceva parte delle élite georgiane nel governo safavide. La Georgia è stata una provincia persiana dal 1629 al 1762, quando iniziò a farsi sentire l'influenza russa[12].

Quanto detto sopra è particolarmente vero per la "Georgia orientale" che è stata storicamente legata al sud che la sosteneva, mentre la Georgia occidentale cercò sostegno al nord. La città di "Teflis" (ora Tbilisi) fu persiana per un certo tempo. Il sovrano Qajar, Abbas Mirza, trascorse qualche tempo in questa città.

Infine, la Persia non fu in grado di confrontarsi con la Russia in Georgia, e abbandonò ufficialmente la sua supremazia sulla Georgia a seguito del trattato di Golestan e di Turkmanchai. Oggi, la Georgia è un paese più europeizzato.

Iraq moderno[modifica | modifica wikitesto]

L'Iraq era una volta la parte occidentale del mondo iranico. A volte comprese anche quello che oggi è l'Iraq orientale, dal momento che era quello in cui si trovava la capitale sasanide (Ctesifonte). Ci sono città dell'Iraq contemporaneo il cui nome persiano è ancora in uso (ad es Anbar). Anche dopo che l'Iraq venne arabizzato, la presenza persiana era ancora significativa e persino dominante in certi periodi, tanto che diversi santi sciiti sono sepolti a Najaf e a Karbala. Infine, i safavidi persero il controllo di queste aree a vantaggio dell'Impero Ottomano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Copia archiviata, su college.columbia.edu. URL consultato il 12 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2006).
  2. ^ Iraq Kurdish Language Policy Under British Mandate
  3. ^ (Homayoun, p.78)
  4. ^ (EN) Nasser Takmil Homayoun, Kharazm: What do I know about Iran?. 2004. ISBN 964-379-023-1
  5. ^ Dictionnaire Dekhoda, p.8457
  6. ^ Ethnologue report for language code:prs dans ethnologue.com
  7. ^ p.443 dell'Encyclopedia Iranica per le installazioni persiane a sud-ovest della Cina.
  8. ^ Ethnologue report for Pakistan dans ethnologue.com
  9. ^ Vedere l'articolo su "l'Iran du Caucase" nell'Encyclopedia Iranica, p.84-96.
  10. ^ p.417-483 dell'Encyclopedia Iranica per un'esposizione dettagliata sul soggetto.
  11. ^ https://web.archive.org/web/20071014072856/http://iranica.com/newsite/articles/sup/Persians_Armenia.html here
  12. ^ cf. article sur le Gorjestan de l'Encyclopedia Iranica [1] (EN)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

In francese[modifica | modifica wikitesto]

In persiano[modifica | modifica wikitesto]

Iran Portale Iran: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Iran