Gran Premio motociclistico di Francia 1988

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francia GP di Francia 1988
430º GP della storia del Motomondiale
11ª prova su 15 del 1988
Circuit Paul Ricard.png
Data 24 luglio 1988
Nome ufficiale Grand Prix de France
Luogo Circuito Paul Ricard
Percorso 5,81 km
Risultati
Classe 500
385º GP nella storia della classe
Distanza 21 giri, totale 122,01 km
Pole position Giro veloce
Francia Christian Sarron Australia Wayne Gardner
Yamaha in 1'58.810 Honda in 1'59.027
Podio
1. Stati Uniti Eddie Lawson
Yamaha
2. Francia Christian Sarron
Yamaha
3. Stati Uniti Kevin Schwantz
Suzuki
Classe 250
392º GP nella storia della classe
Distanza 18 giri, totale 104,58 km
Pole position Giro veloce
Francia Dominique Sarron Spagna Juan Garriga
Honda in 2:04.030 Yamaha in 2:03.370
Podio
1. Svizzera Jacques Cornu
Honda
2. Spagna Sito Pons
Honda
3. Francia Dominique Sarron
Honda
Classe 125
370º GP nella storia della classe
Distanza 16 giri, totale 92,96 km
Pole position Giro veloce
Italia Ezio Gianola Spagna Jorge Martínez
Honda in 2:14.780 Derbi in 2:14.700
Podio
1. Spagna Jorge Martínez
Derbi
2. Italia Ezio Gianola
Honda
3. Italia Corrado Catalano
Aprilia
Classe sidecar
Distanza 16 giri
Pole position Giro veloce
Svizzera Rolf Biland Svizzera Rolf Biland
LCR-Krauser LCR-Krauser
Podio
1. Svizzera Rolf Biland
LCR-Krauser
2. Regno Unito Steve Webster
LCR-Krauser
3. Svizzera Markus Egloff
LCR-ADM

Il Gran Premio motociclistico di Francia 1988 fu l'undicesimo appuntamento del motomondiale 1988.

Si svolse il 24 luglio 1988 sul circuito Paul Ricard e vide la vittoria di Eddie Lawson nella classe 500, di Jacques Cornu nella classe 250, di Jorge Martínez nella classe 125 e di Rolf Biland nei sidecar.

Durante le prove libere del giovedì, il sidecar del pilota Alfred Heck e del suo passeggero Andreas Räcke, sul rettilineo Mistral, mentre si trovava a una velocità di 280 km/h, inspiegabilmente sterza bruscamente verso destra. Heck muore sul colpo, mentre Räcke se la cava con un trauma cranico.

Per la prima volta nella storia del Mondiale va a punti una donna (passeggere dei sidecar escluse): la finlandese Taru Rinne, quattordicesima in 125.

Classe 500[modifica | modifica wikitesto]

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Moto Tempo Punti
1 Stati Uniti Eddie Lawson Yamaha 42:15.520 20
2 Francia Christian Sarron Yamaha +0.220 17
3 Stati Uniti Kevin Schwantz Suzuki +0.460 15
4 Australia Wayne Gardner Honda +5.720 13
5 Stati Uniti Wayne Rainey Yamaha +17.630 11
6 Stati Uniti Randy Mamola Cagiva +27.810 10
7 Belgio Didier de Radiguès Yamaha +30.620 9
8 Italia Pierfrancesco Chili Honda +30.870 8
9 Australia Kevin Magee Yamaha +35.110 7
10 Regno Unito Ron Haslam Elf-Honda +35.310 6
11 Regno Unito Robert McElnea Suzuki +59.870 5
12 Australia Malcolm Campbell Elf-Honda +1:19.040 4
13 Stati Uniti Mike Baldwin Honda +1:42.640 3
14 Italia Alessandro Valesi Honda +1:46.140 2
15 San Marino Fabio Barchitta Honda +2:02.540 1
16 Regno Unito Donnie McLeod Honda +2:03.030
17 Svizzera Marco Gentile Fior +2:11.260
18 Italia Marco Papa Honda +1 giro
19 Italia Fabio Biliotti Honda +1 giro
20 Germania Manfred Fischer Honda +1 giro
21 Irlanda Eddie Laycock Honda +1 giro
22 Francia Claude Arciero Honda +1 giro
23 Svizzera Nicholas Schmassmann Honda +1 giro
24 Paesi Bassi Maarten Duyzers Honda +1 giro

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto
Francia Patrick Igoa Yamaha
Francia Rachel Nicotte Honda
Spagna Daniel Amatriaín Honda
Francia Thierry Rapicault Fior
Svizzera Bruno Kneubühler Honda
Svizzera Wolfgang von Muralt Suzuki
Regno Unito Niall Mackenzie Honda
Giappone Shunji Yatsushiro Honda
Austria Josef Doppler Honda
Francia Jean Luc Demierre Suzuki
Italia Vittorio Scatola Suzuki

Non qualificati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto
Germania Andreas Leuthe Suzuki
Francia Patrick Leruste Suzuki
Finlandia Ari Rämö Honda
Francia Claude Albert Suzuki
Italia Vincenzo Cascino Honda
Francia Bernard Andrault Honda
Francia Christian Polard Honda
Venezuela Larry Vacondio Suzuki

Non partiti[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto
Francia Eric Sabatier Honda
Francia Raymond Roche Cagiva

Classe 250[modifica | modifica wikitesto]

Classe 125[modifica | modifica wikitesto]

Classe sidecar[modifica | modifica wikitesto]

Il weekend del Gran Premio di Francia è segnato dall'incidente mortale di Alfred Heck, caratterizzato anche da una preoccupante e inspiegabile dinamica; il telaista LCR, fornitore della maggior parte degli equipaggi in gara, effettua un'indagine tecnica per accertare le cause dell'anomalo cambio di direzione.

Per quanto riguarda i risultati sportivi, Rolf Biland-Kurt Waltisperg ottengono la 6ª vittoria su 6 gare; i campioni in carica e principali contendenti al titolo, Steve Webster-Tony Hewitt, si piazzano secondi. Una gomma a terra impedisce ad Egbert Streuer-Bernard Schnieders di andare oltre il 9º posto. In classifica Biland ha 120 punti, Webster 96, Streuer e Michel 54[1][2].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Passeggero Moto Tempo Punti
1 Svizzera Rolf Biland Svizzera Kurt Waltisperg LCR-Krauser 33'47"80[1] 20
2 Regno Unito Steve Webster Regno Unito Tony Hewitt LCR-Krauser +5"20 17
3 Svizzera Markus Egloff Svizzera Urs Egloff LCR-ADM +15"27 15
4 Francia Alain Michel Francia Jean-Marc Fresc LCR-Krauser +57"60 13
5 Giappone Masato Kumano Svizzera Markus Fährni LCR-Yamaha +1'05"97 11
6 Svizzera Alfred Zurbrügg Svizzera Martin Zurbrügg LCR-Yamaha +1'09"50 10
7 Giappone Yoshisada Kumagaya Regno Unito Brian Barlow Windle-Yamaha +1'15"46 9
8 Regno Unito Steve Abbott Regno Unito Shaun Smith Windle-Yamaha +1'26"16 8
9 Paesi Bassi Egbert Streuer Paesi Bassi Bernard Schnieders LCR-Yamaha 7
10 Paesi Bassi Theo van Kempen Regno Unito Simon Birchall LCR-Yamaha 6
11 Francia Yvan Nigrowsky Francia Martial Charpentier Seymaz-JPX 5
12 Germania Fritz Stölzle Germania Hubert Stölzle LCR-Krauser 4
13 Germania Bernd Scherer Germania Thomas Schröder BSR-Krauser 3
14 Regno Unito Barry Brindley Regno Unito Graham Rose LCR-Yamaha 2
15 Svizzera René Progin Svizzera Yvan Hunziker Seymaz-Krauser 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) Le plus beau jour du grand Jacques, La Liberté, 25 luglio 1988, p. 17. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  2. ^ (NL) Weer tegenslag voor zijspanduo, Nieuwsblad van het Noorden, 25 luglio 1988, p. 14. URL consultato il 30 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Motomondiale - Stagione 1988
Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain.svg Flag of Europe.svg Flag of Italy.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Yugoslavia (1946-1992).svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of Brazil (1968–1992).svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1987
Gran Premio motociclistico di Francia
Altre edizioni
Edizione successiva:
1989