Gran Premio motociclistico d'Australia 1991

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Australia GP d'Australia 1991
466º GP della storia del Motomondiale
2ª prova su 15 del 1991
Eastern Creek Circuit.svg
Data 7 aprile 1991
Nome ufficiale 1991 Tooheys Australian Motorcycle Grand Prix
Luogo Eastern Creek
Percorso 3,930 km
Risultati
Classe 500
421º GP nella storia della classe
Distanza 32 giri, totale 125,76 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Wayne Rainey Stati Uniti Wayne Rainey
Yamaha in 1'30.948 Yamaha in 1'31.455
Podio
1. Stati Uniti Wayne Rainey
Yamaha
2. Australia Mick Doohan
Honda
3. Stati Uniti John Kocinski
Yamaha
Classe 250
428º GP nella storia della classe
Distanza 28 giri, totale 110,04 km
Pole position Giro veloce
Italia Luca Cadalora Italia Luca Cadalora
Honda in 1'33.926 Honda in 1'34.18
Podio
1. Italia Luca Cadalora
Honda
2. Germania Helmut Bradl
Honda
3. Spagna Carlos Cardús
Honda
Classe 125
401º GP nella storia della classe
Distanza 24 giri, totale 94,320 km
Pole position Giro veloce
Italia Loris Capirossi Italia Loris Capirossi
Honda in 1'40.057 Honda in 1'39.401
Podio
1. Italia Loris Capirossi
Honda
2. Italia Fausto Gresini
Honda
3. Giappone Noboru Ueda
Honda

Il Gran Premio motociclistico d'Australia 1991 è stato la seconda prova del motomondiale del 1991. Si tratta della terza edizione nella storia di questo GP, anche se per la prima volta si corre nel circuito di Eastern Creek.

Nella classe 500, la vittoria è stata ottenuta dallo statunitense Wayne Rainey, che alla guida della Yamaha YZR 500 ha realizzato anche il giro veloce in gara e la pole position nelle qualifiche. Secondo l'australiano Mick Doohan del team Rothmans Honda, con l'altro statunitense John Kocinski al terzo posto, anche lui come Rainey con Yamaha del Marlboro Team Roberts. La classifica di campionato dopo due gare vede: Rainey primo con 35 punti, Doohan secondo con 34 punti e Schwantz terzo con 31.[1][2]

Sono solamente 18 i piloti iscritti alla gara della classe 500, di questi solo sedici iscritti quali piloti titolari. Infatti il team Lucky Strike Suzuki iscrive come wild card l'australiano Kevin Magee, mentre una seconda wild card viene assegnata al pilota britannico Steve Spray con la sua Roton a motore rotativo di tipo Wankel, derivato da quello della Norton NRS 588.[3] Per la prima volta nella storia del motomondiale corre una motocicletta con questa tipologia di motore, anche se per la partecipazione della Roton è stata necessaria una deroga da parte della Federazione Motociclistica Internazionale, visto che la cilindrata di 588 cm³ andava a sforare il limite di cubatura imposto dalla classe 500.

La gara riservata alla classe 250 viene vinta dal pilota italiano Luca Cadalora, che partendo dalla pole position, così come Rainey in 500, abbina la vittoria al giro veloce in gara. Per Cadalora si tratta della seconda vittoria stagionale in due gare corse, affermazione ottenuta grazie ad un sorpasso all'ultimo giro su Helmut Bradl, con il pilota tedesco che si è piazzato secondo staccato di pochi decimi dal vincitore. Al terzo posto giunge, con un ritardo di oltre undici secondi dai primi due, lo spagnolo Carlos Cardús, con un podio composto tutto da piloti alla guida di Honda NSR 250 (anche se gestite da squadre diverse).[1][2]

Per quel che concerne la gara della classe 125, Loris Capirossi realizza la sua prima vittoria stagionale, con Fausto Gresini, compagno di Capirossi nel team AGV - Pileri Corse, al secondo posto, ed il giapponese Noboru Ueda in terza piazza. Così come avvenuto nelle due classi di cilindrata maggiore, anche in 125 il pilota vincitore della gara è anche il realizzatore della pole position e del giro veloce in gara, per Capirossi si tratta della prima pole e del primo giro veloce nel contesto del motomondiale (il pilota italiano vinse il titolo mondiale nel 1990, senza però realizzare pole e giri veloci in gara). In conclusione di questa gara la classifica mondiale vede: Capirossi e Ueda primi con 35 punti, segue Gresini con 34.[1][2]

Anche in questo secondo Gran Premio stagionale del motomondiale non è prevista la gara della classe sidecar.

Classe 500[modifica | modifica wikitesto]

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
1 Stati Uniti Wayne Rainey Marlboro Team Roberts Yamaha YZR 500 32 49'14.411 20
3 Australia Mick Doohan Rothmans Honda Honda NSR 500 32 +2.549 17
19 Stati Uniti John Kocinski Marlboro Team Roberts Yamaha YZR 500 32 +9.457 15
5 Australia Wayne Gardner Rothmans Honda Honda NSR 500 32 +24.437 13
34 Stati Uniti Kevin Schwantz Lucky Strike Suzuki Suzuki RGV Γ 500 32 +29.177 11
7 Stati Uniti Eddie Lawson Cagiva Cagiva C591 32 +31.155 10
8 Francia Jean-Philippe Ruggia Yamaha Sonauto Mobil 1 Yamaha YZR 500 32 +37.849 9
12 Brasile Alex Barros Cagiva Cagiva C591 32 +59.646 8
20 Francia Adrien Morillas Yamaha Sonauto Mobil 1 Yamaha YZR 500 32 +59.702 10º 7
10º 27 Belgio Didier de Radiguès Lucky Strike Suzuki Suzuki RGV Γ 500 32 +1'01.652 12º 6
11º 9 Australia Kevin Magee Lucky Strike Suzuki Suzuki RGV Γ 500 32 +1'20.599 11º 5
12º 21 Stati Uniti Doug Chandler Team Roberts Yamaha Castrol Yamaha YZR 500 32 +1'28.598 13º 4
13º 17 Irlanda Eddie Laycock Millar Racing Yamaha YZR 500 31 +1 giro 15º 3
14º 16 Paesi Bassi Cees Doorakkers HEK-Bauwmachines Honda RS 500 30 +2 giri 16º 2
15º 31 Regno Unito Steve Spray Roton Roton 29 +3 giri 17º 1
16º 13 Svizzera Niggi Schmassman Technotron Honda RS 500 28 +4 giri 18º

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
6 Spagna Juan Garriga Ducados Yamaha Yamaha YZR 500 13
10 Spagna Sito Pons Campsa Honda Honda NSR 500 12 14º

Classe 250[modifica | modifica wikitesto]

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Costruttore Giri Tempo Griglia Punti
3 Italia Luca Cadalora Honda 28 44'19.673 20
4 Germania Helmut Bradl Honda 28 +0.269 17
2 Spagna Carlos Cardús Honda 28 +11.833 15
5 Paesi Bassi Wilco Zeelenberg Honda 28 +15.394 13
13 Italia Loris Reggiani Aprilia 28 +26.882 11
9 Italia Pierfrancesco Chili Aprilia 28 +56.839 10
18 Austria Andreas Preining Aprilia 28 +1'06.408 9
8 Germania Jochen Schmid Honda 28 +1'14.223 10º 8
17 Italia Paolo Casoli Yamaha 28 +1'17.967 15º 7
10º 15 Venezuela Carlos Lavado Yamaha 28 +1'18.302 13º 6
11º 51 Francia Jean Pierre Jeandat Honda 28 +1'30.197 5
12º 32 Svizzera Bernard Haenggeli Aprilia 28 +1'35.860 4
13º Francia Frédéric Protat Aprilia 27 +1 giro 3
14º Svizzera Urs Jücker Yamaha 27 +1 giro 2
15º Regno Unito Kevin Mitchell Yamaha 27 +1 giro 1
16º 24 Australia Stephen Whitehouse Yamaha 27 +1 giro
17º Spagna Jaime Mariano Aprilia 27 +1 giro 27º
18º 50 Australia David Horton Yamaha 27 +1 giro
19º Australia Gavin Johnston Yamaha 27 +1 giro
20º Australia Warren Palesy Yamaha 27 +1 giro
21º Australia Michael Haisman Yamaha 27 +1 giro
22º Nuova Zelanda Scott Buckley Yamaha 26 +2 giri

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Costruttore Giri Griglia
33 Germania Stefan Prein Honda 26 14º
23 Stati Uniti Jim Filice Yamaha 21
7 Giappone Masahiro Shimizu Honda 21 12º
Australia Darren Milner Yamaha 14
6 Germania Martin Wimmer Suzuki 13
16 Spagna Alberto Puig Yamaha 4 21º
11 Spagna Àlex Crivillé JJ Cobas 3 11º
Australia Trevor Manley Yamaha 3
21 Paesi Bassi Leon van der Heijden Honda 2 16º
20 Italia Doriano Romboni Honda 1
30 Germania Harald Eckl Aprilia 0
Australia Ricky Rice Yamaha 0
14 Svezia Peter Lindén Honda 0
45 Italia Corrado Catalano Honda 0
Regno Unito Ian Newton Yamaha 0

Classe 125[modifica | modifica wikitesto]

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Costruttore Giri Tempo Griglia Punti
1 Italia Loris Capirossi Honda 24 40'15.516 20
7 Italia Fausto Gresini Honda 24 +5.764 17
60 Giappone Noboru Ueda Honda 24 +13.068 15
6 Italia Ezio Gianola Derbi 24 +16.617 13
28 Germania Ralf Waldmann Honda 24 +22.713 11
16 Giappone Koji Takada Honda 24 +34.286 10
10 Svizzera Heinz Lüthi Honda 24 +34.725 9
9 Italia Alessandro Gramigni Aprilia 24 +34.780 10º 8
2 Paesi Bassi Hans Spaan Honda 24 +42.294 13º 7
10º 5 Spagna Jorge Martínez JJ Cobas 24 +47.291 6
11º 4 Germania Dirk Raudies Honda 24 +47.581 15º 5
12º 15 Italia Maurizio Vitali Gazzaniga 24 +47.659 11º 4
13º 17 Regno Unito Steve Patrickson Honda 24 +47.939 3
14º 29 Australia Peter Galvin Honda 24 +48.364 14º 2
15º 20 Giappone Hisashi Unemoto Honda 24 +57.904 1
16º 35 Giappone Kazuto Sakata Honda 24 +58.009
17º 14 Spagna Julián Miralles JJ Cobas 24 +59.981 26º
18º Spagna Herri Torrontegui JJ Cobas 24 +1'01.287 20º
19º 34 Italia Emilio Cuppini Gazzaniga 24 +1'08.358 22º
20º Finlandia Johnny Wickström Honda 24 +1'15.742
21º Regno Unito Robin Appleyard Honda 24 +1'15.941
22º 27 Italia Gimmi Bosio Honda 24 +1'18.526 17º
23º 19 Germania Alfred Waibel Honda 24 +1'26.064
24º 58 Giappone Kin'ya Wada Honda 24 +1'26.303
25º 45 Svizzera Thierry Feuz Honda 24 +1'26.644
26º Regno Unito Alan Patterson Honda 24 +1'46.388
27º Germania Hubert Abold Honda 23 +1 giro
28º 52 Australia Linda Walsh Honda 23 +1 giro
29º Svizzera René Dünki Honda 23 +1 giro
30º Australia Ken Fisher Honda 23 +1 giro
31º Australia Tony Daly Honda 23 +1 giro
32º Australia Tony Sims Honda 23 +1 giro
33º Australia Peter Scott Honda 22 +2 giri

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Costruttore Giri Griglia
12 Italia Gabriele Debbia Aprilia 17
Spagna Manuel Herreros JJ Cobas 17 29º
Spagna Francisco Debon JJ Cobas 11 34º
3 Italia Bruno Casanova Honda 9 12º
47 Svizzera Oliver Petrucciani Aprilia 7
11 Germania Adi Stadler JJ Cobas 3

Non partito[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Costruttore Griglia
46 Paesi Bassi Arie Molenaar Honda 31º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Giancarlo Di Filippo, Capirossi e Cadalora coppia d'oro, su archiviolastampa.it, 8 aprile 1991, p. 13.
  2. ^ a b c Enrico Conti, Piloti d'Italia a tutto gas (PDF), su archiviostorico.unita.it, 8 aprile 1991, p. 27 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ (ES) D.G., Unicamente 18 pilotos en 500 cc (PDF), su hemeroteca.mundodeportivo.com, 7 aprile 1991, p. 51.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Motomondiale - Stagione 1991
Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain.svg Flag of Italy.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Europe.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of San Marino.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of France.svg Flag of Malaysia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1990
Gran Premio motociclistico d'Australia
Altre edizioni
Edizione successiva:
1992