Gran Premio di San Marino 1994

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Marino Gran Premio di San Marino 1994
551º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 3 di 16 del Campionato 1994
Imola 1981.jpg
Data 1º maggio 1994
Nome ufficiale XIV Gran Premio di San Marino
Luogo Imola
Percorso 5,040 km / 3,132 US mi
Distanza 58 giri, 292,320 km/ 181,639 US mi
Clima soleggiato
Note Gara sospesa per incidente al 7º giro
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Regno Unito Damon Hill
Williams-Renault in 1'21"548 Williams-Renault in 1'24"335
(nel giro 10)
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Benetton-Ford
2. Italia Nicola Larini
Ferrari
3. Finlandia Mika Häkkinen
McLaren-Peugeot

Il XIV Gran Premio di San Marino, terza gara del campionato mondiale di Formula 1 1994, si è svolto il 1º maggio a Imola (Italia), presso l'Autodromo Enzo e Dino Ferrari.

La competizione è nota per essere stata uno degli eventi di Formula 1 con più incidenti dall'esito grave o mortale: nell'arco dei tre giorni di gara vi persero infatti la vita i piloti Roland Ratzenberger e Ayrton Senna, mentre Rubens Barrichello rimase gravemente ferito. Rimasero anche feriti alcuni meccanici e vari spettatori, coinvolti passivamente in ulteriori incidenti verificatisi in fase di corsa.

La vittoria andò al tedesco Michael Schumacher (al 5° successo in carriera) su Benetton, che precedette il ferrarista italiano Nicola Larini e il finlandese della McLaren Mika Häkkinen.

Pre-gara[modifica | modifica wikitesto]

Per la seconda gara consecutiva la Ferrari sostituì l’infortunato Jean Alesi con Nicola Larini[1]. La Jordan, non potendo schierare Eddie Irvine (ancora squalificato a seguito dell’incidente occorsogli a Interlagos), aveva ingaggiato Andrea De Cesaris[2]. La Benetton dal canto suo vide il rientro della seconda guida JJ Lehto (il quale, benché messo sotto contratto a inizio stagione, aveva dovuto saltare le prime due gare del 1994 per i postumi di un incidente occorsogli nei test pre-campionato), che prese il posto di Jos Verstappen.

Prove e qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Venerdì[modifica | modifica wikitesto]

La sequenza di gravi incidenti che segnò il weekend ebbe inizio già nelle prove libere del venerdì: durante la sessione la Jordan di Rubens Barrichello, a causa del cedimento della sospensione posteriore sinistra[3] e della velocità troppo elevata, uscì di traiettoria alla Variante Bassa, passò di traverso sul cordolo esterno e decollò, superando le gomme di bordopista e impattando contro le reti di protezione. L'auto quindi rimbalzò all'indietro, si cappottò un paio di volte e infine si fermò ribaltata nella via di fuga.

Essendo manifesta la gravità della situazione, le prove vennero subito interrotte onde consentire di prestare soccorso. Barrichello venne estratto esanime dall’abitacolo e rianimato sul posto dai sanitari: ripresi i sensi, venne trasportato al centro medico e in seguito all'ospedale, ove venne stabilizzato e medicato (avendo riportato una frattura al setto nasale, tagli alla bocca, un braccio rotto, una costola incrinata ed una leggera amnesia). Pur non potendo prendere parte al resto dell'evento, già la mattina del sabato si ripresentò nel paddock[4].

Sabato[modifica | modifica wikitesto]

Il punto dell'incidente mortale di Roland Ratzenberger nelle qualifiche

Il secondo incidente avvenne durante le prove ufficiali di sabato 30 aprile: attorno alle ore 15:00 la Simtek del pilota austriaco Roland Ratzenberger era impegnata in un giro lanciato nel tentativo di abbassare il suo tempo di qualificazione. Giunta nel rettilineo all'uscita della curva Tamburello, la vettura numero 32 subì la rottura dell'ala anteriore perse deportanza e, data l’elevata velocità (306 km/h) divenne praticamente ingovernabile: la corsa finì contro il muro esterno della successiva curva, intitolata a Gilles Villeneuve. Nel fortissimo impatto la cella di sopravvivenza dell'abitacolo resse abbastanza bene, ma la decelerazione fu tale da far perdere immediatamente conoscenza al pilota, provocandogli una frattura della base cranica. Anche stavolta gravità della situazione fu subito manifesta: mentre il relitto della vettura (rimbalzato contro il muretto) continuava ad andare in testacoda per poi fermarsi in mezzo alla curva Tosa (successiva alla Villeneuve), si vide la testa del pilota oscillare in modo innaturalmente molle, appoggiandosi ai bordi dell'abitacolo.

L'allarme fu ancora una volta immediato e fu esposta la bandiera rossa: in due minuti i medici di pista, diretti dal dottor Sid Watkins, si accostarono alla Simtek. Ratzenberger venne trovato privo di sensi e con copiosa perdita di sangue dalla bocca e dal naso.

I sanitari intervennero su di lui dapprima nell’abitacolo, dopodiché lo estrassero e lo distesero a terra, tentando di rianimarlo. Dopo essere riusciti quantomeno a farlo uscire dall’arresto cardiaco, lo caricarono su un’ambulanza e quindi sull’elicottero del 118, che lo trasportò al pronto soccorso dell'Ospedale Maggiore di Bologna; il trauma subito era però troppo grave, sicché il pilota austriaco spirò sette minuti dopo l'arrivo al nosocomio.

La ricostruzione più credibile dell’incidente indicò come causa scatenante un danno all’alettone anteriore della Simtek, riportato durante il giro di lancio a causa di un probabile passaggio scomposto su un cordolo. Tale rottura non venne ravvisata né dal pilota né dal muretto, ma allorché Ratzenberger affrontò il rettilineo del Tamburello, il forte carico aerodinamico dell’alta velocità andò a spezzare definitivamente la superficie alare. A conforto di tale teoria vi furono le registrazioni delle telecamere Rai puntate su quel tratto di pista, una delle quali, poco dopo il passaggio della Simtek numero 32, riprese un oggetto di colore violaceo (visivamente compatibile con la forma del flap frontale) volare in mezzo al tracciato.

Ratzenberger sulla sua Simtek ai box di Imola nel 1994

Secondo le leggi italiane l'autodromo sarebbe dovuto andare immediatamente sotto sequestro a causa dell'incidente mortale, per consentire al pubblico ministero competente di effettuare i rilievi. Essendo però i medici riusciti a riattivare il cuore di Ratzenberger, il successivo decesso avvenne al di fuori del circuito e non comportò la sospensione del programma di gara[5].

Era dal 1986 che un pilota di Formula 1 non decedeva “sul lavoro” (l’ultimo era stato De Angelis nel corso di un test privato) e ancor più tempo era passato dall’ultimo accadimento luttuoso nel corso di un evento ufficiale (l’incidente di Riccardo Paletti al Gran Premio del Canada 1982). L'ambiente della Formula 1 ne risultò immediatamente traumatizzato: allorché le prove vennero fatte ripartire, Ayrton Senna e tutti i piloti della Benetton e della Sauber decisero di non effettuare altri giri.[6][7]

La pole position fu conquistata da Senna, alle cui spalle si inserirono Michael Schumacher e Gerhard Berger. Il miglior tempo segnato da Ratzenberger prima dello schianto si rivelò sufficiente per l’ultima posizione sulla griglia.

Nel post-prove la Simtek pensò anche di ritirare dal Gran Premio la propria seconda vettura (pilotata da David Brabham), lasciando spazio alla non qualificata Pacific di Paul Belmondo; Bernie Ecclestone riuscì però a far desistere la scuderia britannica, che dunque schierò regolarmente al via la sola monoposto numero 31[8]; si decise infine di non ripescare nessuno per la gara, lasciando vuota l’ultima piazzola della griglia.

A prove concluse Senna montò su una macchina dell'organizzazione e si fece trasportare fino alla curva Villeneuve per verificare lo stato della pista; tale gesto gli costò una sanzione da parte della Federazione[5][9].

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Qualificati per la gara
Pos Pilota Costruttore Giro Gap
1 2 Brasile Ayrton Senna Williams-Renault 1'21"548  
2 5 Germania Michael Schumacher Benetton-Ford 1'21"885 +0"337
3 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 1'22"113 +0"565
4 0 Regno Unito Damon Hill Williams-Renault 1'22"168 +0"620
5 6 Finlandia Jyrki Järvilehto Benetton-Ford 1'22"717 +1"169
6 27 Italia Nicola Larini Ferrari 1'22"841 +1"293
7 30 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber-Mercedes 1'23"119 +1"571
8 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Peugeot 1'23"140 +1"592
9 3 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell-Yamaha 1'23"322 +1"774
10 29 Austria Karl Wendlinger Sauber-Mercedes 1'23"347 +1"799
11 10 Italia Gianni Morbidelli Footwork-Ford 1'23"663 +2"115
12 4 Regno Unito Mark Blundell Tyrrell-Yamaha 1'23"703 +2"155
13 8 Regno Unito Martin Brundle McLaren-Peugeot 1'23"858 +2"310
14 23 Italia Pierluigi Martini Minardi-Ford 1'24"078 +2"530
15 24 Italia Michele Alboreto Minardi-Ford 1'24"276 +2"728
16 9 Brasile Christian Fittipaldi Footwork-Ford 1'24"472 +2"924
17 25 Francia Éric Bernard Ligier-Renault 1'24"678 +3"130
18 20 Francia Érik Comas Larrousse-Ford 1'24"852 +3"304
19 26 Francia Olivier Panis Ligier-Renault 1'24"996 +3"448
20 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus-Mugen-Honda 1'25"114 +3"566
21 15 Italia Andrea De Cesaris Jordan-Hart 1'25"234 +3"686
22 11 Portogallo Pedro Lamy Lotus-Mugen-Honda 1'25"295 +3"747
23 19 Monaco Olivier Beretta Larrousse-Ford 1'25"991 +4"443
24 31 Australia David Brabham Simtek-Ford 1'26"817 +5"269
25 34 Belgio Bertrand Gachot Pacific-Ilmor 1'27"143 +5"595
26 32 Austria Roland Ratzenberger Simtek-Ford 1'27"584 +6"036
Non qualificati
Pos Pilota Costruttore Giro Gap
27 33 Francia Paul Belmondo Pacific-Ilmor 1'27"881 +6"333
28 14 Brasile Rubens Barrichello Jordan-Hart senza tempo  

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Prima partenza[modifica | modifica wikitesto]

La curva del Tamburello, punto dell'incidente mortale di Ayrton Senna

Il terzo grave incidente del weekend si verificò già alla partenza della gara: allo scattare del semaforo verde la Benetton di Lehto, quinta in griglia, ebbe un problema tecnico e non si mosse. Le macchine che la seguivano scartarono bruscamente sui lati per evitarla: non poté fare altrettanto Pedro Lamy, partito con la sua Lotus dalle retrovie, il quale si avvide dell'ostacolo solo all'ultimo momento; l'elevata velocità e la presenza di altre monoposto al suo fianco resero inevitabile il violento impatto. Entrambi i piloti non riportarono conseguenze (salvo alcuni indolenzimenti), ma i detriti persi dalle monoposto volarono in tutte le direzioni; alcuni di essi scavalcarono le recinzioni e finirono sulle tribune ferendo nove spettatori,[10] dei quali uno, colpito da una gomma, rimase qualche giorno in coma.

Essendosi il rettilineo dei box riempito di detriti, la direzione di gara ordinò l'ingresso in pista della safety car (condotta dal pilota Max Angelelli), onde rallentare i concorrenti e dare modo ai commissari di ripulire il tracciato e spostare i relitti delle auto incidentate.

La decisione causò le proteste di alcuni piloti, timorosi che il rallentamento potesse compromettere la loro gara[10]. In generale in quegli anni l'uso della safety car era fortemente messo in discussione nell'ambiente della Formula 1, in ragione del fatto che, in assenza di standard regolamentari, ogni tracciato disponeva di una vettura differente: spesso i modelli utilizzati (in questo caso una Opel Vectra) non potevano tenere una velocità tale da permettere alle monoposto di massima categoria di mantenere le gomme in temperatura.

Una volta pulita la pista la gara riprese: Senna aveva mantenuto il comando e subito segnò un buon tempo cronometrato (risulterà essere il terzo crono più veloce della gara), inseguito a breve distanza da Schumacher.

La vettura di Senna alla deriva nella via di fuga della curva Tamburello, pochi istanti dopo lo schianto col muretto.

Nel corso del settimo giro, alle ore 14:17,[11] la Williams del brasiliano approcciò normalmente la curva del Tamburello ad una velocità di circa 310 km/h. In questo frangente il piantone dello sterzo (modificato frettolosamente dai meccanici su istruzioni dello stesso Senna prima della partenza della gara)[12] cedette alle sollecitazioni e la vettura divenne ingovernabile. Senna, accortosi di non riuscire a curvare e di stare andando dritto, frenò bruscamente fino a ridurre la velocità a 211 km/h, ma la via di fuga era troppo stretta: nel giro di 2 secondi la Wiliams impattò quasi frontalmente contro il muretto. La grande energia cinetica fece rimbalzare la macchina all'indietro verso la pista: essa toccò di traverso la striscia d'erba che separava il tracciato dalla via di fuga e ritornò verso l'esterno, per poi arrestarsi una cinquantina di metri più avanti. Nella carambola una sospensione dell'auto si spezzò con ancora attaccata la gomma e colpì Senna alla testa, provocandogli un grave trauma cranico; inoltre il braccio scheggiato della sospensione penetrò nel casco attraverso la visiera, ferendo gravemente il pilota nel lobo frontale destro, poco sopra l'occhio.[11] Resasi conto dell'immobilità del pilota nel relitto della macchina (salvo alcuni lievi spostamenti del capo probabilmente dovuti alle lesioni a livello cerebrale), la direzione di gara espose la bandiera rossa e chiamò i soccorsi.

Nel giro di due minuti i medici guidati dal dottor Sid Watkins intervennerò presso la vettura. Le condizioni di Senna erano palesemente gravissime: il pilota era esanime e la testa era mollemente appoggiata al bordo laterale dell'abitacolo. I sanitari cavarono il casco al pilota tagliando la cinghia di ritenuta, constatando che il brasiliano era in stato di gasping: oltre alla ferita sopra l'occhio destro manifestava una fuoriuscita di sangue dal naso e dalla bocca e non reagiva ad alcun tipo di sollecitazione. Lo estrassero dalla vettura e lo stesero a terra per rianimarlo: anzitutto si provvide a tenergli aperte le vie respiratorie con la praticazione di una tracheotomia d'urgenza, a tamponare l'emorragia e a trasfondergli del materiale ematico.

Watkins, appurata l'estrema gravità della situazione (a posteriori dichiarò di aver avuto "la percezione che il suo spirito lo stesse abbandonando in quell'istante") e a fronte dei tentativi infruttuosi di rianimazione, chiese l'intervento dell'elisoccorso, che in modo del tutto inedito per la storia della Formula 1 fu fatto atterrare direttamente in pista, presso il sito dell'incidente.

In quei momenti concitati qualcuno autorizzò erroneamente il rientro in pista di Érik Comas, che non era ripartito insieme agli altri all'uscita della safety car, ma era rimasto fermo a lungo nei box per riparare l'alettone posteriore rovinato da una toccata. Il francese della Larrousse, ignaro della situazione, arrivò al Tamburello a discreta velocità, evitando per poco di investire i mezzi di soccorso. Incredulo per la situazione creatasi, egli uscì dalla vettura per sincerarsi dello stato del collega ferito (che peraltro qualche tempo prima l'aveva a sua volta soccorso a seguito di un incidente in gara. Indi, prima che la direzione di gara lo squalificasse per il grave pericolo causato, decise sua sponte di ritirarsi dalla gara.

Alle ore 15:00 Senna venne caricato a bordo dell'elicottero, che decollò dalla pista alla volta dell'Ospedale Maggiore di Bologna: al seguito del pilota si imbarcarono il dottor Watkins e il primo assistente Giovanni Gordini, medico anestesista. Durante il volo gli fu trasfuso altro sangue, per un totale di 4,5 litri.

Sgomberata la pista dal relitto della macchina (che a stretto giro venne posto sotto sequestro da parte delle Forze dell'Ordine, insieme al casco indossato da Senna), nel giro di 37 minuti venne ordinata la partenza, deliberando inoltre di stilare la classifica finale mediante la somma dei tempi delle due tranche.

Seconda partenza[modifica | modifica wikitesto]

Il podio dell'edizione, con Michael Schumacher vincitore su Benetton-Ford, davanti a Nicola Larini su Ferrari e Mika Häkkinen su McLaren-Peugeot

Dopo un tentativo di fuga della Ferrari di Berger, Schumacher riprese il controllo della situazione; pochi giri dopo, l'austriaco fu bloccato da un guasto meccanico. Larini si mise allora in luce con la seconda Ferrari, occupando stabilmente la seconda posizione e prendendo brevemente il comando quando Schumacher effettuò il suo rifornimento.

A dieci giri dal termine, nella pit-lane avvenne un altro grave incidente: la Minardi di Alboreto, che stava uscendo dai box dopo una sosta, perse una delle ruote posteriori (mal fissata dai meccanici), la quale finì ad alta velocità contro il personale delle altre squadre assiepato nella corsia. Ne risultarono feriti tre meccanici della Ferrari, uno della Lotus ed uno della Benetton.[13] A stretto giro la pit-lane si affollò di paramedici e ambulanze, intervenuti per prestare i primi soccorsi ai meccanici, ma ciò non comportò ulteriori sospensioni o rallentamenti della corsa. Trasportati in ospedale, i meccanici coinvolti si rivelarono comunque in condizioni non gravi.

La gara vide quindi la vittoria di Schumacher, davanti a Larini e Häkkinen. Saliti sul podio, i piloti, memori dei fatti dei giorni precedenti ed informati degli incidenti della gara, mantennero un atteggiamento composto, non festeggiarono la loro prestazione e non aprirono lo champagne.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Germania Michael Schumacher Benetton-Ford 58 1h 28'28"642 2 10
2 27 Italia Nicola Larini Ferrari 58 +54"942 6 6
3 7 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Peugeot 58 +1'10"679 8 4
4 29 Austria Karl Wendlinger Sauber-Mercedes 58 +1'13"658 10 3
5 3 Giappone Ukyo Katayama Tyrrell-Yamaha 57 +1 giro 9 2
6 0 Regno Unito Damon Hill Williams-Renault 57 +1 giro 4 1
7 30 Germania Heinz-Harald Frentzen Sauber-Mercedes 57 +1 giro 7
8 8 Regno Unito Martin Brundle McLaren-Peugeot 57 +1 giro 13
9 4 Regno Unito Mark Blundell Tyrrell-Yamaha 56 +2 giri 12
10 12 Regno Unito Johnny Herbert Lotus-Mugen-Honda 56 +2 giri 20
11 26 Francia Olivier Panis Ligier-Renault 56 +2 giri 19
12 25 Francia Éric Bernard Ligier-Renault 55 +3 giri 17
13 9 Brasile Christian Fittipaldi Footwork-Ford 54 Testacoda 16
Rit 15 Italia Andrea De Cesaris Jordan-Hart 49 Testacoda 21
Rit 24 Italia Michele Alboreto Minardi-Ford 44 Incidente ai box 15
Rit 10 Italia Gianni Morbidelli Footwork-Ford 40 Motore 11
Rit 23 Italia Pierluigi Martini Minardi-Ford 37 Testacoda 14
Rit 31 Australia David Brabham Simtek-Ford 27 Testacoda 24
Rit 34 Belgio Bertrand Gachot Pacific-Ilmor 23 Motore 25
Rit 19 Monaco Olivier Beretta Larrousse-Ford 17 Motore 23
Rit 28 Austria Gerhard Berger Ferrari 16 Sospensione 3
Rit 2 Brasile Ayrton Senna Williams-Renault 6 Incidente mortale 1
Rit 20 Francia Érik Comas Larrousse-Ford 6 Ritiro volontario 18
Rit 6 Finlandia Jyrki Järvilehto Benetton-Ford 0 Collisione con P.Lamy 5
Rit 11 Portogallo Pedro Lamy Lotus-Mugen-Honda 0 Collisione con JJ.Lehto 22
NP 32 Austria Roland Ratzenberger Simtek-Ford Deceduto il giorno precedente
NQ 14 Brasile Rubens Barrichello Jordan-Hart Infortunato -
NQ 33 Francia Paul Belmondo Pacific-Ilmor -

Dopo gara[modifica | modifica wikitesto]

La tomba di Senna

A gara conclusa tutte le attenzioni si concentrarono sulle condizioni di salute di Ayrton Senna, che era nel frattempo giunto all'ospedale di Bologna. L'équipe del reparto di rianimazione guidata dal primario dottoressa Maria Teresa Fiandri (che aveva raggiunto il nosocomio subito dopo aver visto l’incidente in televisione) esaminò sommariamente il pilota, constatando che l’unica ferita visibile era quella già citata sopra l’occhio destro (larga tre o quattro centimetri), oltre a un complessivo gonfiore del viso (altrimenti disteso e sereno), mentre il resto delle membra appariva illeso. Allorché tuttavia lo spostarono dalla barella si accorsero che essa era piena di sangue, in quantità giudicata sproporzionata rispetto alle lesioni visibili.

La squadra medica provvide subito a trattare l'insufficienza cardiaca e respiratoria in cui versava Senna, fino a quasi stabilizzare polso e respirazione; di tale situazione venne dato conto in due bollettini medici che vennero letti dinnanzi alla folla di giornalisti che si era raccolta presso il reparto di rianimazione, mentre la gara era ancora in corso.

In seconda istanza, dopo un consulto con il dottor Gordini (che fin da subito dichiarò nulle le speranze di arrivare a buon fine), il pilota fu sottoposto a TAC ed elettroencefalogramma, che rivelarono tutta la gravità dei traumi subìti e l’assenza di attività cerebrale. Tutto ciò non era tuttavia sufficiente, ai sensi delle leggi italiane in vigore, a dichiarare la morte, che nelle normative era intesa come cessazione dell'attività cardio-respiratoria.

Alle ore 18:15 Leonardo, fratello del pilota (che aveva raggiunto l’ospedale insieme all’addetta stampa Betise Assumpcao), chiamò un prete affinché amministrasse ad Ayrton l'estrema unzione: a stretto giro la dottoressa Fiandri li raggiunse ed espose loro il risultato degli esami, avvertendoli dell’irreversibilità dello stato comatoso, per poi dare analoga infausta prognosi anche agli operatori mediatici.

Allorché alle 18:37 subentrò un nuovo arresto cardiocircolatorio, l'equipe medica decise di non insistere ulteriormente: tre minuti dopo la stessa dottoressa Fiandri si presentò nella sala stampa improvvisata al 12º piano dell’Ospedale Maggiore, annunciando ai giornalisti ivi convenuti il decesso di Senna.

Nel referto l'ora effettiva della morte venne tuttavia indicata alle 14:17, momento dell'impatto con il muretto, a significare come ogni tentativo di salvataggio fosse stato vano[14].

Le conseguenze del fine settimana di Imola portarono una vera rivoluzione nel mondo della Formula 1. Anzitutto circuito del Santerno venne ampiamente rivisto e ridisegnato in tutti i punti ove si erano consumati gli incidenti. Inoltre la FIA stilò un pacchetto di modifiche - da attuarsi con diverse scadenze - per ridurre drasticamente le prestazioni delle vetture. Venne poi introdotto un limite di velocità fisso nella corsia dei box.

Dal canto loro i piloti ricostituirono il proprio “sindacato”, la Grand Prix Drivers’ Association (inattiva da 12 anni), onde esprimere in modo unitario il proprio parere nel governo del mondiale di Formula 1. La presidenza andò a Michael Schumacher.

Molti circuiti del calendario vennero modificati nei punti giudicati potenzialmente pericolosi, in determinati casi con alcune soluzioni di emergenza (ad esempio creando chicane posticce formate da pile di gomme, come accadde a Barcellona, Montreal e Spa).

I funerali di Stato di Senna ebbero luogo il 5 maggio 1994 a San Paolo in Brasile, alla presenza di tantissimi rappresentanti del mondo delle corse. Il 7 maggio ebbero invece luogo a Salisburgo, in Austria, i funerali di Roland Ratzenberger, alla presenza del presidente della FIA, Max Mosley.[15]

L'incidente di Senna resterà per 21 anni l'ultimo con conseguenze mortali in una competizione di Formula 1, fino al Gran Premio del Giappone 2014, segnato dal grave incidente occorso al francese Jules Bianchi, poi deceduto il 18 luglio 2015 dopo 9 mesi di coma[16].

Classifiche Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1, su formula1.com. URL consultato il 2 maggio 2008.

  1. ^ Ferrari press release on Alesi Archiviato il 24 settembre 2009 in Internet Archive.
  2. ^ (EN) Jordan's Irvine replacement for San Marino & Monaco, su motorsport.com (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2009).
  3. ^ Fabiano Vandone, I protagonisti della F1. Tecnica, tattica e psicologia dei piloti, Edidea, 1996, p. 48.
  4. ^ Paolo Bombara, Ho sbagliato io!, in Autosprint, 3 maggio 1994, p. 32.
  5. ^ a b Imola 1994: il Gran Premio maledetto nella stagione maledetta - latelanera.com
  6. ^ Rinuncia, in Autosprint, 3 maggio 1994, p. 41.
  7. ^ Maurice Hamilton, Frank Williams, Macmillan, p. 232, ISBN 0-333-71716-3.
  8. ^ Alla partenza ricordato Ratzenberger, in Autosprint, 3 maggio 1994, p. 38.
  9. ^ Il fatto fu ripreso in diretta dalle telecamere RAI.
  10. ^ a b A tragic weekend, in The Times, News International, 19 aprile 2004. URL consultato il 28 ottobre 2006.
  11. ^ a b Pino Casamassima, Storia della Formula 1, Calderini Edagricole, p. 608, ISBN 88-8219-394-2.
  12. ^ Guido Staderini, Storia della Formula 1, Mondadori, p. 130, ISBN 88-04-48919-7.
  13. ^ Corsia box... o Pista?, in Autosprint, 3 maggio 1994, p. 25.
  14. ^ (EN) Secrets of Senna's black box, su ayrton-senna.com.
  15. ^ David Tremayne, Mark Skewis, Stuart Williams, Paul Fearnley, Track Topics, in Motoring News, News Publications Ltd., 5 aprile 1994.
  16. ^ È morto Jules Bianchi, il pilota di Formula 1, in Il Post, 18 luglio 2015. URL consultato il 18 luglio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabiano Vandone, I protagonisti della F1. Tecnica, tattica e psicologia dei piloti, Edidea, 1996.
  • Pino Casamassima, Storia della Formula 1, Calderini Edagricole, 1996, ISBN 88-8219-394-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1994
Flag of Brazil.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1993
Gran Premio di San Marino
Edizione successiva:
1995
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1