Rai Gr Parlamento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da GrParlamento)
Jump to navigation Jump to search
Rai Gr Parlamento
Rai Gr Parlamento - Logo 2017.svg
Paese  Italia
Linguaitaliano
Data di lancio5 gennaio 1998
EditoreRai
MottoLa radio delle istituzioni
Sito webwww.grparlamento.rai.it/
Diffusione
Terrestre
Rai Way
Italia
FMnei capoluoghi di provincia
DABCanali 12B · 12D
Satellitare
Sky Italia
Eutelsat Hot Bird 13C
Rai GR Parlamento
(DVB-S · FTA)
11804 - V - 27500 - 2/3

Canale 8830
Tivùsat
Eutelsat Hot Bird 13C
Rai GR Parlamento
(DVB-S2 · FTA)
11766 - V - 29900 - 3/4

Canale 604
Eutelsat 5 West BRai GrParlamento
(DVB-S2 · FTA)
11012 - V - 30000 - 3/5
Streaming web
RaiPlay Soundin formato RM e WMA

Rai Gr Parlamento (noto anche solo come Gr Parlamento) è un canale radiofonico edito dalla Rai che informa sulle attività del Parlamento, diffondendo in diretta le sedute d'Aula e delle principali Commissioni di Camera dei deputati e Senato della Repubblica.

Il canale è diretto da Andrea Vianello in qualità di direttore del Giornale Radio Rai, testata che dal 12 giugno 2014 gestisce anche le trasmissioni del canale. Il caporedattore è Danilo Cretara.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Istituita con legge dello stato nel 1998 e regolata dal contratto di servizio RAI-Ministero delle Comunicazioni, diventa testata autonoma nel 2006, al fine di porre rimedio alla lacuna informativa circa le attività istituzionali delle quali sino a quel momento solo Radio Radicale provvedeva a render conto a livello nazionale.

Dal mese di agosto 2009 il direttore è Riccardo Berti che muore il 4 aprile 2010[1]. Al suo posto subentra ad interim Antonio Preziosi che ricoprirà l'incarico fino al 28 settembre 2011 giorno in cui verrà sostituito da Giovanni Miele. Dal 10 gennaio 2013 dopo il pensionamento di Miele, il canale viene diretto da Gianni Scipione Rossi.

Dal 12 giugno 2014 il canale rientrerà a far parte della testata Giornale Radio Rai, diretta da Flavio Mucciante.

Programmazione[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle dirette la radio permette di seguire le attività dei Presidente della Camera, Presidente del Senato e Presidente della Repubblica. Riferisce inoltre dei lavori del Parlamento europeo, dei Consigli regionali e di quelli Comunali delle principali città italiane.

I contenuti di GR Parlamento sono arricchiti da circa 15 rubriche a settimana, suddivise in specialistiche e divulgative. Le prime approfondiscono tematiche politico-parlamentari, le seconde parlano degli argomenti toccati nel lavoro parlamentare in maniera più discorsiva.

Dal 17 luglio 2017, nei momenti in cui non ci sono programmi politici o d'informazione, durante i quali fino al giorno prima trasmettevano esclusivamente brani musicali italiani e stranieri a rotazione senza alcun jingle tra un brano e l'altro, viene ritrasmessa la programmazione di Rai Radio Tutta Italiana, composta esclusivamente da musica italiana. Tuttavia, qualche mese dopo, per quanto riguarda la rotazione musicale sono tornate a trasmettere anche canzoni straniere.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Il programma è diffuso soltanto dalle principali postazioni trasmittenti della rete Rai Way FM (modulazione di frequenza), in monofonia e con una qualità del suono inferiore rispetto agli altri canali Radio Rai. È inoltre disponibile in streaming su internet ed è diffuso anche sul DAB e via satellite.

Il 23 febbraio 2012 il canale è stato inserito sul digitale terrestre nel RAI Mux 2. Dal 14 al 20 settembre 2015 Rai GR Parlamento, insieme a Rai Radio 4 Light, Rai Radio 5 Classica e Rai Isoradio non è stata disponibile. Il 21 settembre 2015 Rai GR Parlamento è ritornata a essere trasmessa insieme a Rai Radio 5 Classica e Rai Isoradio. Il 20 ottobre 2021, in seguito allo spegnimento del mux, non è più disponibile sul digitale terrestre.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giornalisti, morto Riccardo Berti, su corriere.it, Corriere della Sera.it, 4 aprile 2010. URL consultato il 7 dicembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]