Governo di unità nazionale (Ungheria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Regno d'Ungheria
Regno d'Ungheria – BandieraRegno d'Ungheria - Stemma
(dettagli)(dettagli)
Motto: Regnum Mariae Patrona Hungariae
WorldWarIILocationMapHU.png
Dati amministrativi
Nome completoRegno d'Ungheria
Nome ufficialeMagyar Királyság
Lingue ufficialiUngherese
InnoHimnusz
CapitaleBudapest
Dipendente daFlag of the NSDAP (1920–1945).svg Germania
Politica
Forma di StatoMonarchia
Forma di governoRegime fascista
Nascita16 ottobre 1944 con Ferenc Szálasi
CausaOperazione Panzerfaust
Finegennaio 1945
CausaInvasione sovietica
Territorio e popolazione
Bacino geograficoEuropa
Religione e società
Religioni preminentiCattolicesimo
Religione di StatoCalvinismo, Protestantesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Hungary (1915-1918, 1919-1946).svg Regno d'Ungheria
Succeduto daFlag of Hungary (1915-1918, 1919-1946).svg Regno d'Ungheria

Il governo di unità nazionale (Nemzeti Összefogás Kormánya) fu il nome assunto dall'esecutivo magiaro durante l'occupazione dell'Ungheria da parte tedesca tra l'ottobre 1944 e il maggio 1945. Questo governo, formato dal Partito delle Croci Frecciate, fu istituito il 17 ottobre 1944, dopo la deposizione di Miklós Horthy a seguito dell'Operazione Panzerfaust (Unternehmen Eisenfaust). Ferenc Szálasi, a capo delle Croci Frecciate, divenne Primo Ministro e Capo dello Stato ("Nemzetvezető" - Duce). Durante il breve governo delle Croci Frecciate 10-15.000 ebrei vennero uccisi e altri 80.000, tra cui molte donne, bambini e anziani, furono deportati dall'Ungheria verso il campo di concentramento di Auschwitz. Il regime di Ferenc Szálasi, che intanto aveva abbandonato l'Ungheria, venne sciolto ufficialmente il 7 maggio 1945, un giorno prima della resa tedesca. Elementi fedeli al governo Szálasi continuarono a combattere lungo il fronte dell'Ungheria occidentale fino alla fine della guerra. Szálasi fu catturato dalle truppe americane a Mattsee, nei pressi di Salisburgo, il 6 maggio 1945. Il processo contro Szálasi, consegnato dagli alleati alle autorità ungheresi, e un primo gruppo di imputati (Gábor Vajna, Jenő Szöllösi, Sándor Csia, Jozsef Gera, Gábor Kemény, Karoly Beregfy) cominciò il 5 febbraio 1946. La corte, presieduta da Peter Jankó era composta dai rappresentanti dei principali partiti magiari. La funzione di pubblico ministero era svolta da László Frank. Szálasi fu condannato a morte e impiccato il 12 marzo nel cortile del carcere di via Markó, a Budapest. Lo precedettero sul patibolo, quello stesso giorno, Gera, Beregfy e Vajna. Il 19 marzo toccò a Kemeny, Csia e Szöllösi.

Composizione del Governo[modifica | modifica wikitesto]

Szálasi (seduto al centro) e i suoi ministri.
Ungheria Portale Ungheria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ungheria