Governo di coalizione della Kampuchea Democratica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo di coalizione della Kampuchea Democratica
Governo di coalizione della Kampuchea Democratica – BandieraGoverno di coalizione della Kampuchea Democratica - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Dati amministrativi
Nome ufficialeរដ្ឋាភិបាលចំរុះកម្ពុជាប្រជាធិបតេយ្យ
Lingue parlatekhmer
InnoDap Prampi Mesa Chokchey
CapitaleNessuna (de facto)
Phnom Penh (de iure)
Politica
Forma di governoGoverno provvisorio in esilio
Nascita22 giugno 1982
CausaFirma della coalizione a Kuala Lumpur
Fine1993
CausaMissione UNTAC dell'ONU e successiva elezione a capo di Stato di Norodom Sihanouk. I Khmer rossi formeranno però nel 1994 il Governo provvisorio dell'Unione nazionale e salvezza nazionale di Cambogia
Territorio e popolazione
Cambodia anti-PRK border camps.png
Mappa della Cambogia che indica le posizioni dei campi dei guerriglieri del Governo di coalizione della Kampuchea Democratica
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Democratic Kampuchea.svg Kampuchea Democratica
Succeduto daFlag of Cambodia under UNTAC.svg UNTAC
Flag of Democratic Kampuchea.svg Governo provvisorio dell'Unione nazionale e salvezza nazionale di Cambogia
Ora parte diCambogia Cambogia

Il Governo di coalizione della Kampuchea Democratica è stata una alleanza anti-vietnamita formata dal Funcinpec di Norodom Sihanouk, dal Partito della Kampuchea Democratica di Pol Pot e dal Fronte di Liberazione Nazionale del Popolo Khmer (KPNLF) di Son Sann.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita della coalizione avvenne a Kuala Lumpur il 22 giugno 1982.

Tra gli anni 1980 e i primi anni '90 il GCKP riuscì ad ottenere aiuti militari e finanziari dagli Stati Uniti d'America in ragione della politica estera di Ronald Reagan, fondata sull'esigenza di impedire l'avanzata del comunismo sovietico in tutto il mondo, tra cui anche quello vietnamita. Nel 1985 il GCKD non riuscì ad ostacolare i raid vietnamiti che avvenivano nel nord-ovest del paese. Nel 1987 Micheal Johns, un collaboratore di Reagan, riuscì a visitare i campi dei guerriglieri del GCKD. Questi uomini armati erano i reduci dell'Esercito Nazionale della Kampuchea Democratica.

Nel 1990 l'ONU promosse gli Accordi di Parigi che sancirono la fine della Guerra cambogiano-vietnamita, il GCKD venne rinominato come Governo Nazionale Cambogiano, quindi il GCKD fu dissolto nel 1993. I Khmer Rossi, insoddisfatti, si rifugiarono a Pailin dove crearono uno stato non riconosciuto a livello internazionale, denominato Governo provvisorio dell'Unione nazionale e salvezza nazionale di Cambogia.