Governo Sánchez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Sánchez
Pedro Sánchez in 2018d.jpg
Il presidente Sánchez.
StatoSpagna Spagna
Capo del governoPedro Sánchez
(PSOE)
CoalizionePSOE[1]
LegislaturaXII Legislatura
Giuramento2 giugno 2018
Left arrow.svg Rajoy II

Il Governo Sánchez è l'attuale governo del Regno di Spagna, in carica a partire dal 2 giugno 2018.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'approvazione il 1º giugno 2018 del Congresso dei Deputati di una mozione di sfiducia presentata dal PSOE nei confronti del premier Mariano Rajoy e appoggiata da diversi partiti, per il meccanismo previsto dalla Costituzione spagnola della sfiducia costruttiva, automaticamente viene affidato l'incarico a Pedro Sánchez come presidente del Governo[2].

Il capo del Governo Sánchez assume le funzioni il 2 giugno, con il giuramento innanzi al Re.[3] Il 6 giugno vengono nominati i ministri, 11 donne e 6 uomini, che entrano in carica giurando davanti al Re il 7 giugno, componendo un governo di minoranza sostenuto solo dal PSOE.[4][5]

Nel febbraio 2019, i due partiti indipendentisti catalani Sinistra Repubblicana di Catalogna (ERC) e Partito Democratico Europeo Catalano (PDeCAT) avviano una crisi all'interno della maggioranza e non votano la legge di bilancio (Presupuestos), come segno di ritorsione contro il Governo, che aveva deciso di non avviare negoziati per la convocazione di un referendum sull'indipendenza della Catalogna.[6] Il Governo convoca, quindi, nuove elezioni per il 28 aprile 2019, un mese prima delle elezioni europee del 26 maggio; lo stesso giorno, in Spagna, si terranno anche le elezioni comunali e regionali.[7]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il Governo Sánchez
Carica Foto Titolare
Presidente Pedro Sánchez in 2018d.jpg Pedro Sánchez
Vicepresidente,
Ministro dell'uguaglianza
Carmen Calvo 2018 (cropped).jpg Carmen Calvo
Affari esteri, Unione europea
e cooperazione
Josep Borrell 2019 (cropped).jpg Josep Borrell
Giustizia Dolores Delgado FIBGAR (cropped).jpeg Dolores Delgado
Interno Fernando Grande-Marlaska 2018 (cropped).jpg Fernando Grande-Marlaska
Economia e Impresa Nadia Calviño.png Nadia Calviño
Agricoltura, pesca e alimentazione Luis Planas Puchades 2012 (cropped).jpg Luis Planas
Transizione ecologica The MITECO Teresa Ribera 2018.jpg Teresa Ribera Rodríguez
Infrastrutture e trasporti (José Luis Ábalos) 20180418 0556 Encuentro con José Luis Ábalos (39733985290) 2018 (cropped).jpg José Luis Ábalos
Sanità, consumo e previdenza sociale Ministra Carcedo 2018 (cropped).jpg María Luisa Carcedo Roces
Educazione, formazione professionale
e portavoce del governo
Isabel Zelaa politikaria (cropped).jpg Isabel Celaá
Finanze María Jesús Montero 2013 (cropped).jpg María Jesús Montero
Difesa (Margarita Robles) Desayuno Nueva Economía Forum (40056259734) 2018 (cropped).jpg Margarita Robles
Scienza, innovazione e università Pedro Duque 2018 (cropped).jpg Pedro Duque
Cultura e sport José Guirao 2018 (cropped).jpg José Guirao Cabrera
Politica territoriale e funzione pubblica Meritxell Batet - February 2017 (cropped).jpg Meritxell Batet
Industria, commercio e turismo Reyes Maroto 2018 (cropped).jpg Reyes Maroto
Lavoro, migrazione e sicurezza sociale Magdalena Valerio 2014 (cropped).jpg Magdalena Valerio
Pedro Sánchez con Justin Trudeau al vertice NATO di Bruxelles nel 2018

Situazione parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Governo: 84 / 350[modifica | modifica wikitesto]

Opposizione: 170 / 350[modifica | modifica wikitesto]

Appoggio esterno 96 / 350[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Governo di minoranza
  2. ^ Pedro Sánchez ha prestato giuramento come nuovo primo ministro spagnolo, su Il Post, 2 giugno 2018. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  3. ^ Spagna, Sánchez giura da premier. E per la prima volta non c'è la Bibbia, su Repubblica.it, 2 giugno 2018. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  4. ^ Spagna, il governo delle donne: sono 11 e nei posti chiave, su Repubblica.it, 6 giugno 2018. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  5. ^ Il nuovo governo della Spagna è notevole, in Il Post.it, 6 giugno 2018. URL consultato il 6 giugno 2018.
  6. ^ In Spagna non c'è più la maggioranza di governo, su Il Post, 13 febbraio 2019. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  7. ^ In Spagna si torna a votare il 28 aprile, su Il Post, 15 febbraio 2019. URL consultato il 16 febbraio 2019.