Goupil & Cie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adolphe Goupil

Goupil & Cie è stato un importante mercante ed editore d'arte francese del XIX secolo, con sede a Parigi. La casa Adolphe Goupil fu fondata nel 1827, poi in società con Henry Rittner nel 1829[1][2], quando l'editore Adolphe Goupil e il commerciante di stampe Henry Rittner s'incontrano grazie all'intermediazione del pittore di paesaggi marini Charles Mozin e s'associano per consacrarsi all'impressione e all'edizione di stampe originali (incisioni e litografie) al boulevard Montmartre a Parigi[3]. Grazie alla famiglia di Rittner, abitante a Dresda, la compagnia assume già dall'inizio una portata internazionale[3].

Passo dopo passo, ha sviluppato un mercato mondiale di riproduzioni di opere pittoriche e scultoree: una rete con filiali a Londra, Brussels, L'Aia, Berlino e Vienna, così come a New York e Australia. Una così grande espansione è determinata dagli ateliers fotografici e dal primo laboratorio insediato nel 1869 ad Asnières allora piccolo borgo a nord di Parigi. L'ideatore dell'innovativo sistema di divulgazione dell'opera d'arte è stato Adolphe Goupil (1806–1893), coadiuvato dalla figlia Marie, sposata con l'artista Jean-Léon Gérôme.

Adolphe Goupil che, da iniziale fabbricante, editore e mercante di stampe, diventa il committente - acquirente di costosi dipinti, realizzati esclusivamente per essere riprodotti, con le più moderne tecniche di stampa, in formati diversi in modo tale da soddisfare le esigenze della piccola e media borghesia il cui status economico non è ancora sufficientemente consolidato per poter sostenere l'acquisto di un quadro originale. La Maison Goupil di Parigi, con le sue numerose filiali aperte nelle principali città europee e d'oltreoceano, diventa, quindi, una sorta di arbiter elegantiae e di dittatrice del gusto borghese in pieno clima Belle Epoque.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La società fu ufficialmente registrata con scrittura privata il 23 marzo 1829 (Archives de Paris, D31 U3 40).
  2. ^ (FR) Olivier Bonfait, « Les coulisses d'une création de base de données: Les livres d'inventaires de la maison Goupil conservés au Getty Research Institute, Los Angeles », APAHAU, 15 giugno 2011.
  3. ^ a b Lafont-Couturier, 1996, p. 59

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129480385 · ISNI (EN0000 0001 2155 8730 · LCCN (ENn79029235 · GND (DE108586295X · ULAN (EN500067127 · WorldCat Identities (ENn79-029235