Gottfried von Rogge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gottfried von Rogge
Gran Maestro dell'Ordine Livoniano
LivonianOrder.svg
In carica 1298 –
1307
Predecessore Bruno
Successore Gerhard von Jork

Gottfried von Rogge (... – ...) fu il 22º Gran Maestro dell'Ordine di Livonia, in carica dal 1298 al 1307[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elezione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1298, dopo la morte del Landmeister Bruno nella battaglia di Turaida, l'incarico di guida dei cavalieri di Livonia venne affidato a Gottfried von Rogge. La sua elezione avvenne durante la guerra che l'Ordine aveva intrapreso con l'Arcivescovo di Riga, mentre era totalmente in pace con i nemici esterni alla Livland. Il Granduca di Lituania Vytenis organizzò infatti le sue campagne di conquista solo nelle terre controllate dall'Ordine Teutonico di Prussia, infliggendo una serie di sconfitte al nemico tra cui fu di rilievo il massacro dell’intera popolazione risiedente presso Strasburg in Westpreußen (attuale Brodnica).[3]

1298: il Vescovo di Ösel-Wiek e la disputa con l'Ordine[modifica | modifica wikitesto]

I vescovi di Ösel-Wiek avevano avuto continuamente problemi con gli estoni dell'isola di Saaremaa per tutto il secolo XII nell’ambito della crociata baltica. Il vescovo non aveva alcun potere reale a Saaremaa, poiché gli isolani ostacolarono i crociati nella costruzione di nuove roccaforti: la residenza del Vescovado, di conseguenza, fu variamente spostata passando da Lihula a Pärnu, da Haapsalu alla contea di Läänemaa nel 1298.

Sempre nello stesso anno, mentre l'Ordine di Livonia era entrato in guerra con l'Arcidiocesi di Riga, gli abitanti dell'isola di Saaremaa si rivolsero al loro vescovo, invocando la sua protezione perché ritenuti lesi dai Cavalieri di Livonia.[4] Questa richiesta aggravò ancor di più i già tesi rapporti tra l'Ordine ed il Vescovo di Ösel-Wiek, il quale alla fine dovette allearsi con l'Arcivescovo di Riga. Nel giro di qualche anno, l'Ordine di Livonia riuscì a sottomettere Ösel-Wiek, espugnando prima la sede vescovile di Haapsalu, e poi tutta la diocesi. L'Ordine conquistò gran parte della contea di Läänemaa, tra cui la fortezza di Koluvere, che venne restituita al vescovo di Ösel-Wiek solo dopo che un diretto intervento di Papa Bonifacio VIII nel 1299.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Anti Selart, Livonia, Rus’ and the Baltic Crusades in the Thirteenth Century, BRILL, 2015, ISBN 978-90-04-28475-3, pp. 313-314.
  2. ^ (DE) Stefan Hartmann, Herzog Albrecht von Preussen und Livland (1560-1564), Böhlau Verlag Köln Weimar, 2008, ISBN 978-34-12-20081-7, p. 53.
  3. ^ a b 1298: il Landmeister Gottfried von Rogge E 1298: il Vescovo di Ösel-Wiek e la disputa con l'Ordine a cura di Oratores e Bellatores
  4. ^ (EN) Toivo Miljan, Historical Dictionary of Estonia, Rowman & Littlefield, 2015, ISBN 978-08-10-87513-5, p. XXVII.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]