Google Fonts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Google Fonts
sito web
Logo
URL
Tipo di sitoServizio di Design
CommercialeFree
ProprietarioGoogle
Lancio2010
Stato attualeattivo

Google Fonts (in precedenza chiamato Google Web Fonts) è una libreria di oltre 800[1] font con licenza libera, una directory web interattiva per navigare nella libreria e API per utilizzare comodamente i caratteri tramite CSS e Android.

Dettagli[modifica | modifica wikitesto]

La directory è stata avviata nel 2010 e rinnovata nel 2011 e nel 2016. La maggior parte dei font è rilasciata con la licenza di carattere Open 1.1, mentre alcuni sono rilasciati con la licenza Apache; entrambe sono libre. La libreria di font è anche distribuita dai servizi SkyFonts e Adobe's Edge Web di Monotype e Typekit di Monotype.

La directory Google Fonts ha lo scopo di abilitare la scoperta e l'esplorazione dei font, e il servizio è ampiamente utilizzato con oltre 17 trilioni di font serviti, il che significa che ciascuno dei suoi 877 font è stato scaricato oltre 19 miliardi di volte, il che significa che ogni persona sulla Terra ha, in media, scaricato ogni font almeno 2 o 3 volte. I caratteri più comuni includono Open Sans, Roboto, Lato, Slabo 27px, Oswald e Lobster.

La libreria viene gestita tramite il repository GitHub di Google Fonts all'indirizzo github.com/google/fonts, dove è possibile ottenere direttamente tutti i file dei font. I file sorgente di molti font sono disponibili dai repository git all'interno dell'organizzazione github di github.com/googlefonts, insieme agli strumenti software libre utilizzati dalla community di Google Fonts.

I migliori Google Fonts[modifica | modifica wikitesto]

Ecco un elenco dei migliori 10 Font che hanno vinto un premio (2019):

  • Rubik;
  • Work Sans;
  • Arvo;
  • PT Serif;
  • Poppins;
  • Merriweather;
  • Roboto;
  • Spectral;
  • Lato;
  • Oswald.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The new Google Fonts database is a design geek's paradise, su Theverge.com, 15 giugno 2016. URL consultato il 24 agosto 2016.