Good Omens (miniserie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Good Omens
Good Omens Logo.png
Logo della miniserie televisiva
PaeseRegno Unito, Stati Uniti
Anno2019
Formatominiserie TV
Generecommedia, fantastico
Puntate6
Lingua originaleinglese
Rapporto2.35:1
Crediti
RegiaDouglas Mackinnon
SoggettoTerry Pratchett e Neil Gaiman (romanzo)
SceneggiaturaNeil Gaiman
Interpreti e personaggi
Voci e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzioneAmazon Prime Video, BBC Two
Prima visione
Distribuzione originale
Data31 maggio 2019
DistributoreAmazon Prime Video
Distribuzione in italiano
Data31 maggio 2019
DistributoreAmazon Prime Video

Good Omens è una miniserie televisiva britannico-statunitense del 2019 diretta da Douglas Mackinnon e basata sul romanzo di Terry Pratchett e Neil Gaiman del 1990 Buona Apocalisse a tutti! (Good Omens: The Nice and Accurate Prophecies of Agnes Nutter, Witch).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019, le forze del Paradiso e le potenze infernali hanno deciso di scatenare l'Apocalisse. L'evento che innescherà la fine del mondo è la venuta dell'anticristo, come è scritto nelle Belle e accurate profezie di Agnes Nutter. Il demone Crowley e l'angelo Aziraphale, rappresentanti delle rispettive fazioni sulla Terra e ormai affezionati alle usanze terrestri, si alleano per scongiurare la fine del mondo.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Good Omens.

Principali[modifica | modifica wikitesto]

Ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Puntate[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Puntate Pubblicazione UK Pubblicazione Italia
Prima stagione 6 2019 2019

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie, una coproduzione tra Amazon Prime Video e BBC Two, è diretta da Douglas Mackinnon e scritta da Gaiman. La serie vede la partecipazione di David Tennant, Michael Sheen, Jon Hamm, Anna Maxwell Martin, Josie Lawrence, Adria Arjona, Michael McKean, Jack Whitehall, Miranda Richardson e Nick Offerman.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser della serie è stato proiettato durante il New York Comic Con del 2018 e poi distribuito online.[2][3][4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Tutte e sei le puntate del serial sono stati pubblicati il 31 maggio 2019 su Amazon Prime Video.[5]

Differenze fra il libro e la serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel libro non compaiono i personaggi di Uriel, Michael e Sandalphon, mentre a Gabriel si fa solo un accenno. In generale nel romanzo tutta la burocrazia infernale e angelica non ha grande influenza o controllo sull'operato di Crowley e Aziraphale sulla Terra, il che fa sì che la relazione fra i due sia molto più distesa e la loro collaborazione un qualcosa di ordinario e consolidato.
  • Per non imporre agli spettatori più giovani la visione di scene violente, Neil Gaiman ha deciso di modificare due scene particolari nella trasposizione da libro a serie tv. Una è il compleanno di Warlock, quando gli invitati si mettono a giocare con le pistole degli addetti alla sicurezza e Aziraphale le trasforma in pistole ad acqua per evitare ferimenti, trasformata in una scena di battaglia con il cibo; l'altra è la "tortura" alla strega realizzata dai Quelli pungolando la "vittima" con un bastone.
  • Nel romanzo il luogo di ritrovo preferito dai "Quelli" è una vecchia cava di gesso abbandonata, nella serie tv la foresta.
  • Nel romanzo viene detto che il primo Accordo fra Aziraphale e Crowley risale al 1020 circa; nella puntata 3 della serie risulta che i due abbiano già collaborato prima dell'epoca arturiana.
  • L'aspetto di numerosi personaggi è diverso da come descritto nel romanzo: Crowley ha i capelli rossi mentre nel romanzo li ha neri; Pepper li ha scuri invece che rossi; Inquinamento, che nel romanzo ha l'aspetto di un ragazzo, diventa un individuo senza genere definito.
  • Il Crowley del romanzo ha altre caratteristiche serpentesche oltre agli occhi gialli con la pupilla verticale: ha la lingua biforcuta, sibila quando è agitato o in collera e ha l'abitudine di andare in letargo per lunghi periodi (ha dormito per tutto il Trecento).
  • Nella serie tv Anatema Device è americana e sembra discendere da Agnes Nutter per via femminile attraverso Virtue, figlia di Agnes; nel romanzo i Device sono originari del Lancashire e discendono da John Device, l'unico figlio di Agnes Nutter.
  • Nel libro non compaiono né DioSatana; inoltre non c'è alcun tentativo di punire Aziraphale e Crowley per aver sventato l'Apocalisse da parte delle rispettive fazioni.
  • Nella serie tv non compaiono gli altri quattro Cavalieri che seguono i Quattro dell'Apocalisse, né Greasy Johnson, il figlio naturale del diplomatico americano nonché antagonista dei Quelli a Tadfield. Inoltre non si fa cenno alla sorte della guardia della base americana di Tadfield che Aziraphale fa sparire.
  • Nella serie tv Aziraphale riesce al primo colpo a rimaterializzarsi sulla Terra dopo aver perso il proprio corpo. Nel romanzo fa invece molti tentativi per tornare in Inghilterra, finendo nei rituali e nelle illusioni di molte persone prima di raggiungere Madame Tracy.
  • La libreria di Aziraphale nel romanzo serve solo come luogo ove conservare la sua immensa collezione di libri, tanto che l'angelo non si fa scrupoli a scacciare i clienti e a dissuaderli in ogni modo dall'acquistare i suoi libri. Viceversa, nella serie tv Aziraphale effettivamente commercia in libri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Good Omens: il diavolo, Dio e le data di arrivo ∂ Fantascienza.com, su Fantascienza.com. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  2. ^ Good Omens: c'è il trailer dell'apocalisse secondo Terry Pratchett e Neil Gaiman ∂ Fantascienza.com, su Fantascienza.com. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  3. ^ (EN) 'Good Omens' Team Reveals Teaser, Discusses Show's "Fully Formed Brilliance", su The Hollywood Reporter. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  4. ^ (EN) Dominic Patten, Dominic Patten, ‘Good Omens’ Blesses NY Comic Con With 1st Teaser Trailer At MSG Panel, su Deadline, 6 ottobre 2018. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  5. ^ (EN) Peter White, Peter White, ‘Good Omens’ To Launch On Amazon Prime Video On May 31 – TCA, su Deadline, 13 febbraio 2019. URL consultato il 20 febbraio 2019.


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione