Golfo St Vincent

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Golfo St Vincent
Australia.A2010283.0435.250m.jpg
Il golfo St. Vincent è quello più a est dei due
Parte di Grande Baia Australiana
Stato Australia Australia
Stato federato Australia Meridionale Australia Meridionale
Coordinate 34°29′S 138°15′E / 34.483333°S 138.25°E-34.483333; 138.25Coordinate: 34°29′S 138°15′E / 34.483333°S 138.25°E-34.483333; 138.25
Dimensioni
Superficie 6800 km²
Lunghezza 139 km
Larghezza 61 km
Profondità massima 40 m
Profondità media 21 m
Idrografia
Isole Garden Island
Isola Troubridge
Torrens
Mappa di localizzazione: Australia
Golfo St Vincent
Golfo St Vincent

Il golfo St Vincent è un'insenatura della costa meridionale dell'Australia, nello stato dell'Australia Meridionale. Esso è definito a ovest dalla penisola di Yorke (che condivide con il golfo di Spencer) a nordovest, dalla costa continentale e dalla penisola di Fleurieu a est, mentre il suo ingresso è definito da una linea ideale che va dal capo Troubridge all'estremità della penisola di Yorke fino al Capo Jervis sulla penisola di Fleurieu.[1]

Adelaide, la capital dell'Australia Meridionale, si trova a metà della costa est del golfo; da ovest a est, sulla costa, vi sono Edithburgh, Port Vincent, Ardrossan, Port Wakefield e Normanville.

Ebbe il nome di golfo di St. Vincent da Matthew Flinders, che glielo attribuì il 30 marzo 1802 in onore dell'ammiraglio John Jervis di St Vincent.[2]

Esso fu più tardi mappato da Nicolas Baudin, che lo chiamò "Golphe Josephine",[3] dopo il suo incontro con Flinders alla Encounter Bay (baia dell'incontro) dopo il loro incontro dell'8 aprile 1802. A causa della lunga prigionia di Flinders alle isole Mauritius durante il suo rientro in patria, la pubblicazione delle mappe di Budin precedette di tre anni quella del libro di Flinders A Voyage to Terra Australis, contenente le mappe dell'autore.

L'impianto di desalinizzazione delle acque marine di Adelaide, ufficialmente inaugurato nel 2013, si trova a Lonsdale, nel golfo di St Vincent, sulla costa orientale.[4][5]

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Nel golfo vivono sciami di crostacei e policheti, così come numerose specie di ascidiacee e ricci di mare. Il benthos è una piattaforma sedimentaria, con specie di zosteraceae intorno all'estuario del fiume Port River, che sfocia al centro della costa sudorientale del golfo.

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) J.A.T. Bye, Chapter 11:Physical oceanography of Gulf St Vincent and Investigator Strait, in C.R. Twidale, M.J. Tyler, B.P. Webb (a cura di), Natural history of the Adelaide Region, Royal Society of South Australia Inc, 1976, p. 143, ISBN 978-0-9596627-0-2.
  2. ^ (EN) Matthew Flinders, South coast. Gulph of St. Vincent, in A voyage to Terra Australis, State Library of South Australia, p. 180. URL consultato il 12 aprile 2010.
  3. ^ Eric Wolanski (editor), Estuaries of Australia in 2050 and Beyond, Dordrecht: Springer, 2014, p.155 (ISBN 9789400770188 & ISBN 9400770189)
  4. ^ (EN) Adelaide Desalination Plant (ADP), SA Water. URL consultato il 28 luglio 2015.
  5. ^ (EN) Adelaide Desalination Plant (Port Stanvac), ACCIONA Australia. URL consultato il 28 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2015).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]