Gofio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gofio
Gofioescaldado.jpg
Il gofio escaldado
Origini
Luogo d'origineSpagna Spagna
RegioneArcipelago delle Canarie
Dettagli
CategoriaCategoria non riconosciuta
Ingredienti principalicereali
 

Il gofio è un alimento ottenuto dalla macinazione di cereali tostati originario dell'arcipelago delle Canarie e consumato nell'Argentina, Cile, Repubblica Dominicana, Cuba, Puerto Rico, Venezuela e Uruguay.

Prodotto di rapida preparazione, economico, saporito e versatile, il gofio è l'alimento canario per antonomasia, che dalla notte dei tempi ha accompagnato le popolazioni indigene dei Guanci, fino ad arrivare ai giorni nostri.

Il termine[modifica | modifica wikitesto]

Il termine gofio è l'esempio più evidente dei contributi delle isole Canarie al lessico ispano-americano. La sua origine è attestata, tra l'altro, nell'opera da José Pérez Vidal dal titolo La aportación de Canarias alla Población di América (1955) nonché da docenti universitari[1].

Gofio canario[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2012, a livello europeo[2], è stata presentata una domanda di registrazione del «Gofio Canario» nel registro delle indicazioni geografiche protette (IGP).

Le materie prime autorizzate per il gofio canario (solo per i prodotti trasformati) sono cereali (frumento, miglio (mais) orzo, segale, avena, riso), leguminose (fave, ceci, soia) e sale marino.

La produzione del gofio canario è caratterizzata dalla presenza del mastro mugnaio, le cui competenze si tramandano di generazione in generazione. E oltre il logo dell'Unione europea e la dicitura dell'indicazione geografica protetta, l'etichettatura del prodotto - quando la produzione del gofio è stata elaborata con mulini di pietra - può menzionare la dicitura «artigianale» o «prodotto con mulino di pietra ».

Argentina[modifica | modifica wikitesto]

Il gofio fu molto consumato nella maggior parte dell'Argentina come una specie di caramella per bambini fino ad approssimativamente i 1960. Nella provincia di San Juan gli è detto cocho ed in la provincia di Mendoza e in quasi tutta la Patagonia: ñaco / gnaco.

Uruguay[modifica | modifica wikitesto]

In Uruguay, in particolare nel dipartimento di Canelones, un tempo era molto comune mangiare il gofio. Oggi si sta perdendo l'abitudine di consumare questo cereale nonché la sua panificazione. Per evitare che questa tradizione culinaria scompaia definitivamente, il gofio è stato inventariato nell'arca del gusto – slow food[3].

Ricette[modifica | modifica wikitesto]

I principali piatti a base di gofio sono[4]:

  • L'escaldón è una preparazione semiliquido a base di farina di granturco tostato.
  • La pella de gofio è una specie di pane che viene ottenuto da una miscela di gofio, acqua, olio, sale e zucchero.
  • Il gofio escaldado è un gofio a basa brodo di pesce che può essere servito con soffritto di aglio e cipolla rossa.
  • La pella dulce con miele, mandorle, uve passe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]