Goffredo Gaeta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Goffredo Gaeta nel suo atelier-laboratorio "La Cartiera" a Faenza a fianco all'opera "ONDA" scultura in maiolica a riflessi

Goffredo Gaeta (Faenza, settembre 1937Faenza, 24 febbraio 2022[1]) è stato un ceramista, scultore e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò presso l'Istituto Statale d'Arte per la Ceramica di Faenza, l'Accademia di Belle Arti di Bologna e l'Istituto d'Arte di Firenze, seguendo i corsi di decorazione e affresco; interessato a nuove tecniche e a nuove applicazioni, le mise poi in pratica e trasise per oltre vent'anni in qualità di insegnante presso la Scuola di Disegno "T. Minardi" di Faenza.

Tecnica artistica[modifica | modifica wikitesto]

La conoscenza di diverse tecniche portò Gaeta a esprimersi con svariati materiali, come la ceramica, le fusioni in bronzo, le lavorazioni in marmo i murali e le vetrate d'arte, talvolta fondendo più tecniche in una medesima opera. Numerose le sue opere di arte sacra, presentate anche a Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1960 XVIII Concorso Nazionale della Ceramica di Faenza. Vince il “Premio Ugolini” quale miglior artista di età inferiore ai trent'anni.
  • 1960 II Mostra Internazionale di Gualdo Tadino, Sezione dedicata al tema delle Olimpiadi, ottiene un Premio in denaro: “Fra i faentini presenti, primo è risultato Goffredo Gaeta, classificandosi al 6º posto, seguito da Carlo Zauli all'8°” (“Il Resto del Carlino” 12 settembre '60).
  • 1962 Biennale d'Arte Ceramica di Gubbio. Vince il Premio Camera di Commercio ed un Premio Acquisto.
  • 1962 IV Mostra Concorso Internazionale della Ceramica di Gualdo Tadino. Medaglia d'Oro.
  • 1962 Mostra Concorso Nazionale d'Arte Ceramica di La Spezia.
  • 1963 XXI Concorso Nazionale e I Concorso Internazionale della Ceramica di Faenza, Premio ex aequo del Ministro dell'Industria e del Commercio.
  • 1963 I Concorso Nazionale della Ceramica di Cervia. Medaglia d'Oro.
  • 1963 III Premio Internazionale Deruta. Vince il Premio “Giacomo Mancini”.
  • 1963 Biennale d'Arte Ceramica di Gubbio. Vince il Premio ENAPI.
  • 1965 III Concorso Nazionale della Ceramica di Cervia. Si aggiudica il Premio Pinarella.
  • 1966 IV Biennale d'Arte Ceramica di Gubbio. Si aggiudica ex aequo, il Premio ENAPI.
  • 1966 IV Concorso Nazionale d'Arte Ceramica di Cervia. Vince il Premio per il Complesso delle Opere.
  • 1967 V Concorso Internazionale della Ceramica di Cervia. Vince il Premio Pineta.
  • 1968 XXVI Concorso Internazionale della Ceramica di Faenza. Vince il Premio Gaetano Ballardini.
  • 1968 IV Concorso Internazionale d'Arte Ceramica di Cervia. Vince per la seconda volta il Premio per il Complesso delle Opere.
  • 1969 Concorso Internazionale della Ceramica di Gualdo Tadino. Vince il Primo Premio ex aequo.
  • 1970 Concorso d'Arte Ceramica di Cervia. Medaglia d'Oro.
  • 1970 XXVIII Concorso Internazionale della Ceramica di Faenza. Vince il Premio Faenza (ex aequo).

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Calice in oro e argento, raffigurante "Le Tre Virtù Teologali" realizzato da Goffredo Goffredo, 1993, Museo del Tesoro della Diocesi di Rimini.
  • Realizzata dal Maestro Goffredo Gaeta, verrà posta nel timpano del portale d'ingresso della chiesa Santa Maria Mater Ecclasiae. La maiolica raffigurante "rose" (simbolo della Madonna alla quale è intitolata la chiesa) è modellata interamente a mano e smaltata e riflessi.
    Calice raffigurante le tre virtù teologali (argento e oro, Rimini, Museo del Tesoro della Diocesi);
  • Porte e Cappella del Santissimo (bronzo, Sarsina, duomo);
  • Porta in bronzo raffigurante San Pietro nella Parrocchia di Rastignano (Bologna);
  • Altare, ambone e battistero in marmo, nella Parrocchia di Rastignano (Bologna);
  • Vetrate istoriate della facciata della Parrocchia "Mater Ecclesiae" di Rimini;
  • Transetto laterale dell'altare del Duomo di Ascoli Piceno, in ceramica, raffigurante I Martiri del '900;
  • Stele in acciaio corten e vetro alta 32 metri a Faenza, ubicata nell'Azienda Senzani;
  • Ciclo delle vetrate istoriate raffiguranti il vecchio testamento nel Cimitero monumentale di Faenza;
  • Madre con Cristo Risorto (bronzo, Parma, Cappella delle Ancelle dell'Immacolata, Cimitero Monumentale);
  • Il Paziente Anziano (Alpignano, collezione privata SS. Annunziata).
  • Statua della Vergine Maria per la chiesa Queen Mary di New York;
  • Pannelli raffiguranti scene del Vecchio e Nuovo Testamento, oltre ad una statua alta 5 metri raffigurante l'Evangelista San Marco per il Seminario Cattolico di San Marco a Eire in Pennsylvania;
  • Composizione in maiolica raffigurante la Madonna di Fátima per il Santuario Madonna di Fatima nell'Ontario in Canada;
  • Tabernacolo e pannello in maiolica a riflessi per la chiesa San Gaspare del Bufalo ad Albano di Roma;
  • Pannello in maiolica raffigurante i Santi Pietro e Paolo per l'Almo Collegio Capranica di Roma;
  • Vetrate artistiche per il Duomo di Narni;
  • Medaglia commemorativa in occasione della visita a Faenza di Papa Giovanni Paolo II in oro, argento e bronzo;
  • Fonte battesimale in maiolica a riflessi per la chiesa Madonna della Speranza di Gallarate;
  • Vetrate istoriate raffiguranti “L'Annunciazione” e “La Resurrezione” per la chiesa Santa Maria della Speranza di Cesena;
  • Per la villa dello sceicco Mabarruf in Arabia Saudita, vetrata artistica di oltre cento metri quadrati;
  • Bassorilievo in bronzo raffigurante Monsignor Cimatti ed alcune vetrate istoriate per il Museo Salesiano di Tokyo;
  • Croce in oro e miniature in ceramica per l'Almo Collegio Capranica di Roma;
  • Altare in bronzo con inserti di cristalli policromi per la Collegiata San Michele a Brisighella;
  • Trentasei vetrate con scene ispirate all'Apocalisse ed una via della Croce per la Chiesa San Giovanni Evangelista di Ascoli Piceno;
  • Monumento in acciaio e vetro “Ricordo della Resistenza” collocata a Faenza;
  • Via della Croce in maiolica a riflessi per la Cappella della Congregazione dei Vescovi, Città del Vaticano;
  • Pannello in maiolica e arredi in vetro per la Farmacia Lenzi di Faenza.
  • Grande opera in maiolica a riflessi raffigurante una barca vela per la sede centrale della banca Banca di Credito Cooperativo di Faenza.
  • 22 Trofeo Lorenzo Bandini 2015 - Premiato, con l'opera in maiolica realizzata da Goffredo Gaeta Toto Wolff, manager della Mercedes campione del mondo.
  • Le quattro vetrate montate ad angolo nella chiesa Sancta Maria Mater Ecclesie, di altezza di metri 4,20 su vetro unico) raffiguranti: Melchisedek Re di Salem, Il sacrificio di Isacco, Il Battesimo di Gesù, La Trasfigurazione.
  • Rosone realizzato con vetri policromi, posto al centro della facciata principale della chiesa Santa Maria Assunta in Solarolo.
  • Tre grandi vetrate artistiche policrome, raffiguranti “Il sogno di Don Bosco delle due colonne” collocate all'interno della Cappella Don Bosco della Collegiata di Lugo di Romagna.
  • Timpano del portale d’ingresso della chiesa Sancta Maria Mater Ecclesiae di Rimini, in maiolica, bassorilievo di cm 413 x cm 105 raffigurante “rose”.
  • 24 Trofeo Bandini 2017
    24 Trofeo Bandini 2017 Premiata, con l’opera in maiolica realizzata da Goffredo Gaeta, la Scuderia Ferrari.
    24 Trofeo Lorenzo Bandini 2017 – Premiata, con l’opera in maiolica realizzata da Goffredo Gaeta, la Scuderia Ferrari.
  • Grande opera in maiolica, collocata nell’Abside della chiesa Sancta Maria Mater Ecclesiae di Rimini. Bassorilievo di 48 metri quadrati, raffigurante il Vescovo Emilio Biancheri (Vescovo di Rimini 1953, sett. 7-1976, dic. 17), che ha partecipato al Concilio Vaticano II (Città del Vaticano 1962-1965), devoto alla Madonna, viene raffigurato nell'atto di porgerLe in dono il progetto della chiesa a Lei dedicato.
    Abside della chiesa “Sancta Maria Mater Ecclesiae” di Rimini
    Grande bassorilievo in maiolica, opera del maestro Goffredo Gaeta, collocata nell’Abside della chiesa “Sancta Maria Mater Ecclesiae” (Rimini - villaggio I° maggio - via Montescudo 30)

Altre opere sono esposte in numerose collezioni private e musei di tutto il mondo tra cui: il Museo internazionale delle Ceramiche in Faenza, il Museo della Ceramica di Gubbio, il Museo di Gualdo Tadino, il Muzej za umjetnost i obrt di Zagabria, il Muszej primenjene umetnosti a Belgrado, il Museo del Mare di Fiume, il Museo di Gmunden (Austria), il Museo d'Arte Ceramica di Kyoto, il MoMA di New York e nella Canonica della parrocchia SS. Annunziata di Alpignano.

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

"I Martiri del '900 nel contesto dell'Apocalisse di S. Giovanni", Duomo Cattedrale di Ascoli Piceno, 2005, pannello in maiolica a riflessi a rilievo, metri quadrati 32, collocato nel transetto laterale dell'altare maggiore.
  • 1963, II Biennale d'Arte del Metallo, Gubbio.
  • 1964, Mostra Internazionale della Ceramica Tokyo e Kyoto, Giappone.
  • 1964, Mostra collettiva, Galleria d'Arte Moderna e Museo del Mare. Fiume, Jugoslavia.
  • 1965, Mostra collettiva, Galleria d'Arte Moderna, Fiume, Jugoslavia.
  • 1967, Mostra personale, Museo del Mare, Fiume, Jugoslavia.
  • 1967, Mostra personale, Museo d'Arte e Artigianato di Zagabria, Jugoslavia.
  • 1970, China and Glass Show, Atalntic City, USA.
  • 1970, Mostra personale, Galleria Turska Kùca, Buccari, Jugoslavia.
  • 1970, Contemporary Ceramici Art Europe and Japan, Kyoto, Giappone.
  • 1970, Mostra personale, Galleria Il Vicolo, Genova.
  • 1972, Mostra personale, Galleria della Pigna, Roma.
  • 1973, Oltre l'altra dimensione, Galleria Nuove Muse, Bologna.
  • 1973, Mostra personale, Centro artistico Culturale di Roma.
  • 1974, Mostra personale, Galleria Il Diamante, Ferrara.
  • 1974, U.F.O., Galleria Faenza Duemila, Reggio Emilia.
  • 1976. Viaggio in dimensioni senza tempo, Hotel Metropoli, Roma.
  • 1978, Mostra personale , Municipio di Albano Laziale.
  • 1978, Ipotesi dei primi viaggi col pensiero, Museo della Rivoluzione Popolare, Fiume, Jugoslavia.
  • 1979, Quali altri universi, Galleria di Palazzo Doria, Genova
  • 1982, Mostra collettiva, Galleria di Pirra Ceramiche, Torino.
  • 2000, Viaggio a Creta, Bagnacavallo, Palazzo dell'Abbondanza.
  • 2001, Angeli, Lugo, Palazzo del commercio.
  • 2003, Dal caos all'ordine, Firenze.
  • 2004, Mediterraneo, Strasburgo, Palazzo del Parlamento Europeo.
  • 2005, Presepi, Faenza, Galleria Giani.
  • 2006, Esposizione a Bruxelles.
  • 2007, Esposizione al Museo internazionale delle ceramiche in Faenza.
  • 2008, Il Presepe di Goffredo Gaeta, Budrio, Chiesa di S. Agata.
  • 2009, Ceramiche e vetri di Goffredo Gaeta, Bagnacavallo, Palazzo dell'Abbondanza.
  • 2010, Reflexe auf majolika, Gmunden, Museo Civico Kammerhof Museen.
  • 2010, Natività 2010, Faenza, Galleria Giani.
  • 2011, La luce e la forma, Ferrara, Castello estense.
  • 2012, 6ª Biennale d'Arte di Ferrara, Ferrara, Chiostro di S. Anna.
  • 2012, Riflessi su maiolica. Jingdezhen, Cina.
  • 2014, La ceramica che cambia, Faenza, MIC - Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza
  • 2015, Riflessi su maiolica, Forlì, Chiesina del Miracolo
  • 2015, Scultura ceramica contemporanea in Italia, Roma, GNAM - Galleria Nazionale di Arte Moderna

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • D. Zanasi, Numerosi giovani artisti premiati a Faenza dal ministro Braschi in "Il Resto del Carlino”, Bologna 9 luglio 1956.
  • Opere di ceramisti faentini adornano un Seminario in Pennsylvania in “Il Resto del Carlino”, Bologna 1º settembre 1959.
  • B. M. ZETTI UGOLOTTI, Santi italiani per chiese americane in “La Ceramica”, anno XVII n. 4, Milano aprile 1962.
  • Personale a Londra del nostro concittadino Goffredo Gaeta in “Il Resto del Carlino”, Bologna 26 gennaio 1963.
  • Zauli, Gaeta, Tramonti e Matteucci esporranno in Giappone in “Il Lamone”, Faenza 30 maggio 1964.
  • A. PERESSON, "Eminenti rappresentanti di un'arte tradizionale: espongono Zauli, Tramonti, Matteucci, Gaeta e Melandri” in “La Voce del Popolo”, Ravenna 28 gennaio 1965.
  • “Goffredo Gaeta espone al Museo d'Arte e Artigianato di Zagabria” in “Il Piccolo”, Faenza 18 maggio 1967.
  • L. M., Una torre per artisti, mostra a Buccari di Goffredo Gaeta in “Panorama”, anno XIX n. 14, Fiume Jugoslavia 1970.
  • AA. VV., Contemporary Ceramic Art Europe and Japan, Kyoto The National Museum of Modern Art august 28 - october 11 1970, Kyoto Japan 1970.
  • "Le XXVIII Concours International de Céramique d'Art de Faenza : Goffredo Gaeta e Ivo Sassi se partagent le premiere prix” in “La Céramique Moderne”, Paris septembre 1970.
  • Goffredo Gaeta: oltre l'ultima dimensione, Catalogo mostra, Bologna Galleria «Nuove Muse», Grafiche Galeati, Imola 1973.
  • La mostra di Goffredo Gaeta alla Galleria Il Diamante in “Gazzetta di Ferrara”, Ferrara 9 febbraio 1974.
  • R. FERRETTI, Personale di Goffredo Gaeta, Reggio Emilia Galleria «Faenza 2000» 11 - 23 maggio 1974, Reggio Emilia 1974.
  • Mostra di Gaeta inaugurata a Roma in “Il Resto del Carlino”, Bologna 4 febbraio 1976.
  • A. D., I sogni in maiolica: mostra di Goffredo Gaeta al Museo della Rivoluzione in “Panorama” anno XXVII n. 23/78, Editrice Edit, Rijeka-Fiume Jugoslavia 1978.
  • Una personale di Goffredo Gaeta alla Galleria Doria di Genova in “Corriere Poeti & Pittori” n. 65, Firenze novembre 1979.
  • R. BOSI, Storia della ceramica di Faenza, Comune di Faenza, Grafiche di Marradi, Marradi (FI) giugno 1980.
  • AA. VV., Premi ‘Faenza’ al Concorso Internazionale della ceramica d'arte 1938-1982, Monte di Credito su Pegno e Cassa di Risparmio di Faenza, Grafiche di Marradi, Marradi (FI) luglio 1982.
  • G. COSI - R. FIORINI, Ceramica contemporanea in Italia, Il Candelaio Edizioni, Firenze gennaio 1984.
  • AA. VV., I maestri della ceramica moderna - 1984, Faenza Editrice, Tipolito TEG, Bologna giugno 1984.
  • Ceramiche dei Concorsi di Faenza alla Triennale di Milano, Tipografia Faentina, [s. d. 1984].
  • I maestri della Ceramica Moderna 1986, Faenza Editrice, Faenza gennaio 1987.
  • G. C. BOJANI (a cura di), 1950-1990 Ceramiche Italiane Contemporanee, Catalogo mostra, Kyushu (Giappone) Museo delle Ceramiche 29 agosto - 4 ottobre 1992, Museo Internazionale delle Ceramiche Faenza - Museo delle Ceramiche Kyushu, Kashima Printing Co., Saga-ken Giappone 1992.
  • G. C. BOJANI, Ceramica d'arte contemporanea, Faenza ultimi esiti: anni Novanta, Catalogo mostra, Comune di Bondeno - Comune di Fiorano Modenese, Museo Internazionale delle Ceramiche, Faenza 1996.
  • G. C. BOJANI, Museo Internazionale delle ceramiche: le nuove tendenze della ceramica in “Veneziarte”, Catalogo mostra, Venezia Bacino di Marittima 5 - 8 marzo 1999, Edizioni Blend, Papergraf, Piazzola sul Brenta (Padova) marzo 1999.
  • C. SPADONI, Arte e Artisti nel mondo della Ceramica: la Raccolta internazionale d'arte ceramica contemporanea dell'Istituto d'Arte F. A. Grue di Castelli, Andromeda Editrice, Colledara (TE) agosto 2003.
  • Dal caos all'ordine, Catalogo mostra, Firenze Istituto Niels Stensen 3 ottobre - 29 novembre 2003, Istituto Stensen, Firenze 2003.
  • G. CEFARIELLO GROSSO, Terra e fuoco, arte ceramica in Italia, Catalogo mostra, Bruxelles Palais de Charles Quint 2 - 8 dicembre 2003, Edizioni Mandragora, Firenze novembre 2003.
  • "L'artista faentino Goffredo Gaeta espone al Palazzo del Parlamento Europeo di Strasburgo” in “Ceramica Informazione” n. 431, Gruppo Editoriale Faenza Editrice, Faenza marzo 2004.
  • F. DONATI, "La stella della poliedricità: inaugurata l'opera di Goffredo Gaeta alta trentadue metri” in “Corriere di Romagna”, Rimini 18 giugno 2004.
  • G. BONOMI, XXIV Biennale di Gubbio, Opere delle Biennali 1959-1996 della Collezione Comunale, Catalogo mostra, Provincia di Perugia, Perugia febbraio 2005.
  • F. BERTONI - J. SILVESTRINI, Ceramica Italiana del Novecento, Edizioni Mondadori Electa, Milano 2005.
  • E. DALL'ARA, La luce della rivelazione nell'apocalisse di Goffredo Gaeta, Studio d'Arte Goffredo Gaeta, Galeati Industrie Grafiche, Imola marzo 2006.
  • Gaeta a Bruxelles: vetri e ceramiche in La Ceramica Moderna & Antica n. 256, Gruppo Editoriale Faenza Editrice, Faenza novembre 2006.
  • E. GAUDENZI, “Novecento Ceramiche Italiane, protagonisti e opere del XX secolo, volume 2 Dal primitivismo al design”, Faenza Editrice - Divisione Editoriale GPP, Faenza novembre 2006.
  • F. BERTONI - E. DALL'ARA, “Goffredo Gaeta al Museo Internazionale delle Ceramiche, Catalogo mostra, 16 giugno - 30 settembre 2007, Edizioni Centro d'Arte “La Cartiera”, Faenza 2007.
  • J. BENTINI - F. BERTONI - F. GIACOMINI, 55º Premio Faenza Concorso Internazionale della Ceramica d'Arte Contemporanea, Studio 88, Faenza giugno 2007.
  • E. GAUDENZI, Novecento Ceramiche Italiane, protagonisti e opere del XX secolo, volume 3 Ultimi decenni, Faenza Editrice - Il Sole 24 Ore Business Media, Faenza novembre 2008.
  • A.A. AMADIO, L. MORGANTI, M. PICCIOLO, La Cattedrale di Ascoli Piceno, D'Auria Editrice, (pagg. 143), 2008, ISBN 978-88-903948-0-5.
  • Emanuele Gaudenzi, Goffredo Gaeta - l'arte della ceramica, Roma, Artemide, 2010. ISBN 978-88-7575-110-4.
  • A.A., Catalogo dell'Arte moderna, Milano, Editoriale Giorgio Mondadori, (pag. 252, Proposte pag. 3 7), 2013, ISBN 978-88-6052-515-4
  • ARIANNA SARTORI, Catalogo Sartori d'Arte Moderna e contemporanea 2014, Mantova, Archivio Sartori Editore, (pag. 122), 2013
  • AA.VV., La ceramica che cambia, Gli Ori, Pistoia 2014, (pagg. 84, 85) ISBN 978-88-7336-545-7, su gliori.it.
  • UGO FACCHINI, Pier Damiani - mille anni di iconografia, Edizioni del Girasole, Ravenna 2014 (pagg. 352, 353, 354, 255), ISBN 978-88-7567-545-5
  • AA.VV., La ceramica che cambia, Gli Ori, Pistoia 2014, ISBN 978-88-7336-545-7
  • UGO FACCHINI, Pier Damiani - mille anni di iconografia, Edizioni del Girasole, Ravenna 2014 (pagg. 352, 353, 354, 255), ISBN 978-88-7567-545-5
  • Centro d'Arte La Cartiera - Goffredo Gaeta

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN210423404 · ISNI (EN0000 0001 4036 566X · LCCN (ENn2011081176 · WorldCat Identities (ENlccn-n2011081176