Gods of War

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Gods of War (disambigua).
Gods of War
Artista Manowar
Tipo album Studio
Pubblicazione 26 febbraio 2007
Durata 73 min : 38 s
Dischi 1
Tracce 16
Genere Epic metal
Heavy metal
Etichetta Magic Circle Music
Produttore Joey DeMaio
Registrazione /
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Manowar - cronologia
Album precedente
(2002)
Album successivo
(2007)
(EN)

« They can't stop us
Let 'em try
For heavy metal we will die! »

(IT)

« Loro non ci possono fermare
Lasciateli provare
Per l'heavy metal noi moriremo! »

(Manowar - Die for Metal)

Gods of War è l'undicesimo album della band statunitense heavy metal Manowar.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

È uscito in Germania il 23 febbraio 2007, in Italia il 26 febbraio ed in Francia il 5 marzo e il 3 aprile in Canada e negli Stati Uniti. La sua uscita è stata preceduta dall'EP The Sons of Odin EP, che ne ha anticipato alcune tracce. Come si può leggere nel booklet, questo cd è un "tributo ad Odino", padre degli dei,[1] ed è il primo di una serie di concept album dedicati agli dei della mitologia norrena.

Decisi ad una svolta dopo le numerose critiche ricevute con Warriors of the World, i Manowar hanno realizzato un album fortemente caratterizzato da sonorità epiche, che negli ultimi lavori erano effettivamente poco presenti. Il lavoro presenta un'alternanza di parti interamente orchestrali (Overture to the Hymn of the Immortal Warriors, Overture to Odin) e di parti narrate (The Ascension, The Blood of Odin, Glory Majesty Unity), oltre che alle normali canzoni, che contribuiscono ad aumentare l'atmosfera generale del disco.

Canzoni veloci e potenti (Loki God of Fire, The Sons of Odin) sono inframmezzate da lente ballate (Blood Brothers) e da inni epici (Sleipnir, Gods of War). La bonus track Die for Metal è fuori dalla "trama" del disco e segue il filone intrapreso con Louder Than Hell e Warriors of the World: si tratta di un inno ai fans, a se stessi e al "vero metallo" confezionato su misura per essere suonato ai concerti.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Gods of War è distribuito in edizioni differenti/limitate; le edizioni di questo album sono tre: una normale (comune), un'edizione da 2 LP e, infine, un'edizione molto particolare avente una sovracopertina esterna in metallo con inciso il nome/simbolo Manowar con all'interno una sorta di piccolo libriccino contenente il CD e un DVD con 40 minuti di dietro alle quinte; tra il CD e il DVD si trova il booklet scritto totalmente in alfabeto runico.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Overture to the Hymn of the Immortal Warriors - 6:19
  2. The Ascension - 2:30
  3. King of Kings - 4:17
  4. Army of the Dead, Part I - 1:58
  5. Sleipnir - 5:13
  6. Loki God of Fire - 3:49
  7. Blood Brothers - 4:54
  8. Overture to Odin - 3:41
  9. The Blood of Odin - 3:57
  10. The Sons of Odin - 6:23
  11. Glory Majesty Unity - 4:41
  12. Gods of War - 7:25
  13. Army of the Dead, Part II - 2:20
  14. Odin - 5:26
  15. Hymn of the Immortal Warriors - 5:29
  16. Die for Metal (Bonus track) - 5:16

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gods of War - Manowar. URL consultato il 1º marzo 2014.
Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Heavy metal