Gneo Manlio Cincinnato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gneo Manlio Cincinnato
Nome originaleCnaeus Manlius Cincinnatus
Morte480 a.C.
GensGens Manlia
Consolato480 a.C.

Gneo Manlio Cincinnato, in latino Cnaeus Manlius Cincinnatus (Roma, ... – 480 a.C.), è stato un politico e militare romano

del V secolo a.C.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gneo Manlio apparteneva alla nobile gens Manlia, una delle più antiche e conosciute gentes patrizie dell'antica Roma, i cui cognomina più diffusi durante la Repubblica erano Capitolino, Torquato e Vulsone; il nomen Manlio viene frequentemente confuso con Manio o con Manilio.

Gneo Manlio, eletto console nel 480 a.C. insieme a Marco Fabio Vibulano[1][2], fu il primo membro di questa gens a raggiungere il consolato e da allora vari Manlii ebbero incarichi nella magistratura della repubblica.

In quell'anno Tiberio Pontificio, un tribuno della plebe, propose, come Spurio Licinio l'anno precedente, una legge agraria[3] cercando di ostacolare la leva militare[4], ma i senatori ed i consoli riuscirono a corrompere alcuni tribuni della plebe e ad effettuare il reclutamento: era l'inizio della guerra contro Veio, e più in generale contro l'Etruria, che durò fino al 476 a.C.[4].

Gli Etruschi si erano ammassati a Veio e riuniti all'esercito di quella cittadina non tanto per sostenerne la lotta quanto perché coltivavano la speranza di approfittare della debolezza di Roma conseguente alle accese lotte intestine[4]. Una volta che Romani ed Etruschi si furono insediati nei rispettivi accampamenti i due consoli, timorosi di affrontare gli eserciti alleati, evitarono dapprima il combattimento, trattenendo le proprie truppe. I nemici tentarono allora di provocarli insultando sia loro che le truppe, suscitando un profondo senso di rabbia ed una crescente impazienza di combattere il nemico[5]. Ulteriori provocazioni degli Etruschi esasperarono i soldati romani a tal punto da far temere un ammutinamento delle truppe; Marco Fabio convinse Gneo Manlio all'azione e fece giurare l'esercito, davanti agli dei, che la battaglia sarebbe stata vinta, pena la punizione divina sugli sconfitti.

La battaglia venne vinta da Marco Fabio ma a carissimo prezzo, poiché durante il suo svolgimento caddero prima Quinto Fabio, console due anni prima, e poi lo stesso Gneo Manlio[6][7]. Il console superstite, profondamente rattristato per la morte del fratello e del suo collega non accettò, in segno di dolore e di rispetto, il trionfo che il senato gli aveva riservato[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tito Livio, Ab urbe condita libri, Libro II, 43, 11.
  2. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, IX, 5
  3. ^ Secondo Dionigi di Alicarnasso Tiberio Pontifici non propose una legge agraria, ma l'istituzione del collegio di 10 senatori che avrebbero dovuto individuare le terre pubbliche da suddividere tra i cittadini romani, Antichità romane, IX, 5
  4. ^ a b c Tito Livio, Ab Urbe Condita Libri, Libro II, 44.
  5. ^ Tito Livio, Ab Urbe Condita Libri, Libro II, 45.
  6. ^ Tito Livio, Ab Urbe Condita Libri, Libro II, 45-47.
  7. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, Libro IX, 5-12
  8. ^ Tito Livio, Ab Urbe Condita Libri, Libro II, 47, 9-10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Cesone Fabio Vibulano II
e
Spurio Furio Medullino Fuso
(480 a.C.)
con Marco Fabio Vibulano II
Cesone Fabio Vibulano III
e
Tito Verginio Tricosto Rutilo