Gnathanodon speciosus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Carango indopacifico
Gnathanodon speciosus.jpg

Gnathanodon speciosus Prague 2011 2.jpg
Adulti (in alto) e giovanili

Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Percoidei
Famiglia Carangidae
Genere Gnathanodon
Specie G. speciosus
Nomenclatura binomiale
Gnathanodon speciosus
Forsskål, 1775
Sinonimi

Caranx cives, Caranx edentulus, Caranx panamensis, Caranx speciosus, Scomber speciosus

Nomi comuni

Carango dorato

Esemplare adulto pescato a Bali

Il Carango indopacifico[1] (Gnathanodon speciosus (Forsskål, 1775)), comunemente noto come carango dorato, è un pesce osseo marino appartenente alla famiglia Carangidae. È l'unica specie appartenente al genere Gnathanodon.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il principale carattere distintivo di questa specie rispetto a tutti gli altri carangidi è l'assenza di denti sulle mascelle. Il corpo è ovale, abbastanza affusolato, simile come proporzioni a quello delle ricciole mediterranee. Altro carattere distintivo della specie è la livrea che, negli adulti, è dorata sul dorso e digrada sull'argenteo su fianchi e ventre, sempre con riflessi dorati. Cinque o sei strette fasce verticali nere sono presenti sui fianchi, in molti esemplari alcune fasce scure meno visibili e marcate sono intercalate alle fasce nere. I giovanili hanno colore di fondo giallo cromo con cinque o sei vistose fasce scure verticali di cui una attraversa l'occhio[2].

La taglia massima nota è di 120 cm,la media di 75cm. Il peso massimo conosciuto è di 15 kg[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Diffuso nelle parti tropicali dell'Oceano Pacifico sia orientale che occidentale e nell'Oceano Indiano compreso il mar Rosso. Non è presente nel mar Mediterraneo. Si tratta di un pesce pelagico molto costiero che si allontana raramente dai reefs e non frequenta l'alto mare[3].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Gregario, soprattutto allo stadio adulto. I giovanili sono spesso associati alle meduse. Sia gli adulti che, soprattutto i giovani, possono seguire grandi pesci pelagici come gli squali per avere protezione contro i predatori adottando una strategia comportamentale simile a quella dei pesci pilota[3].

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di crostacei e infauna, talvolta anche di piccoli pesci[3].

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie non ha importanza per la pesca commerciale[3] ma viene catturata di frequente dai pescatori sportivi, specie con la tecnica della mosca[2].

Acquariofilia[modifica | modifica wikitesto]

I vistosi giovanili sono spesso ospiti degli acquari pubblici[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mipaaf - Decreto Ministeriale n°19105 del 22 settembre 2017 - Denominazioni in lingua italiana delle specie ittiche di interesse commerciale, su www.politicheagricole.it. URL consultato il 23 aprile 2018.
  2. ^ a b Julian Pepperell, Fishes of the Open Ocean, Chicago, The University Chicago Press, 2010, ISBN 9780226655390.
  3. ^ a b c d e f (EN) Gnathanodon speciosus, su FishBase. URL consultato il 04.06.2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]