Glory to Hong Kong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
願榮光歸香港
Glory to Hong Kong
CompositoreThomas dgx yhl
Epoca di composizione2019

Glory to Hong Kong (in cantonese: 願榮光歸香港; Yuhn Wìhnggwōng Gwāi Hēunggóng; Ritorni la gloria ad Hong Kong) è una marcia cantonese composta e scritta da un musicista con lo pseudonimo di Thomas dgx yhl, con il contributo di un gruppo di netizen di Hong Kong del forum online LIHKG durante le proteste di Hong Kong del 2019 . È stato ampiamente adottato come l'inno di queste proteste, e alcuni addirittura lo considerano come l'inno nazionale di Hong Kong.

Da quando sono scoppiate proteste diffuse a Hong Kong all'inizio di giugno 2019, varie canzoni che simboleggiano la democrazia, come Do You Hear The People Sing dal film Les Misérables, sono state cantate dai manifestanti in diverse occasioni come loro inni. Glory to Hong Kong, secondo il compositore, è stato creato per aumentare il morale dei manifestanti e unire le persone. Dalla pubblicazione della canzone, è stata cantata in molte dimostrazioni. Esistono anche numerose versioni in inglese e in altre lingue che circolano sul web.[1]

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Versione inglese[modifica | modifica wikitesto]

We pledge: No more tears on our land

In wrath, doubts dispell'd we make our stand

Arise! Ye who would not be slaves again

For Hong Kong, may Freedom reign

Though deep is the dread that lies ahead

Yet still with our faith on we tread

Let blood rage afield! Our voice grows evermore

For Hong Kong, may Glory reign

Stars may fade as darkness fills the air

Through the mist a solitary trumpet flares

Now, to arms! For Freedom we fight with all might we strike

With valour, wisdom both, we stride

Break now the dawn, liberate our Hong Kong

In common breath: Revolution of our times

May people reign, proud and free, now and evermore

Glory be to thee Hong Kong

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) How Hong Kong got a new protest song, in BBC, 14 settembre 2019. URL consultato il 23 settembre 2019 (archiviato il 23 settembre 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]