Gloria di Schönburg-Glauchau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gloria di Schönburg-Glauchau
Gloria, Princess of Thurn and Taxis (1981).jpg
La principessa Gloria in una fotografia del 1981
Principessa di Thurn und Taxis
Stemma
In carica 26 aprile 1982 –
14 dicembre 1990
Predecessore Isabella Maria di Braganza
Nome completo Mariae Gloria Ferdinanda Gerda Charlotte Teutonia Franziska Margarethe Frederike Simone Johanna Joachima Josefine Wilhelmine Huberta
Nascita Stoccarda, Baden-Württemberg, Germania, 23 febbraio 1960 (62 anni)
Dinastia Schönburg-Glauchau per nascita
Thurn und Taxis per matrimonio
Padre Conte Joachim di Schönburg-Glauchau
Madre Contessa Beatrix Széchenyi de Sárvár-Felsővidék
Consorte Giovanni, XI principe di Thurn und Taxis
Figli Maria Teresa
Elisabeth
Alberto II

Gloria di Schönburg-Glauchau, principessa di Thurn und Taxis (nata Contessa Mariae Gloria Ferdinanda Gerda Charlotte Teutonia Franziska Magarethe Frederike Simone Johanna Joachima Josefine Wilhelmine Huberta von Schönburg in Glauchau und Waldenburg; Stoccarda, 23 febbraio 1960), è un membro, per matrimonio, del casato tedesco di Thurn und Taxis.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gloria nacque il 23 febbraio 1960, come figlia del conte Joachim di Schönburg-Glauchau e della contessa Beatrix Széchenyi de Sárvár-Felsővidék. Suo fratello, il conte Alexander di Schönburg-Glauchau, è un giornalista e scrittore di romanzi di grande successo in Germania. Sua cognata, Irina Verena d'Assia è una pronipote del principe Filippo di Edimburgo e Gloria stessa è una parente di Sophie Chotek von Chotkowa, duchessa di Hohenberg.

Sebbene fosse una contessa, la sua famiglia non versava in condizioni economiche favorevoli, pertanto Gloria lavorò come cameriera nella località sciistica svizzera di Sankt Moritz, prima di sposare il principe Giovanni di Thurn und Taxis, che era nato nel 1926.[1]

Nota come "principessa punk" e "principessa TNT", Gloria fu un'icona durante gli anni 80. Era conosciuta per i suoi acquisti lussuosi oltre che per le continue feste a cui partecipava o che organizzava. Tuttavia, con la morte di Giovanni, le spese folli si arrestarono a causa delle forti tasse che gravavano sulla proprietà che suo marito aveva lasciato.

La coppia ebbe tre figli:

  • la principessa Maria Teresa (Maria Theresia Ludowika Klothilde Helene Alexandra di Thurn und Taxis) (Ratisbona, 28 novembre 1980),
  • la principessa Elisabeth (Elisabeth Margarethe Maria Anna Beatriz di Thurn und Taxis) (Ratisbona, 24 marzo 1982),
  • il principe Alberto (Albert Maria Lamoral Miguel Johannes Gabriel di Thurn und Taxis) (Ratisbona, 24 giugno 1983).

Dopo la morte di suo marito, la principessa Gloria funse da tutore per la minore età del figlio, Alberto II, il nuovo capo del casato di Thurn und Taxis. Durante la tutela, Gloria controllava 2 miliardi di dollari della fortuna dei Thurn und Taxis.

Nel 2001, fu severamente criticata per aver affermato in un talkshow che l'alto tasso di AIDS nei paesi africani non era dovuto alla mancanza della pratica del sesso sicuro ma al fatto che "ai neri piace copulare ('schnackseln') un sacco". Nel 2008, disse in un'intervista che il motivo dell'alto numero di accoppiamento dei neri ha a che fare con il clima caldo del luogo.[2]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Joachim von Schönburg-Glauchau Karl Heinrich von Schönburg-Glauchau  
 
Adelheid von Rechteren-Limpurg  
Friedrich Carl von Schönburg-Glauchau  
Oktavia Chotek von Chotkowa und Wognin Bohuslaw Chotek von Chotkow  
 
Wilhelmina Kinsky von Wchinitz und Tettau  
Joachim von Schönburg-Glauchau  
Rudolf Baworowski Józef Marian Baworowski  
 
Franziska zu Hardegg  
Maria Anna von Barorów-Baworowska  
Fanny von Chorinsky und Ledske Victor Paul von Chorinsky und Ledske  
 
Anna zu Trauttmansdorff-Weinsberg  
Gloria von Schönburg-Glauchau  
Ödön Széchényi István Széchenyi  
 
Crescence Seilern  
Balint Széchényi  
Irma Almay Rezső Almay de Almás  
 
Adele Fellner de Feldegg  
Beatrix Széchényi  
Pavel Pavlovich Golitsyn Pavel Vasilyevich Golitsyn  
 
Yekaterina Nikitichna Trubetskaya  
Mariya Pavlovna Golitsyna  
Aleksandra Nikolayevna Meshcherskay Nikolay Petrovich Meshchersky  
 
Mariya Aleksandrovna Panina  
 

Titoli tedeschi[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene il governo federale tedesco non riconosca lo status "nobile" o "reale" per sé, i membri delle ex casate reali, principesche e nobili tedesche utilizzano i loro titoli nobiliari che il governo tedesco considera come cognomi. A titolo di cortesia e per la facilità d'uso, i membri femminili di queste famiglie utilizzano la versione femminilizzata del nome della famiglia.

Titoli e trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce al merito di I classe dell'Ordine al merito della Repubblica Federale di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di I classe dell'Ordine al merito della Repubblica Federale di Germania
— 7 settembre 2006
Dama di commenda dell'ordine di San Gregorio Magno (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di commenda dell'ordine di San Gregorio Magno (Santa Sede)
— 23 luglio 2008[3]
Dama d'onore e devozione del Sovrano militare ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Dama d'onore e devozione del Sovrano militare ordine di Malta
— Giugno 2009[4]
Dama dell'Ordine al merito bavarese - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine al merito bavarese
— 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Camille d'Elora, Point de Vue, in Gloria von Thurn und Taxis: La Mal Aimée, 31 gennaio 1995, p. 5.
  2. ^ Bild:Im Bett mit Gloria
  3. ^ Acta Apostolicae Sedis
  4. ^ Malta Archiviato il 4 ottobre 2013 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principessa consorte di Thurn und Taxis Successore
Principessa Isabella Maria di Braganza 26 aprile 1982 – 14 dicembre 1990 Vacante
Controllo di autoritàVIAF (EN73370457 · ISNI (EN0000 0001 0987 5725 · LCCN (ENnb2004313365 · GND (DE120652439 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2004313365
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie