Gli uomini mi spiegano le cose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gli uomini mi spiegano le cose
Titolo originaleMen Explain Things to Me
AutoreRebecca Solnit
1ª ed. originale2014
1ª ed. italiana2017
Generesaggio
Lingua originaleinglese

Gli uomini mi spiegano le cose (Men Explain Things to Me) è una raccolta di saggi brevi di Rebecca Solnit, pubblicata nel 2014 da Haymarket Books. La prima edizione del libro conteneva sette saggi per un totale di 130 pagine, mentre nel settembre 2015 è stata pubblicata una seconda edizione che include due nuove saggi dell'autrice, portando le pagine a 176[1]. La prima edizione del libro è stata tradotta e pubblicata in lingua italiana nel 2017 dalla casa editrice Ponte alle Grazie[2] .

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Men Explain Things to Me (2008)[modifica | modifica wikitesto]

Men Explain Things to Me (Gli uomini mi spiegano le cose) è il saggio che dà il titolo alla raccolta, in cui l'autrice descrive la pratica di alcuni uomini di spiegare con un atteggiamento arrogante e paternalistico un concetto ad una donna come se lei non ne fosse a conoscenza oppure un qualcosa di ovvio o cui l'interlocutrice già sappia bene cosa sia o ne sia competente e specializzata. Secondo la Solnit questo atteggiamento, che svilisce la professionalità e la credibilità delle donne, è una delle cause che portano alla violenza contro le donne, alle molestie e persino allo stupro.

Sebbene nel saggio non venga mai utilizzato,[3] da questo saggio deriva il neologismo mansplaining[4] che definisce l'atteggiamento utilizzato da alcuni uomini durante una conversazione se l'interlocutore è una donna.[5] Il termine è una parola macedonia ottenuta dall'unione delle parole inglesi man (uomo) e explain (spiegare)[6], ed è stato incluso nei dizionari a partire dal 2014.[7][8] Il New York Times ha inserito il termine tra le parole dell'anno del 2010.[9].

The Longest War (2013)[modifica | modifica wikitesto]

The Longest War (La guerra piú lunga) si focalizza sulla violenza contro le donne, in particolare sul femminicidio. L'autrice descrive come le comunitá online siano terreno fertile per questi comportamenti violenti, e analizza lo stupro e l'omicidio di Jyoti Singh a Nuova Delhi come esempio di quello che molte donne sono chiamate ad affrontare durante la loro vita.

Worlds Collide in a Luxury Suite: Some Thoughts on the IMF, Global Injustice, and a Stranger on a Train (2011)[modifica | modifica wikitesto]

Worlds Collide in a Luxury Suite: Some Thoughts on the IMF, Global Injustice, and a Stranger on a Train (Il mondo si scontra in una suite di lusso: Alcuni pensieri sul FMI, Ingiustizie Globali, e uno straniero su un treno) Questo saggio è incentrato sulla figura di Dominique Strauss-Kahn e la sua reazione alle accuse di stupro della cameriera Nafissatou Diallo. Solnit paragona il modo in cui il Fondo monetario internazionale sfrutta i paesi in via di svilippo al modo in cui gli uomini sfruttano le donne in posizioni di debolezza, approfittando del loro potere.

In Praise of the Threat: What Marriage Equality Really Means (2013)[modifica | modifica wikitesto]

In Praise of the Threat: What Marriage Equality Really Means (Elogio della minaccia: Cosa significa realmente un matrimonio fra uguali) In questo saggio l'autrice sostiene che i matrimoni fra persone dello stesso sesso sono osteggiati e considerati una minaccia all'idea tradizionale di matrimonio, perché questi matrimoni si svolgono fra "uguali", senza distinizione di ruolo e di genere, mentre nel matrimonio tradizionale la donna é sempre subalterna all'uomo.

Grandmother Spider (2014)[modifica | modifica wikitesto]

Grandmother Spider (Nonna ragno) esamina come la memoria delle donne è stata sempre annichilita nel corso della storia, portando come esempio la legislazione di matrimonio inglese che vede la donna come "proprietá" del marito, e che non riporta i nomi delle consorti all'interno degli alberi genealogici.

Woolf’s Darkness: Embracing the Inexplicable (2009)[modifica | modifica wikitesto]

Woolf’s Darkness: Embracing the Inexplicable (L'oscuritá di Virginia Woolf: Abbracciare l'inesplicabile). Il saggio è centrato sulla figura di Virginia Woolf e la sua influenza. In particolare l'autrice riflette sull'aforisma “Il futuro é oscuro, che penso sia la cosa migliore che il futuro possa essere", considerando come l'incertezza del futuro non sia da temere ma anzi consenta una serie infinita di possibilitá da esplorare.

Cassandra Among the Creeps (2014)[modifica | modifica wikitesto]

#YesAllWomen: Feminists Rewrite the Story (2014)[modifica | modifica wikitesto]

Pandora’s Box and the Volunteer Police Force (2014)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda libro su haymarketbooks.org
  2. ^ “Gli uomini mi spiegano le cose”: la lotta delle donne contro l’addestramento all’inadeguatezza Il Fatto Quotidiano, 28 Novembre 2017
  3. ^ (EN) Rebecca Solnit, Men who explain things, su Los Angeles Times, 13 aprile 2008.
  4. ^ (EN) Sady Doyle, Mansplaining, Explained, su In These Times, 1º maggio 2014.
  5. ^ Mansplaining: ovvero tutto quello che già sappiamo sugli uomini, ma che non avevamo ancora nel dizionario, su softrevolutionzine.org, 6 novembre 2013.
  6. ^ (EN) mansplain, su Oxford Dictionaries.
  7. ^ (EN) New words added to OxfordDictionaries.com today include binge-watch, cray, and vape, su blog.oxforddictionaries.com.
  8. ^ (EN) Jane Solomon, Word Watch 2013: -splain, su blog.dictionary.com, 6 dicembre 2013.
  9. ^ Sady Doyle, Mansplaining, Explained, su In These Times, 1º maggio 2014. URL consultato il 7 luglio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]