Gli asparagi e l'immortalità dell'anima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli asparagi e l'immortalità dell'anima
AutoreAchille Campanile
1ª ed. originale1974
Genereraccolta di racconti
Sottogenereumoristici
Lingua originale italiano

Gli asparagi e l'immortalità dell'anima sono una raccolta di racconti umoristici del 1974 scritto dal narratore, giornalista e drammaturgo italiano Achille Campanile, edito dalla Rizzoli. Comprende 38 racconti, scritti tra il 1925 e l'anno di pubblicazione[1], il decimo dei quali dà il titolo al libro.

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Pantomima
  2. La modella
  3. Lo sciatore
  4. Le regge abbandonate
  5. Il celebre scrittore
  6. Paganini non ripete
  7. Barnaba
  8. Ferragosto
  9. Il trumeau
  10. Asparagi e immortalità dell'anima
  11. I suoi capelli biondi (romanza senza parole)
  12. Dal parrucchiere
  13. L'attrazione del vuoto
  14. Il biglietto da visita
  15. Il moroso
  16. Avventura di viaggio
  17. L'abisso
  18. Gazzettino natalizio
  19. L'omeostato
  20. La squadriglia della morte
  21. Centenari, o: Il racconto del capitano Horn
  22. Pazzi
  23. Moglie e marito
  24. La famiglia affezionata
  25. La cartolina
  26. La cura dell'uva
  27. Il trovatello
  28. Le miniere artificiali
  29. Il telefono
  30. Il freddo
  31. Il segreto
  32. La malignità
  33. L'apostolo
  34. La pratica
  35. Angelo con le ghette
  36. Contro l'insonnia
  37. Un'impresa colossale
  38. Le seppie coi piselli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ * Achille Campanile, Gli asparagi e l'immortalità dell'anima, Milano, Rizzoli, 1974, seconda di copertina.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura