Giuseppe Versaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Versaldi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Giuseppe Versaldi (cropped).jpg
Il cardinale Versaldi il 22 maggio 2015
Coat of arms of Giuseppe Versaldi.svg
Christi Minister
 
TitoloCardinale presbitero del Sacro Cuore di Gesù a Castro Pretorio
Incarichi attualiPrefetto emerito della Congregazione per l'educazione cattolica (dal 2022)
Incarichi ricoperti
 
Nato30 luglio 1943 (79 anni) a Villarboit
Ordinato presbitero29 giugno 1967 dall'arcivescovo Albino Mensa
Nominato vescovo4 aprile 2007 da papa Benedetto XVI
Consacrato vescovo26 maggio 2007 dall'arcivescovo Enrico Masseroni
Elevato arcivescovo21 settembre 2011 da papa Benedetto XVI
Creato cardinale18 febbraio 2012 da papa Benedetto XVI
 

Giuseppe Versaldi (Villarboit, 30 luglio 1943) è un cardinale e arcivescovo cattolico italiano, dal 5 giugno 2022 prefetto emerito della Congregazione per l'educazione cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Villarboit, in provincia ed arcidiocesi di Vercelli, il 30 luglio 1943.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Studia nei seminari dell'arcidiocesi.

Il 29 giugno 1967 è ordinato presbitero, nella cattedrale di Vercelli, dall'arcivescovo Albino Mensa.

Dopo l'ordinazione è coadiutore nella parrocchia del Santissimo Salvatore a Vercelli e, dal 1970, guida spirituale di un gruppo di seminaristi liceali.

Nel 1972 è inviato a Roma a studiare psicologia e diritto canonico alla Pontificia Università Gregoriana.

Nel 1976 viene incaricato di fondare il consultorio familiare diocesano a Vercelli, di cui è direttore; successivamente è presidente della Federazione regionale piemontese dei Consultori di ispirazione cristiana; nel 1977 diventa parroco di Larizzate.

Nel 1980 consegue il titolo di avvocato rotale ed inizia ad insegnare diritto canonico e psicologia presso la Pontificia Università Gregoriana, mentre nel 1985 è nominato dalla Santa Sede referendario e nel 1990 votante presso il Supremo tribunale della Segnatura apostolica.

Nel 1994 l'allora arcivescovo Tarcisio Bertone lo nomina vicario generale dell'arcidiocesi di Vercelli.

Ministero episcopale e cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Versaldi durante la processione in onore alla Madonna della Salve ad Alessandria, nel 2009.

Il 4 aprile 2007 papa Benedetto XVI lo nomina vescovo di Alessandria[1]; succede a Fernando Charrier, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 26 maggio successivo riceve l'ordinazione episcopale, nella cattedrale di Vercelli, per l'imposizione delle mani dell'arcivescovo Enrico Masseroni, coconsacranti i vescovi Fernando Charrier e Natalino Pescarolo. Il 10 giugno 2007 prende possesso della diocesi.

Nel marzo 2009 è nominato dal papa visitatore apostolico per i Legionari di Cristo in Italia, Israele, Filippine e Corea; termina questo incarico nel maggio 2010.

Il 21 settembre 2011 papa Benedetto XVI lo nomina presidente della Prefettura degli affari economici della Santa Sede e lo eleva in pari tempo alla dignità di arcivescovo[2]; succede al cardinale Velasio De Paolis, dimessosi per raggiunti limiti di età. Rimane amministratore apostolico della diocesi di Alessandria fino all'ingresso successore Guido Gallese, avvenuto il 25 novembre 2012.

Nel concistoro del 18 febbraio 2012 lo stesso papa lo crea cardinale diacono del Sacro Cuore di Gesù a Castro Pretorio[3]; il 15 giugno prende possesso della diaconia[4].

Il 15 febbraio 2013 papa Benedetto XVI lo nomina delegato pontificio per la Congregazione dei Figli dell'Immacolata Concezione con l'incarico di guidarla verso un possibile risanamento economico; tale nomina arriva in seguito alla visita apostolica effettuata alla stessa congregazione dall'arcivescovo Filippo Iannone, vicegerente della diocesi di Roma[5]. Il 15 giugno 2016 termina l'incarico[6].

Il 12 e il 13 marzo 2013 partecipa come cardinale elettore al conclave che porta all'elezione di papa Francesco.

Il 31 marzo 2015 papa Francesco lo nomina prefetto della Congregazione per l'educazione cattolica[7]; succede al cardinale Zenon Grocholewski, dimessosi per raggiunti limiti di età. Ricoprendo questo incarico è inoltre gran cancelliere della Pontificia Università Gregoriana, del Pontificio Istituto Biblico, del Pontificio Istituto di Musica Sacra, del Pontificio Istituto di Studi Arabi e d'Islamistica e del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana; presidente della Commissione interdicasteriale per la formazione dei candidati agli Ordini Sacri, della Pontificia Opera per le vocazioni e patrono del Pontificio Istituto Superiore di Latinità. Il 3 novembre 2016 è nominato, per un quinquennio, gran cancelliere della Pontificia Università Cattolica del Perù[8].

Il 4 marzo 2022 opta per l'ordine presbiterale mantenendo la titolarità della sua diaconia elevata pro hac vice a titolo.

Il 5 giugno 2022, con l'entrata in vigore della costituzione apostolica Praedicate evangelium, cessa dall'incarico di prefetto della Congregazione per l'educazione cattolica, essendo quest'ultima confluita nel nuovo Dicastero per la cultura e l'educazione.

È membro del Supremo tribunale della Segnatura apostolica, della Congregazione per i vescovi, della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e per le società di vita apostolica[9] e della Congregazione per la dottrina della fede[10]. Il 4 ottobre 2017 papa Francesco lo nomina membro della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli e il 14 aprile 2018 della Congregazione delle cause dei santi.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia del vescovo di Alessandria (Italia) e nomina del successore, su press.vatican.va, 4 aprile 2007. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  2. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia del presidente della Prefettura degli affari economici della Santa Sede e nomina del successore, su press.vatican.va, 21 settembre 2011. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  3. ^ Assegnazione dei titoli o delle diaconie ai nuovi cardinali, su press.vatican.va, 18 febbraio 2012. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  4. ^ Avviso dell'Ufficio delle celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice, su press.vatican.va, 1º giugno 2012. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  5. ^ Comunicato della sala stampa della Santa Sede, su press.vatican.va, 18 febbraio 2013. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  6. ^ Comunicazione ufficiale della Santa Sede, su cfic.it, 16 giugno 2016. URL consultato il 29 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2019).
  7. ^ Rinunce e nomine. Nomina del prefetto della Congregazione per l'educazione cattolica, su press.vatican.va, 31 maggio 2015. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  8. ^ (ES) Cardenal Versaldi nombrado Gran Canciller de la PUCP, su puntoedu.pucp.edu.pe, 15 novembre 2016. URL consultato il 25 ottobre 2021.
  9. ^ Rinunce e nomine. Nomina dei cardinali membri dei dicasteri e degli organismi della Curia Romana, su press.vatican.va, 21 aprile 2012. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  10. ^ Rinunce e nomine. Nomina di membro della Congregazione per la dottrina della fede, su press.vatican.va, 15 luglio 2017. URL consultato il 29 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Alessandria Successore BishopCoA PioM.svg
Fernando Charrier 4 aprile 2007 – 21 settembre 2011 Guido Gallese
Predecessore Presidente della Prefettura degli affari economici della Santa Sede Successore Emblem Holy See.svg
Velasio De Paolis, C.S. 21 settembre 2011 – 31 marzo 2015 -
Predecessore Cardinale diacono e presbitero del Sacro Cuore di Gesù Cristo a Castro Pretorio Successore CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Saldarini dal 18 febbraio 2012
Titolo presbiterale pro hac vice dal 4 marzo 2022
in carica
Predecessore Prefetto della Congregazione per l'educazione cattolica Successore Emblem Holy See.svg
Zenon Grocholewski 31 marzo 2015 – 5 giugno 2022 -
Predecessore Gran cancelliere della Pontificia Università Gregoriana Successore Estemma UniGreg.png
Zenon Grocholewski 31 marzo 2015 – 5 giugno 2022 vacante
Controllo di autoritàVIAF (EN305115027 · ISNI (EN0000 0004 1717 9713 · SBN MILV097461 · BAV 495/334147 · LCCN (ENn2017064506 · GND (DE113026078X · WorldCat Identities (ENlccn-n2017064506