Giuseppe Turco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe “Peppino” Turco (Napoli, 7 marzo 1846Napoli, 14 ottobre 1903) è stato un cantautore e giornalista italiano.

Iniziò la carriera giornalistica collaborando con il giornale satirico romano Capitan Fracassa, e con vari periodici napoletani. Raggiunse tuttavia la notorietà come poeta e paroliere.
Insieme a Luigi Denza scrisse nel 1880 Funiculì funiculà.

La canzone vendette un milione di copie e per molti rappresenta la nascita della canzone napoletana moderna.[1]

Scrisse versi per altri canzoni:

  • ‘O telefono
  • Uocchie nire
  • Taranti, tarantella
  • Capille nire
  • Vocca ‘e rosa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Musica napoletana

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN120173021 · BNF: (FRcb13813903d (data)