Giuseppe Sordini (archeologo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Sordini nel 1910

Giuseppe Sordini (Spoleto, 6 settembre 1853Spoleto, 8 giugno 1914) è stato un archeologo, critico d'arte e funzionario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Sordini, figlio di Oreste Sordini, si laurea in giurisprudenza frequentando le università di Perugia e di Roma. Inizialmente assume il ruolo di precettore presso la famiglia Marignoli a Roma; contemporaneamente, appassionato di archeologia, studia la materia da autodidatta e approfondisce anche la storia dell'arte e dell'architettura[1].

Il livello di competenza raggiunto gli consente di vincere un concorso pubblico a Palermo nel 1888, come Ispettore ai monumenti e agli scavi; nel 1890 ottiene il trasferimento a Firenze. Solo nel 1896 ritorna definitivamente a Spoleto dove svolge la maggior parte della sua attività di ricerca, di tutela e di valorizzazione delle numerose testimonianze archeologiche e artistiche della città, esercitando una tenace salvaguardia su tutti i monumenti. Nello stesso anno viene eletto consigliere comunale, membro della Commissione per l'ornato pubblico, ma per dissenzi in merito all'illuminazione del teatro Nuovo, e in merito alla demolizione di un arco medievale in via Cecili, si dimette da entrambe le cariche e anche dai vari enti e associazioni di cui fa parte, mostrando di non poter scendere a compromessi con la sua coscienza civica e politica[2].

Il suo impegno si estende anche al recupero, all'identificazione ed al restauro di dipinti di artisti quali Lo Spagna, Federico Barocci, Archita Ricci da Urbino[3].

Non meno importanti sono le sue ricerche epigrafiche, su tutto il territorio umbro; le iscrizioni, riprodotte in calchi di carta bagnata, sono da lui divulgate grazie alla collaborazione con il CIL, Corpus Inscriptionum Latinarum, XI volume di Eugen Bormann[4].

Con la figlia Bianca ad Assisi nel 1911
Giuseppe Sordini nella Casa romana di Spoleto
Ritratto di Giuseppe Sordini nel 1880. Autore Giacomo Marignoli

Spoleto: scoperte, restauri, recuperi[modifica | modifica wikitesto]

Le principali scoperte riguardano:

Si adopera inoltre per il recupero e il restauro architettonico di importanti monumenti:

Riproduzione della Lex Luci Spoletina all'interno del Bosco sacro di Monteluco

In Toscana conduce importanti campagne di scavo: a Poggio Castiglione (Massa Marittima) e a Talamone; in Umbria opera in Valnerina, a Villa San Faustino presso Massa Martana, a Norcia, Cascia, Monteleone di Spoleto, e nel Lazio a Bolsena[9].

Partecipa attivamente alla vita pubblica e culturale di Spoleto ricoprendo l'incarico di sindaco nel settembre del 1902 per soli sette mesi, poiché per questioni politiche l'intera giunta si dimette. In questa veste progetta la costruzione di Piazza della Signoria, dei giardini e della terrazza panoramica, impresa che sarà pienamente realizzata dopo le procedure di esproprio, alla fine degli anni venti[10]. Succede ad Achille Sansi alla direzione dell'Accademia spoletina.

Fondamentale è il suo apporto alla costituzione della Pinacoteca e del Museo civico, a quel tempo ospitato nel cosiddetto Palazzo della Signoria, corrispondente al piano sottostante la ex chiesa di Santa Maria della Manna d'Oro e il Teatro Caio Melisso; il museo, inaugurato nel 1910, è stato da lui lentamente allestito dal 1903 fino alla sua morte[5].

Nel 1914 muore improvvisamente[11], lasciando un ingente patrimonio di opere e testimonianze documentarie.

La sua attività, almeno per quanto concerne i monumenti medievali della città, viene continuata dal conte Carlo Bandini (Spoleto, 31-05-1860-Spoleto, 17-02-1937), autore di una monografia su Spoleto[12].

L'archivio[modifica | modifica wikitesto]

Racchiude circa 70 buste comprendenti scritti relativi alle attività svolte come Ispettore ai monumenti e scavi, documenti di natura personale, una collezione di scritture antiche in carte e pergamene, calchi epigrafici, stampe, disegni e lettere a lui indirizzate. Tra i nomi presenti nel carteggio ci sono: Thomas Ashby, Cesare Bazzani, Eugen Bormann, Wolfgang Helbig, Wilhelm Henzen, Paul Fridolin Kehr, Theodor Mommsen, Ugo Ojetti, Luigi Pigorini, Corrado Ricci, Lionello Venturi, ecc. Tutto è conservato presso la Sezione di Archivio di Stato di Spoleto[13] [14] [15].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Molto feconda è l'attività saggistica di Sordini: fonda e dirige alcune riviste di carattere archeologico e storico artistico come La Nuova Umbria; pubblica su riviste specialistiche come Notizie dagli scavi, organo dell'Accademia dei Lincei, e Bollettino dell'Istituto Archeologico Germanico. Per l'elenco completo delle sue pubblicazioni consultare: Giuseppe Sordini, pubblicazioni, in Bollettino d'arte. Cronaca delle Belle Arti, nº 1, 1914, pp. 52-53. URL consultato il 17 novembre 2017.

Alcuni saggi:

  • Annibale De Lippi Architetto della Madonna di Loreto presso Spoleto. 1885 Estratto dall'Archivio storico dell'arte, fascicolo I-II
  • Muro poligonale scoperto a Spoleto, 1886. in Mitteilungen des Deutschen Archäologischen Institut, Römische Abteilung
  • Di un diploma e di un affresco esistenti nel palazzo arcivescovile di Spoleto. 1890 Tip. dei minori corrigendi
  • Degli avanzi del teatro romano. 1891. in Notizie degli Scavi
  • Vetulonia Studi e Ricerche. 1894 Premiata Tip. Dell'Umbria
  • Il Sepolcro di Gabriello Garofoli da Spoleto. 1895 Tipografia Minori Corrigendi "Giornale di Arte e storia" n. 22 del 1895
  • Di un Palazzo della Signoria a Spoleto. 1902 Menotti Bassani & C.
  • Di un cimitero cristiano sotterraneo nell'Umbria. Memoria letta in una solenne adunanza del III Congresso Internazionale di archeologia cristiana, in Atti dell II Congresso internazionale di archeologia cristiana, tenuto in Roma nell'aprile del 1900, Roma, Libreria Spithöver, 1902, p. 109. URL consultato il 10 novembre 2017.
  • Di alcuni lavori nel Duomo di Spoleto eseguiti dal 6 gennaio 1904 a tutto l'agosto 1905. Unione Tip. Cooperativa
  • Di una ignorata Cappella dipinta in Spoleto da Giovanni Spagna. 1906 Tecnografica
  • Pietro Ridolfi e Giovanni Spagna. 1906 Tip. Domenicana
  • Il Duomo di Spoleto: delle origini, secondo i documenti, Spoleto, Panetto & Petrelli, 1908. URL consultato il 4 luglio 2017.
  • La pretesa descrizione del palazzo ducale di Spoleto scoperta e pubblicata dal Mabillon. 1907
  • A proposito della trifora nella facciata di S. Gregorio in Spoleto (PDF), in Bollettino d'Arte del Ministero della pubblica istruzione. Anno II, N. 6, Roma, giugno 1908.
  • Gli Sparapane da Norcia. Nuovi dipinti e nuovi documenti (PDF), in Bollettino d'Arte del Ministero della Pubblica Istruzione, IV, Bestelli e Tumminelli, 1910, p. 19.
  • La più antica chiesa e la cripta di S. Benedetto in Norcia. in Bollettino diocesano di Norcia. 1913
  • Nuove esplorazioni della casa romana, presso il palazzo comunale. in Notizie degli Scavi
  • Gisa Giani e Giuseppe Sordini, Un enigma storico-archeologico: le tombe dei Tacito a Terni: lettere di Giuseppe Sordini sull'argomento, Visconti, 1982.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanna Rescigno, La vita, le opere, la ricerca, in Giuseppe Sordini: luoghi e documenti di un archeologo spoletino. Catalogo della mostra 2 luglio - 30 settembre 1993. Sezione di Archivio di Stato di Spoleto, Assisi, Ministero per i Beni culturali e ambientali. Archivio di Stato di Perugia, 1994. p. 9
  2. ^ A.a.V.v., Giuseppe Sordini: l'archivio, la figura e l'opera. Atti della tavola rotonda tenuta a Spoleto presso l'Archivio di Stato il 2 luglio 1993, in Spoletium, rivista d'arte, storia e cultura, Spoleto, Accademia spoletina, 1992 n. 36-37, p. 15.
  3. ^ Rescigno
  4. ^ Rescigno
  5. ^ a b c Lamberto Gentili, Luciano Giacché, Bernardino Ragni e Bruno Toscano, L’Umbria, Manuali per il Territorio. Spoleto, Roma, Edindustria, 1978. p. 213
  6. ^ Giovanna Giubbini, Il ponte Sanguinario, in Giuseppe Sordini: luoghi e documenti di un archeologo spoletino. Catalogo della mostra 2 luglio - 30 settembre 1993. Sezione di Archivio di Stato di Spoleto, Assisi, Ministero per i Beni culturali e ambientali. Archivio di Stato di Perugia, 1994. p. 39
  7. ^ A proposito della trifora nella facciata di S. Gregorio in Spoleto (PDF), in Bollettino d'Arte del Ministero della pubblica istruzione. Anno II, N. 6, Roma, giugno 1908.
  8. ^ Mario Salmi, Sant'Eufemia di Spoleto in Spoletium, Spoleto, 1954 n. II.
  9. ^ Rescigno
  10. ^ Targa a Sordini in Piazza Sordini
  11. ^ Per un'ulcera allo stomaco capita male e tardi, e un'operazione eseguita in extremis che però non gli salvò la vita.
  12. ^ Carlo Bandini, Spoleto, Bergamo, Istituto italiano d'arti grafiche, 1924.
  13. ^ Rescigno
  14. ^ Sistema Informativo degli Archivi di Stato. SIAS
  15. ^ Sistema Informativo degli Archivi di Stato. SIAS

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Salvatore Fratellini, Giuseppe Sordini, necrologio, in Bollettino della Deputazione di Storia patria per l'Umbria, 1914. pp. 582–588
  • Carlo Pietrangeli, Nel centenario della nascita di Giuseppe Sordini, in Spoletium, nº 1, Spoleto, Edizioni dell'Accademia spoletina, 1954.
  • Cosimo D'Angela e Anna Maria Giuntella, Giuseppe Sordini e la basilica spoletina dei Santi Apostoli, in Spoletium, rivista d'arte, storia e cultura, Spoleto, Accademia spoletina, 1982, p. 80.
  • Luigi Sensi, Gli scavi di G. Sordini sul poggio di Talamonaccio, 1892, in Biblioteca di Studi Etruschi 15, Firenze, Editore Leo S. Olschki, 1987.
  • A.a.V.v., Giuseppe Sordini: l'archivio, la figura e l'opera. Atti della tavola rotonda tenuta a Spoleto presso l'Archivio di Stato il 2 luglio 1993, in Spoletium, rivista d'arte, storia e cultura, Spoleto, Accademia spoletina, 1992 n. 36-37.
  • Aa.Vv., Giuseppe Sordini: luoghi e documenti di un archeologo spoletino. Catalogo della mostra 2 luglio - 30 settembre 1993, a cura di Sezione di Archivio di Stato di Spoleto, Assisi, Ministero per i Beni culturali e ambientali. Archivio di Stato di Perugia, 1994.
  • Tiziana Biganti, Giuseppe Sordini tutore del patrimonio artistico alla luce della documentazione d’archivio, in Spoletium, 36-37, Spoleto, Edizioni dell'Accademia spoletina, 1995, pp. 26-29.
  • Silvia Cecchini, L'azione di Giuseppe Sordini nel campo della tutela, in Spoletium, 50-51, Spoleto, Edizioni dell'Accademia spoletina, 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79423405 · ISNI (EN0000 0000 6160 612X · SBN IT\ICCU\CFIV\029434