Giuseppe Rapisardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Rapisardi (Catania, 15 gennaio 1799Catania, 8 aprile 1853) è stato un pittore italiano.

Fu allievo di Matteo Desiderato, ma la sua espressività artistica se ne differenziò presto. Fu prolifico autore di ritratti, se ne contano oltre 30, di tele e affreschi di soggetto sacro e storico. La sua arte è ispirata ai canoni stilistici del neoclassicismo, di gusto romantico.

Operò moltissimo nella sua città natale e nel circondario. Era solito inserire all'interno delle sue opere delle visioni dell'Etna viste dall'angolazione del paese di committenza. Il pittore Giuseppe Sciuti fu tra i suoi allievi.

Il figlio Michele continuò l'opera paterna.

Nelle sue opere era solito firmarsi col nome di Giuseppe Rapisarda.

Elenco parziale delle opere[modifica | modifica wikitesto]

Sacra Famiglia, Chiesa Madre di Santa Maria di Licodia (CT).
Estasi di San Giuseppe da Copertino, Chiesa di San Francesco d'Assisi all'Immacolata, Catania.
  • Acireale (CT)
    • Affresco della volta, Chiesa dell'Oratorio dei Padri Filippini[1].
  • Adrano (CT)
    • Santa Lucia condotta al supplizio, Chiesa di santa Lucia[2].
    • Timoleone ringrazia il dio Adrano per la vittoria su Icete, sipario del Teatro Bellini.
  • Trecastagni (CT)
    • Maria SS. delle Grazie, Santuario dei Santi Alfio, Filadelfo e Cirino martiri[7].
    • Apoteosi dei SS. Martiri, Santuario dei Santi Alfio, Filadelfo e Cirino martiri[7].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte Guida d'Italia [1] (consultato il 24.05.2009)
  2. ^ Fonte Sicilia per il turista - Regione Siciliana [2] (consultato il 24.05.2009)
  3. ^ Fonte Sicilie.it [3] (consultato il 24.05.2009)
  4. ^ Fonte [4] (consultato il 24.05.2009)
  5. ^ a b Fonte Paesi Etnei Oggi [5] (consultato il 24.05.2009)
  6. ^ Fonte Catania-Sicilia.it [6] (consultato il 24.05.2009)
  7. ^ a b Fonte Trecastagni.it [7] (consultato il 24.05.2009)
  8. ^ Fonte sito parrocchiale [8] (consultato il 24.05.2009)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN259297057