Giuseppe Oddo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il chimico, vedi Giuseppe Oddo (chimico).

Giuseppe Oddo (Castelbuono, 16 settembre 1952) è un giornalista e blogger italiano di economia. È stato inviato de "Il Sole 24 Ore" dal luglio 1997 fino al dicembre 2015 e in precedenza ha lavorato per quattordici anni al settimanale "Mondo Economico". Collabora con il settimanale "L'Espresso" e con la testata online "Business Insider Italia" e gestisce il blog "Finanza e Potere".

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Autore di grandi inchieste, ha raccontato fatti e misfatti delle più grandi imprese private e pubbliche e le principali vicende dell'economia nazionale, sia sul versante dell'industria sia su quello della finanza e della politica.

Ha pubblicato: con Giovanni Pons L'Affare Telecom. Il caso politico-finanziario più clamoroso della Seconda Repubblica (Sperling & Kupfer2002 e 2005) e L'intrigo. Banche e risparmiatori nell'era Fazio (Feltrinelli 2005), con Angelo Mincuzzi Opus Dei, il segreto dei soldi. Dentro i misteri dell'omicidio Roveraro (Feltrinelli 2011) e con Andrea Greco Lo Stato parallelo. La prima inchiesta sull'Eni tra politica, servizi segreti, scandali finanziari e nuove guerre, (Chiarelettere 2016). Ha inoltre curato per Feltrinelli il saggio di Franco Bernabè A conti fatti. Quarant'anni di capitalismo italiano (giugno 2020).

Per i suoi libri ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti. Nel 2008 è risultato vincitore del "Premio giornalismo d'inchiesta Marco Nozza" e il 19 novembre 2016 gli è stato conferito a Marzabotto, alla presenza del presidente del Senato Pietro Grasso, il premio "Giustizia e verità - Franco Giustolisi".

Giuseppe Oddo ha tra l'altro gestito per "Il Sole 24 Ore" - dal novembre 2001, prima data di uscita, fino al maggio 2015, ultima data di pubblicazione - l'"Analisi trimestrale dei bilanci" delle principali imprese italiane quotate in Borsa, realizzata in collaborazione con R&S, la società di ricerche e studi di Mediobanca.


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN103580727 · ISNI (EN0000 0000 7356 6073 · SBN IT\ICCU\CFIV\201031 · LCCN (ENno2009201087 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009201087