Giuseppe Montalbano (1895)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Montalbano
Giuseppe Montalbano.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Comunista
Collegio Palermo
Incarichi parlamentari
Sottosegretario di Stato alla Marina mercantile
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione avvocato

Giuseppe Montalbano (Santa Margherita di Belice, 10 giugno 189529 ottobre 1989) è stato un politico italiano. Deputato alla Consulta Nazionale, all'Assemblea Costituente e all'Assemblea regionale siciliana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Avvocato, iscritto al PCI nel 1937, ha preso parte all'organizzazione del partito nella provincia di Agrigento. Fu docente di procedura penale all'Università di Palermo.

Nel 1943 fa parte del Comitato di Liberazione Nazionale. Nel 1944 è nominato da Togliatti segretario regionale del PCI in Sicilia.

Nel Governo Bonomi II fu sottosegretario per la marina mercantile dal 12 dicembre 1944 al 21 giugno 1945. Nel 1945 fu chiamato alla Consulta Nazionale, l'organo legislativo italiano provvisorio. Nel 1946 è eletto deputato all'Assemblea Costituente nelle liste del PCI.[1]. Nel Governo De Gasperi II fu ancora Sottosegretario di Stato alla Marina Mercantile (17 luglio 1946-2 febbraio 1947)[2] Nell'aprile 1947 è eletto deputato all'Assemblea regionale siciliana per il Blocco del Popolo nella provincia di Trapani. È eletto capogruppo del suo partito e viene poi rieletto altre due legislature, nel 1951 e 1955 (nel collegio di Agrigento). Vice Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana dal 1955 al 1959.[3]. Fu sindaco del Comune di Santa Margherita Belice.

Autore una denuncia verso i mandanti della strage di Portella della Ginestra, scrisse il volume “Mafia, politica e storia”. Il figlio, Giuseppe jr, ingegnere, fu arrestato nel 2001 e condannato a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68011368 · ISNI (EN0000 0000 2757 4638 · LCCN (ENn88060789 · BNF (FRcb12137690c (data)