Giuseppe Mazzoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Mazzoni
Giuseppe mazzoni.jpg

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XIII

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza

Giuseppe Mazzoni (Prato, 16 dicembre 1808Prato, 11 maggio 1880) è stato un politico italiano, federalista, triumviro della Toscana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Mazzoni si laureò in giurisprudenza all'Università di Pisa. Fino da giovane abbracciò gli ideali democratici e mazziniani. Chiamato a far parte nel 1835 della pratese Accademia degli Infecondi, assunse poi iniziative politiche sempre più importanti. Prese parte ai moti risorgimentali del 1848, e nel 1849, dopo la fuga del granduca, insieme a Giuseppe Montanelli e Francesco Domenico Guerrazzi fece parte del triumvirato che resse la Toscana come governo provvisorio. A seguito della successiva restaurazione, dovette riparare all'estero per dieci anni: prima a Marsiglia, poi a Parigi e infine a Madrid.

Stanco e sfiduciato, Giuseppe Mazzoni tornò in patria nel 1859, dove espresse la sua contrarietà all'annessione della Toscana al Piemonte, auspicando un assetto federalista per il nuovo stato, in modo da proteggere l'autonomia toscana.[1]. Tuttavia, fu deputato del Parlamento del Regno d'Italia e senatore. Per la coerenza e l'intransigenza delle sue posizioni fu soprannominato il Catone toscano.

In patria fondò un "Movimento Federalista", ispirato all'omonimo gruppo creato anni prima in Lombardia da Carlo Cattaneo e Giuseppe Ferrari e di cui facevano parte studenti, artisti, garibaldini, ex-mazziniani. Vi aderì anche Alberto Mario, allievo di Cattaneo.[2]

Massone, divenne gran maestro del Grande Oriente d'Italia il 7 settembre 1870, carica che ricoprì fino alla morte; in questa veste istituì, nel 1877, l'originaria loggia "Propaganda".

Un monumento a Giuseppe Mazzoni è stato eretto in piazza del Duomo, a Prato. La sua città gli ha dedicato anche una via.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'occasione Mazzoni si assenta per il voto. * AA.VV, Storia d'Italia, Novara, DeAgostini, 1991, p. 132, ISBN 88-402-9440-6..
  2. ^ R. Mori, La questione romana 1861-65, Firenze, 1963, p. 214

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giacomo Adami, Giuseppe Mazzoni: un maestro di libertà, Prato, Azienda autonoma di turismo, 1979.
  • Guglielmo Adilardi, Memorie di Giuseppe Mazzoni (1808-1880). L'uomo, il politico, il massone, 2 voll., Pisa, Pacini, 2008-2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Gran maestro del Grande Oriente d'Italia Successore Square compasses.svg
Lodovico Frapolli 7 settembre 1870 - 11 maggio 1880 Giuseppe Petroni
Controllo di autorità VIAF: (EN78857776 · LCCN: (ENn2009010327 · SBN: IT\ICCU\LO1V\131580 · ISNI: (EN0000 0001 1878 3873 · GND: (DE137551142 · BNF: (FRcb165015474 (data) · BAV: ADV10963628 · CERL: cnp01167929