Giuseppe Maria Martelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Maria Martelli
arcivescovo della Chiesa cattolica
Cappella martelli, tomba dell'arcivescovo Giuseppe Maria Martelli 01.JPG
Mosaico e tomba dell'arcivescovo nella cappella Martelli della chiesa dei Santi Michele e Gaetano a Firenze.
Coa fam ITA martelli khi.jpg
 
Incarichi ricopertiArcivescovo metropolita di Firenze (1722-1741)
 
Nato26 settembre 1678 a Firenze
Ordinato presbitero19 luglio 1716
Nominato arcivescovo2 marzo 1722 da papa Benedetto XIII
Consacrato arcivescovo22 marzo 1722 dal cardinale Lorenzo Corsini (poi papa)
Deceduto22 maggio 1741 (62 anni) a Firenze
 

Giuseppe Maria Martelli (Firenze, 26 settembre 1678Firenze, 22 maggio 1741) è stato un arcivescovo cattolico italiano, arcivescovo di Firenze dal 1722 al 1740.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Firenze faceva parte della ricca famiglia fiorentina dei Martelli. Fu priore di San Lorenzo ed esaminatore sinodale per la diocesi di Firenze e per la diocesi di Fiesole.

Il 22 marzo 1722 venne consacrato arcivescovo e fece l'ingresso in città l'8 maggio.

Nel suo lungo arcivescovado tenne un sinodo diocesano nel 1732 e compì delle visita pastorali nelle parrocchie nel corso di più anni.

Rinnovò il Palazzo Arcivescovile e l'attigua chiesa di San Salvatore al Vescovo, dotandola di nuove opere d'arte.

Venne colpito da apoplessia e dovette rinunciare alla sua carica episcopale dal 1741. Dopo la sua morte fu sepolto nella cappella di famiglia presso la chiesa di San Michele e Gaetano.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa fiorentina, Curia arcivescovile, Firenze 1970.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo metropolita di Firenze Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Tommaso Bonaventura della Gherardesca 2 marzo 1722 – 10 febbraio 1740 Francesco Gaetano Incontri
Controllo di autoritàVIAF (EN2039196 · ISNI (EN0000 0000 6134 3796 · LCCN (ENno93012597 · BAV (EN495/213784 · WorldCat Identities (ENlccn-no93012597