Giuseppe Mancino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Mancino
Tenente Giuseppe Mancino.jpg
NascitaPalermo, 4 settembre 1888
MorteNervesa della Battaglia, 19 giugno 1918
Cause della morteFerite in combattimento
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataFlag of Italy (1860).svg Regio Esercito
ArmaFanteria
Corpo111º Reggimento Fanteria Piacenza
GradoTenente
Comandante diCompagnia Arditi III Armata
DecorazioniMedaglia d'Oro e di Bronzo al Valor Militare
Studi militariScuola Applicazione Fanteria Parma
voci di militari presenti su Wikipedia

Giuseppe Mancino (Palermo, 1888Nervesa della Battaglia, 19 giugno 1918) è stato un militare italiano, decorato con la Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tenente degli Arditi Reggimentali della 3ª Armata.

Giuseppe Mancino, di Serafino e di Carmela La Fata, nasce a Palermo il 4 settembre 1888 e fu dichiarato disperso in combattimento a Nervesa il 19 giugno 1918. Decorato di Medaglia d'Oro per le sue eroiche gesta[2].

Conseguito il diploma magistrale a Palermo, fu insegnante di scuola elementare nella città di Naso in provincia di Messina.

Alla dichiarazione di guerra all'Austria ottenne di essere chiamato in servizio e dopo il corso di ufficiale di fanteria, alla scuola di applicazione di fanteria di Parma, fu nominato sottotenente nella milizia territoriale nel marzo 1916 con il 3º reggimento fanteria Piemonte.

Successivamente fu trasferito nel 228º reggimento fanteria Rovigo, di nuova costituzione, con il quale prese parte nell'agosto 1916 alla battaglia di Gorizia e si distinse a Vertojba dove riportò una grave ferita al torace da una pallottola di fucile che gli si conficcò vicino al cuore.

Dovette essere ricoverato in ospedale, ma appena guarito riprese il suo posto in linea e fu promosso Tenente.

A novembre del 1916 riportò il congelamento degli arti inferiori.

Ricoverato nuovamente in ospedale, per accelerara la guarigione pagò personalmente dei massaggi supplementari agli infermieri, uscì ristabilito alla fine di dicembre ritornando alla propria compagnia.

A Vertojba il 23 e 24 gennaio 1917 si meritò una Medaglia di Bronzo al Valor Militare per la riconquista al nemico di una importante trincea, precedentemente persa.

Dopo gli eventi tragici di Caporetto, fu promosso Aiutante Maggiore in seconda e destinato al 111º fanteria Piacenza, inserita nella Terza armata.

Con la promozione fu però privato del comando diretto sulla sua compagnia, soffrendo questa nuova condizione chiese ed ottenne il comando della compagnia Arditi del reggimento.

Schierato in linea sul Piave, nella zona di Nervesa, ai piedi del Montello, con i suoi Arditi si distinse nei combattimenti durante la battaglia del Solstizio (15 -22 giugno 1918).

Alla testa dei suoi Arditi combatté svariati giorni a Villa Berti (Nervesa) e il 19 giugno per permettere il ripiegamento del reggimento rimase di retroguardia con la sua compagnia, dopo un furioso scontro col nemico il suo corpo non fu ritrovato sul campo di battaglia e venne dichiarato disperso.

Gli venne concessa la Medaglia D'Oro al Valor Militare alla Memoria.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare alla memoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare alla memoria
«Per quattro giorni consecutivi di strenua lotta fece prodigi di valore col reparto arditi del reggimento, contribuendo validamente ad arginare una irruzione nemica, finché, in un ultimo assalto con i suoi prodi per proteggere i compagni che ripiegavano, sopraffatto dal nemico preponderante scomparve nella mischia.

Fulgido esempio di eroismo spinto fino all’estremo delle sue forze.

Nervesa, 15 - 19 giugno 1918.»

Medaglia di Bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Bronzo al valor militare
«Comandante di una compagnia, durante l'azione per la riconquista di una trincea presa del nemico, superando gravi difficoltà di terreno, con risolutezza ed intelligente iniziativa, raggiungeva lo scopo, sprezzante del pericolo, manteneva poi con calma ed energia e rafforzava la posizione, sotto l'intenso fuoco avversario.

Vertojba Dolenje 23-24 gennaio 1917.»

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Le Medaglie d'Oro al Valor Militare 1918" A cura del gruppo medaglie d'oro al V.M. Roma 1968
  • "Le Medaglie d'Oro - Guerra Italo-Austriaca MCMXV-MCMXVIII - VOLUME QUARTO 1918. Ministero della Guerra, Roma 1929
  • "Battaglia del Montello" - XV-XXIII Giugno MCMXVIII nel VI° anniversario - Treviso 1924 (Longo e Zoppelli). RISTAMPA 2008

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]