Giuseppe Mancinelli (militare)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Mancinelli (Urbino, 13 maggio 1895Roma, 1976) è stato un generale italiano che fu Capo di stato maggiore della difesa e comandante della NATO.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Mancinelli nacque ad Urbino il 13 maggio 1895 e ancora giovanissimo dal settembre del 1912 iniziò a frequentare l'accademia militare di Torino, uscendone con il grado di sottotenente d'artiglieria il 2 agosto 1914 e venne ammesso alla frequentazione della Scuola di Applicazione di Artiglieria e Genio ubicata sempre a Torino.

Entrato in servizio attivo con lo scoppio della prima guerra mondiale, venne assegnato al 21º Reggimento di Piacenza col quale, nel settembre 1915, conseguì la promozione al grado di tenente. Promosso capitano nell'aprile del 1917, nel gennaio 1918 venne assegnato al comando d'artiglieria della 7ª Armata.

Alla fine del conflitto, nel maggio del 1920 Mancinelli venne trasferito al 2º Reggimento di Pesaro ed alla fine del 1921 fu ammesso al corso di stato maggiore presso la scuola di guerra della città, da dove uscì nell'agosto 1922 per essere quindi assegnato all'ufficio dello stato maggiore centrale di Roma.

Passato al servizio del Ministero della Guerra nel maggio 1924, nel gennaio dell'anno successivo venne destinato a Milano con l'incarico di sovrintendere alla 2ª sezione di statistica militare. Nel dicembre del 1926 venne trasferito al corpo di stato maggiore ed il 1º ottobre 1927 venne trasferito al reggimento artiglieria a cavallo di Milano, quale comandante del 4º gruppo autoreparto.

Trasferito nuovamente all'ufficio centrale dello stato maggiore di Roma, nel marzo del 1930 venne promosso tenente colonnello e successivamente divenne addetto militare a Berlino (con competenze anche nell'area della Lituania).

Nel dicembre dello stesso anno la sua carica venne estesa anche presso le legazioni di Copenaghen, Stoccolma e L'Aia, e mantenne tale incarico fino al 15 ottobre 1936 quando venne sostituito da Luigi Efisio Marras. Nel novembre del 1932 venne anche nominato aiutante di campo onorario del re Vittorio Emanuele III.

Rientrato in Italia dalla legazione berlinese nel 1936, nel marzo 1942 diviene capo di stato maggiore dell'unità di collegamento con l'Armata corazzata italo-tedesca in Nord Africa (Colacit) e presto promosso Generale di brigata. Dal gennaio 1943 assumerà l'incarico di capo di stato maggiore della 1ª Armata italiana in Tunisia.

Venne nominato Capo di stato maggiore della difesa nel 1955 fino al 1959.

Dal 1956 al 1957 fu anche Presidente del comitato militare NATO.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1958[1]
Gran Croce al merito con placca e cordone dell'Ordine al merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al merito con placca e cordone dell'Ordine al merito di Germania
— 1957
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1953[2]
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia
— 15 maggio 1943[3]
Medaglia d'argento al valore militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valore militare
«Sotto intenso fuoco delle artiglierie nemiche che danneggiavano gravemente gli appostamenti delle sue bombarde ed infliggevano forti perdite al personale dipendente, dimostrò sereno coraggio ed alto sentimento del dovere, dirigendo, impavido, da un osservatorio avanzato il tiro dei pezzi ed accorrendo ripetutamente in batteria per assicurare il continuo funzionamento ed incoraggiare i soldati. - Plava, 12-14 maggio 1917»
Medaglia d'argento al valore militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valore militare
«Ufficiale generale di elevate qualità militati, nella sua qualità di Capo dello Stato Maggiore di collegamento con l'armata corazzata italo-alleata, in un intenso periodo operativo di più mesi ed in uno scacchiere di guerra particolarmente difficile per clima e terreno, si è prodigato in ogni circostanza dando prova di coraggio e valore personale. - Africa settentrionale - Tunisia, novembre 1942 - gennaio 1943»
Croce al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra
«Alla testa di uno squadrone di artiglieria a cavallo, con ardimento e sprezzo del pericolo, attraversava una lunga colonna nemica in ritirata in pieno assetto di guerra, finché, raggiunto un lontano obiettivo, interrompeva detta colonna assicurando così la cattura d'ingente quantità di materiale bellico e di moltissimi prigionieri. - Passo della Mendola, 4 novembre 1918»
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna)
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia
Medaglia commemorativa italiana della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa italiana della vittoria

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90357967 · ISNI (EN0000 0000 6241 2757 · SBN IT\ICCU\SBNV\015289 · WorldCat Identities (ENviaf-90357967