Giuseppe Magalini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Magalini (Villafranca di Verona, 1961) è un dirigente sportivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera da direttore sportivo nel settore giovanile del Chievo Verona. Nella stagione 2003-2004 arriva al Mantova che porta dalla C2 in serie B, che lascia alla fine della stagione sportiva 2009-2010, quando la squadra retrocede in C1. Con il Mantova sfiora la promozione in A, perdendo lo spareggio con il Torino. Nell’estate 2010 va al Portogruaro, neo-promosso in B, dove si dimette prima dell'inizio della stagione e va alla Cremonese.[1]

Condannato nel 2011 a 3 anni e 3 mesi di sospensione (per una vicenda di Scommessopoli), nell'arbitrato con il TNAS gli vengono riconosciute delle ragioni e la sua pena scende a 15 mesi. Finita la squalifica il 19 settembre 2013 diventa d.s. del Grosseto, appena retrocesso dalla B.[2]

Nella stagione 2014-2015 arriva all'Unione Sportiva Alessandria Calcio 1912, che nel 2016 disputa la semifinale di Coppa Italia contro il Milan, e dove viene esonerato il 1º maggio 2017. Nel giugno 2017 diviene Ds del Trapani Calcio, appena retrocesso in Lega Pro[3], rinunciando però all'incarico dopo pochi giorni.[4] Il 1º luglio firma un biennale con la Reggiana[5] e nel maggio 2019 diviene invece il ds del LR Vicenza, società con la quale firma un contratto di due anni[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]